Coronavirus e la moda. Le donazioni di Gucci, Prada e Armani per gli ospedali italiani

Dalla riconversione degli stabilimenti tessili nella produzione di camici e mascherine, alle donazioni agli ospedali, i marchi di moda legati all’arte scendono in campo nella lotta al Coronavirus

Manifesto Gucci

Dopo l’arte contemporanea, anche il mondo della moda scende in prima linea a fianco della sanità pubblica impegnata in questi giorni a fronteggiare l’emergenza Coronavirus. Se prendiamo in considerazione i marchi a più stretto contatto con le arti visive con fondazioni a loro dedicate, vedremo che il Gruppo Armani, per esempio, ha convertito tutti i propri stabilimenti produttivi italiani nella produzione di camici monouso destinati alla protezione individuale degli operatori sanitari impegnati a fronteggiare il Covid-19, dopo aver donato nelle scorse settimane fondi per un totale di 2 milioni di euro a favore della Protezione Civile e degli ospedali Luigi Sacco, San Raffaele, Istituto dei Tumori di Milano, dello Spallanzani di Roma, dell’ospedale di Bergamo, di quello di Piacenza e di quello della Versilia. Anche Prada, su richiesta della Regione Toscana, ha avviato nello stabilimento di Montone in provincia di Perugia la produzione di 80mila camici e 110mila mascherine da destinare al personale sanitario della Regione.

Manifesto Gucci
Manifesto Gucci

LE MAISON IMPEGNATE CONTRO IL CORONAVIRUS. LE INIZIATIVE DI GUCCI

Gucci che ha annunciato una donazione di 2 milioni di euro a sostegno di due campagne di crowdfunding: in Italia, dove l’azienda ha sede, a favore del Dipartimento della Protezione Civile, in collaborazione con Intesa Sanpaolo; e a livello globale, a favore del COVID-19 Solidarity Response Fund a supporto dell’Organizzazione Mondiale della Sanità attraverso la campagna di matchmaking di Facebook. Per amplificare tutta l’operazione, ha chiamato all’appello la propria community globale #GucciCommunity, invitandola a contribuire con donazioni. “Questa pandemia ci chiama a un compito inaspettato, ma è una chiamata alla quale rispondiamo con decisione, supportando il lavoro straordinario del personale sanitario, dei medici e degli infermieri che sono ogni giorno in prima linea nella lotta contro l’epidemia di COVID-19, in Italia e nel resto del mondo”, hanno scritto Alessandro Michele, Direttore Creativo di Gucci, e Marco Bizzarri, Presidente e CEO di Gucci in una lettera che annuncia l’iniziativa ai dipendenti dell’azienda in tutto il mondo. “Sostenendoci a vicenda e aiutando quelli che tra noi sono più vulnerabili, saremo in grado di superare questa crisi: uniti, ancora più di prima”. L’iniziativa segue infatti le donazioni di Kering, di cui Gucci fa parte, in Cina, Italia e Francia, e l’annuncio della produzione di oltre 1 milione di maschere e camici per il personale sanitario in risposta all’appello della Regione Toscana. La campagna di crowdfunding di Gucci, com’è nel suo stile, avrà anche un risvolto artistico: We Are All In This Together è, infatti, il claim accompagnato da un’illustrazione donata per l’occasione dall’artista di Roma MP5, che raffigura una persona che tiene la mano sul cuore, in un simbolo di solidarietà.

– Claudia Giraud

www.gucci.forfunding.it
www.instagram.com/Gucci

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).