Fin qui tutto bene. I Clayton Brothers a Milano

Antonio Colombo Arte Contemporanea, Milano – fino al 1° febbraio. Le infinite potenzialità espressive che la figura umana contiene, le metamorfosi e le distorsioni cui sono soggetti tanto i corpi quanto i volti. Al centro della poetica dei Clayton Brothers.

Clayton Brothers, Time To Come Clean, 2013, mixed media on paper, 84x58 cm

Suona quasi come una rassicurazione quell’I’m OK che titola la personale dei fratelli Rob (Dayton, 1963) e Christian (Denver, 1967) Clayton, duo di artisti statunitensi per i quali parlare di collaborazione sembra riduttivo. Lavorando sulla medesima tela, nello stesso momento, intuendo singolarmente la direzione che prenderà il tratto, ma discutendola e condividendola, i Clayton Brothers danno vita a narrazioni intensamente compatte, tanto più interessanti in quanto non è evidentemente solo nelle loro opere – quadri o installazioni che siano – che danno voce alle loro ibridazioni dell’io. Unanimemente considerati tra i più significativi esponenti del Pop Surrealism, diffusosi negli States a partire dagli Anni Novanta, i due fratelli mescolano nei loro lavori pop art e cultura underground, fumetti e cartoons, skateboard e surf, musica e psichedelia. Una trentina di opere inedite, un mix di dipinti, disegni e sculture realizzate per la mostra italiana e accompagnate dal testo di Ivan Quaroni.

Alessia Delisi

Milano // fino al 1° febbraio 2014
Clayton Brothers – I’m Ok
a cura di Ivan Quaroni
ANTONIO COLOMBO
Via Solferino 44
02 29060171
[email protected]
www.colomboarte.com

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Alessia Delisi
Palermitana d'origine e milanese d'adozione, intraprende la carriera di giornalista freelance subito dopo la laurea in Filosofia Estetica che consegue con il massimo dei voti e una tesi su Rayuela di Julio Cortázar. Scrive di arte, design, cultura e culinaria ed è coautrice di una pellicola indipendente argentina. Il suo rapporto con la scrittura è di natura estremamente passionale.