Anime da indossare: i mille ritratti di Claudio Andreoli

1.000 ritratti di sagome umane esprimono i gesti pittorici irruenti di un architetto prestato all’arte. Decine le tecniche inventate, in una ricerca concettuale che analizza itinerari pittorici sconfinati e sperimenta identità materiche diverse. Anime da acquistare a prezzi “politici”, alla 28 Piazza di Pietra Gallery di Roma, fino al 7 maggio.

Claudio Andreoli - PAyNTINGS - veduta della mostra presso 28 Piazza di Pietra Fine Art Gallery, Roma 2013

Le figure smaniose di Claudio Andreoli (Roma, 1962) sono tracciate come graffi, tagli, scalfitture, incisioni, come macchie di colore su legno, metallo, ceramica. Sagome umane ossessive come volti d’inquietudini diverse, astratte come stilizzazioni dell’anima, panciute come fantasmi ingombranti. L’esposizione presso la 28 Piazza di Pietra Fine Art Gallery ripercorre la giovane ma ricca (in mostra oltre mille opere) carriera dell’architetto-artista romano.

Se al piano terra, in un allestimento minimale, trovano posto le opere più recenti, ironici autoritratti, solchi su legni bruciati e lastre metalliche modellate, al piano inferiore le figure sono esposte, impetuose come un irrefrenabile flusso di coscienza, come pagine di un libro già letto e ingiallito, ma non per questo meno caratterizzanti dell’opera di Andreoli. Queste ultime, accatastate, sfogliabili, componibili, sono in vendita a un costo che rifiuta ogni tipo di selezione: ognuno potrà portarsi a casa un’anima a un prezzo “politico”.

Marta Veltri                                                                            

Roma // fino al 7 maggio 2013
Claudio Andreoli – PAyNTINGS. The products may contain traces of human flesh
a cura di Sarah Palermo
28 PIAZZA DI PIETRA FINE ART GALLERY
Piazza di Pietra 28

06 94539281
[email protected]
www.28piazzadipietra.com  

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Marta Veltri
Marta Veltri (Cosenza, 1983) si è laureata in architettura a Roma con una tesi sull'allestimento museale delle Terme di Caracalla. Subito dopo ha fatto parte del team che ha dato alla luce UNIRE, progetto vincitore dell'ultimo YAP (Young Architects Programs) MAXXI, sempre a Roma. Ha collaborato con studi d'architettura italiani e stranieri, approfondendo il complesso rapporto tra architettura, design, arte e fotografia. Negli ultimi tempi si è avvicinata al mondo della comunicazione in ambito artistico e culturale. Dal 2012 scrive per Artribune.