Anarchico e gentiluomo

Nell’arte visionaria del Prof. Bad Trip c’è tutto il repertorio della cultura underground, tra locandine per concerti punk e rimandi fumettistici a Philip Dick. Una retrospettiva dell’artista spezzino scomparso nel 2006, in mostra alla Galo Art Gallery di Torino fino al 10 febbraio.

Prof. Bad Trip - Soldato - 1989

È un must della Galo Art Gallery, il fatto di essere accolti, appena varcata la soglia, da un enorme murale svettante sulla parete laterale. Questa volta si tratta di un collage di disegni in bianco e nero, realizzati in anni diversi da Gianluca Lerici (La Spezia, 1963-2006), in arte Prof. Bad Trip; un collage pieno zeppo delle sue icone ricorrenti (teschi e mutanti robotici), dall’inconfondibile tratto optical e dal gusto demistificatorio.

Musicista, disegnatore, pittore e scultore, Lerici è stato protagonista, fin dagli Anni Ottanta, della contro-cultura italiana fatta di fanzine di musica punk, volantini per concerti, illustrazioni per bootleg. Per poi approdare nei circuiti culturali ufficiali (come la Mondadori, per la quale ha realizzato molte copertine dei romanzi di Niccolò Ammaniti), che hanno imparato ad apprezzare le sue iconografie tribali dai colori acidi nelle pitture ad acrilico, realizzate soprattutto a partire dagli Anni Novanta.

Claudia Giraud

Torino // fino al 10 febbraio 2012
L’arte visionaria del Prof. Bad Trip
a cura di Laura Rossi, Nicolò Bussolati, Alessandro Longo
GALO ART GALLERY
Via Saluzzo 11g
www.galoartgallery.com

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).