La nuova collezione di Dolce & Gabbana s’ispira a un famoso manga

Dolce & Gabbana lanciano la nuova serie di capi d’abbigliamento ispirati al popolarissimo manga giapponese “Jujutsu Kaisen”. Una novità assoluta per il celebre marchio di alta moda italiano

Dolce&Gabbana x Jujutsu Kaisen © GA_S. JKP
Dolce&Gabbana x Jujutsu Kaisen © GA_S. JKP

Non è la prima volta che personaggi di manga e anime fraternizzano con la moda e con il più spudorato merchandising. Giusto qualche esempio: Doraemon, il personaggio creato da Fujiko Fujio, ha intonato il suo inconfondibile colore azzurro a una linea di scarpe della Nike, diventando perfino il beniamino del marchio Gucci. Naruto, l’attore Michael B. Jordan e la storica società Coach sono finiti a braccetto in una beneamata trinità modaiola nel 2019. E ancora: esistono dozzine di magliette con stampata sopra l’effige del film d’animazione cult di KatsuhiroŌtomo Akira (1988), così come apprezzati dai giovani sono i capi d’abbigliamento ispirati a Sailor Moon. Nel 2020 Moschino ha dato vita a una collezione intitolata Anime Antoinette ispirata al fumetto per ragazze Lady Oscar di Riyoko Ikeda e alla sventurata Maria Antonietta, suscitando eufemisticamente qualche dissapore tra gli appassionati, a sua volta riversato su Twitter tramite commenti affatto eleganti all’indirizzo della casa milanese. La novità grandiosa, semmai, è vedere un marchio d’alta moda come Dolce & Gabbana fondere ispirazione e innovazione con una serie anime tra le più popolari degli ultimi anni: Jujutsu Kaisen.

Dolce&Gabbana x Jujutsu Kaisen © GA_S. JKP
Dolce&Gabbana x Jujutsu Kaisen © GA_S. JKP

DOLCE & GABBANA SI APRONO AL FUMETTO

Nato nel 2018 come fumetto scritto e disegnato da Gege Akutami sulle pagine del settimanale Weekly Shōnen JumpJujutsu Kaisen è diventato un bestseller da 45 milioni di volumetti venduti (in Italia lo pubblica Panini Comics) e ha dato vita a una serie animata nel 2020. Il successo è stato tale da condurre a una pellicola per il grande schermo, che ha tenuto compagnia all’altro campione di incassi del 2021: Demon Slayer. Già allora, il lavoro di Akutami aveva solleticato la curiosità e l’interesse di rivenditori di moda giapponesi, ad esempio Uniqlo, e dato vita a una collezione di magliette. Nulla però regge il confronto con Dolce & Gabbana e la strepitosa collaborazione avviata tra la casa di moda italiana e la serie animata: Dolce & Gabbana x Jujutsu Kaisen.

Dolce&Gabbana x Jujutsu Kaisen © GA_S. JKP
Dolce&Gabbana x Jujutsu Kaisen © GA_S. JKP

DOLCE & GABBANA IN FORMATO MANGA

Il sito ufficiale in lingua giapponese si è adeguato al clima dark dell’anime accogliendo i visitatori su uno sfondo nerissimo con la sola filosofia di tale collaborazione a illuminare tutto il resto: l’eccellenza sartoriale italiana, il nostro formidabile artigianato, e l’orgoglio tutto giapponese verso l’ennesima forma di cultura pop. Facile immaginare Jujutsu Kaisen, prodotto di innovazione e creatività “senza precedenti”, sottolinea la casa di moda, mettersi in posa come nuovo simbolo di bellezza, lusso e fashion.

Dolce&Gabbana x Jujutsu Kaisen © GA_S. JKP
Dolce&Gabbana x Jujutsu Kaisen © GA_S. JKP

I DETTAGLI DELLA COLLABORAZIONE

La collezione speciale, decisamente non per tutti i portafogli, è disponibile dallo scorso aprile in boutique selezionate del Giappone: Isetan’s Men a Shinjuku e ZeroBase a Shibuya, sempre e solo dietro appuntamento. A ZeroBase è possibile, ad esempio, ammirare su display un’illustrazione appositamente realizzata da Sunghoo Park, il regista dell’anime. L’armamentario di questa collezione, che si ispira allo street style dei quartieri più vivaci e frenetici di Tokyo, da Harajuku a Shibuya, appunto, è un bagno pop tra “scarpe da ginnastica, pantaloni, accessori, borse, t-shirt, felpe in cotone e jersey abbinati a giacche in nylon personalizzate con stampe serigrafiche e digitali in 3D e ideogrammi giapponesi per offrire nuovi volumi e un appeal contemporaneo”. Dolce & Gabbana x Jujutsu Kaisen unisce dunque due diverse forme d’arte e per una volta sembra davvero esaudire il desiderio dei fan di richiamare i personaggi dall’altrove fumettistico e animato del Sol Levante e farli sentire davvero “vivi”.

– Mario A. Rumor

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Mario A. Rumor
Ha scritto di cinema e televisione per Il Mucchio, Empire Italia, Lettera43, Just Cinema e numerose altre riviste italiane e inglesi, tra cui Protoculture Addicts, TelefilmMagazine, Retro, Widescreen, DVD World, ManGa!, Scuola di Fumetto e Leggere:Tutti. Con Weird Book ha collaborato al volume “Joe Dante. Master of Horror” con un saggio su Gremlins, e pubblicato le monografie “Un cuore grande così. Il cinema di animazione di Isao Takahata” (2019, seconda edizione), “Osamu Dezaki. Il richiamo del vento” (2019). È inoltre autore di “Tōei Animation. I primi passi del cinema animato giapponese” (Cartoon Club, 2012), “Created By. Il nuovo impero americano delle Serie Tv” (Tunué, 2005) e “Come bambole. Il fumetto giapponese per ragazze” (Tunué, 2005). Vincitore nel 2015 del Premio Letterario Nazionale “Trichiana Paese del libro” e del premio speciale Casse Rurali Valli di Primiero e Vanoi nell’ambito del prestigioso premio letterario “Grenzen-Frontiere”.