Pittura scultorea. Stanislao Di Giugno a Napoli

Galleria Tiziana Di Caro, Napoli – fino al 7 maggio 2016. Nelle opere di Stanislao Di Giugno la pittura guadagna lo spazio di un’esistenza propria e significativa e l’artista ne esplora i limiti e i confini ontologici. Entrando in dialogo con la scultura.

Stanislao Di Giugno, Untitled (Deserted corners), #1, 2016
Stanislao Di Giugno, Untitled (Deserted corners), #1, 2016

Ricercare i volumi nel sottile spessore della tela, infrangere la tensione superficiale che invece costringe alla bidimensionalità, vinta e straripata, e conquistare lo spazio, seppur minimo, che è il margine e lo scarto abissale tra dimensioni altrimenti distanti e inconciliabili. Sono questi alcuni capisaldi della riflessione artistica di Stanislao Di Giugno (Roma, 1969), che emerge dalla selezione di opere inedite, presentate nella nuova sede della Galleria Tiziana Di Caro, trasferita a Napoli nel 2015. L’analisi delle peculiarità fisiche dei mezzi espressivi e l’indagine sullo spazio sono condotte sia mediante la scansione dei gradienti di colore e per apposizione di velature sia mediante l’adozione delle pieghe, ottenute dal ripiegamento delle tele, come linee guida e come punto di partenza dal quale prende avvio l’opera. In tal modo, il tessuto pittorico è attraversato da linee di volume e di colore, responsabili di uno spessore non solo ottico ma anche fisico, che giunge a completamento nelle opere scultoree tridimensionali. L’artista procede lavorando simultaneamente a gruppi di tele, in cui ciascuna di esse riceve lo stigma di un determinato stato dell’essere o di pensieri che crollano in immagini astratte e geometriche e che provengono da angoli remoti e deserti (Deserted corners, collapsing thoughts).

Rosa Esmeralda Partucci

Napoli // fino al 7 maggio 2016
Stanislao Di Giugno – Deserted corners, collapsing thoughts
TIZIANA DI CARO
Piazzetta Nilo 7
081 5525526
[email protected]
www.tizianadicaro.it

MORE INFO:
https://www.artribune.com/dettaglio/evento/52015/stanislao-di-giugno-deserted-corners-collapsing-thoughts/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Rosa Esmeralda Partucci
È nata ad Avellino nel 1990 e ha frequentato il corso di Laurea Triennale in Archeologia e Storia dell'Arte all'Università degli Studi di Napoli Federico II. Attualmente è in procinto di discutere la tesi in storia dell'arte contemporanea. Ha scritto articoli su testate locali per eventi e mostre organizzate da associazioni (es. Meridies) e altri istituti, quale l'Istituto per la Diffusione delle Scienze Naturali di Napoli. Nel novero dei suoi interessi, oltre all'arte, sono compresi la fotografia, la poesia, la letteratura e il nuoto. Continuerà gli studi magistrali in ambito contemporaneo e museografico.