Il mini-drone che entra ‘dentro’ ai monumenti di Roma. Filmati incredibili

I Dirty Seagulls, collettivo di videomaker e piloti di droni, hanno girato grazie a un micro velivolo di loro concezione dei video spettacolari per documentare gli effetti del coronavirus in città. Eccoli dal loro canale YouTube

Pantheon - screenshot dal video Dirty Seagulls
Pantheon - screenshot dal video Dirty Seagulls

Stanno circolando in rete dei filmati spettacolari sul lockdown da Covid-19 a Roma. Video dove sembra di essere in prima persona tanto è ravvicinata la prospettiva, ma in realtà è un drone ad attraversare Piazza Navona e le sue incredibili fontane in un silenzio irreale; o ad esplorare Piazza di Spagna da un’angolazione impossibile. Tutto ciò è visibile sul canale YouTube e sulle pagine social Facebook e Instagram dei Dirty Seagulls, un collettivo di videomaker e piloti italiani di droni da gara che hanno ottenuto un regolare permesso per documentare gli effetti del coronavirus in città. “Tutte le immagini, essendo operatori drone certificati da ormai svariati anni, sono realizzate con necessarie autorizzazioni richieste”, spiega ad Artribune uno dei quattro componenti dei Dirty Seagulls, Gianmarco Gabriele, pilota, videomaker e social content creator.

COME SONO NATE LE IMMAGINI

Così, grazie alla loro destrezza nel maneggiare i droni, è possibile ammirare un Altare della Patria, insolitamente vuoto e chiuso al pubblico per l’emergenza sanitaria che sta investendo il mondo intero, oppure sorvolare, sempre dal punto di vista del pilota, la cupola del Pantheon in una Piazza della Rotonda deserta alle cinque del pomeriggio in una assolata giornata di primavera. “Siamo un collettivo di quattro piloti Italiani di droni, nasciamo come videomaker con una grande passione per i droni, passione che ci ha spinto a sperimentare sempre cose nuove per uscire dagli schemi”, continua Gabriele.

COME SONO STATE REALIZZATE

Quest’anno abbiamo costruito questo micro drone che utilizziamo per i voli proximity, si tratta di un micro drone di 8cm per 150grammi equipaggiato con una Gopro hero6 spogliata e portata a 20grammi! In occasione di un lavoro che ci ha commissionato una testata giornalistica per il lockdown romano, abbiamo deciso di girare, parallelamente all’utilizzo dei droni tradizionali, una serie di video con questo micro drone che si pilota in FPV (First Person View), lo scopo delle riprese è raccontare, a modo nostro, questo periodo storico che ci sta investendo regalando ai romani immagini irripetibili”.

Claudia Giraud

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).