Trasformare foto in opere di van Gogh. Art Transfer, l’app del Getty Museum e Google Arts&Culture

Il museo di Los Angeles ha lanciato, in collaborazione con Google Arts & Culture, una app che consente di sovrapporre alle proprie fotografie, un po’ come filtri, i capolavori della storia dell’arte

Anatomical Studies; Peter Paul Rubens (Flemish, 1577 - 1640); about 1600–1605; Pen and brown ink; 27.9 × 18.7 cm (11 × 7 3/8 in.); 88.GA.86; courtesy of the Getty’s Open Content Program (detail)
Anatomical Studies; Peter Paul Rubens (Flemish, 1577 - 1640); about 1600–1605; Pen and brown ink; 27.9 × 18.7 cm (11 × 7 3/8 in.); 88.GA.86; courtesy of the Getty’s Open Content Program (detail)

Vi piacerebbe trasformare un vostro selfie in un’opera d’arte senza utilizzare i soliti filtri disponibili su smartphone e social, ma attraverso i più celebri capolavori di Leonardo da Vinci, Rubens, van Gogh, Edvard Munch o Frida Kahlo? Da oggi è possibile grazie ad Art Transfer, la nuova app ideata dal Getty Museum di Los Angeles e da Google Arts & Culture.

"Puppy Rubens" con Art Transfer
“Puppy Rubens” con Art Transfer

LA NUOVA APP ART TRANSFER 

Art Transfer consente di trasformare qualsiasi fotografia in un’opera d’arte sovrapponendo al vostro scatto uno dei capolavori messi a disposizione della app e custoditi al Getty Museum. Se, per esempio, avete fotografato un paesaggio e siete curiosi di sapere come lo avrebbe dipinto van Gogh, basterà selezionare una delle opere di van Gogh disponibili sulla app, ad esempio Iris, e otterrete uno scatto dallo stile pittorico; oppure potreste trasformare un ritratto fotografico del vostro cucciolo in un disegno di Rubens. È possibile sovrapporre la grafica dell’opera selezionata all’intera foto o selezionare di questa una parte specifica: persone, cose, sfondi. Tra le opere messe a disposizione da Art Transfer sono il Ritratto di Leonilla Principessa di Sayn-Wittgenstein-Sayn di Franz Xaver Winterhalter, L’addio di Telemaco ed Eucharis di Jacques-Louis David, il Ritratto di Agostino Pallavicini di Anthony van Dyck, e anche opere dell’antichità, come il ritratto di una mummia romano-egizia dei primi anni del 100 d.C. o una pietra preziosa greca con un’incisione di cavalletta datata al 425-400 a.C.

COME FUNZIONA ART TRANSFER

Per utilizzare la app Art Transfer è necessario scaricare o aprire l’app Google Arts & Culture, selezionare l’icona della fotocamera nella parte inferiore dello schermo e poi cliccare su “Art Transfer”. A questo punto si può decidere se scattare una foto o se selezionarne una già salvata sul telefono, per poi scegliere dal menu dell’app lo stile grafico dell’opera d’arte che si vuole sovrapporre alla propria foto. Una volta realizzato il “capolavoro”, si può persino scegliere di visualizzarlo come GIF. Naturalmente il Getty Museum invita gli utenti di Art Transfer a condividere le proprie creazioni sui social taggando @GettyMusueum. 

– Desirée Maida 

www.getty.edu

Per scaricare l’app:
iOS:
https://apps.apple.com/app/arts-culture/id1050970557
Android: https://play.google.com/store/apps/details?id=com.google.android.apps.cultural&referrer=utm_source%3Dstella%26utm_medium%3Deditorial-badge

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.