Biagiotti, Tod’s, Fendi, Bulgari, Gucci: quando a Roma la moda investe sui beni culturali

Biagiotti, Tod’s, Fendi, Bulgari, Gucci. Le maison di alta moda hanno scelto Roma come sede per i loro investimenti strategici, fra restauri (anche surclassando il settore pubblico) e sfilate tra i monumenti. Restituendo così luce all’immagine un po’ opaca della Capitale. Cinque esempi del loro operato

1. LAURA BIAGIOTTI E IL CAMPIDOGLIO

Laura Biagiotti

A Roma tutto inizia nel 1998 con il primo restauro finanziato da una casa di moda: Laura Biagiotti, un marchio che ha legato saldamente la propria immagine alla città eterna, decide di finanziare il restauro della Cordonata del Campidoglio, la scalinata progettata da Michelangelo. L’idea funziona e si ripete nel 2007, quando Biagiotti contribuisce al restauro delle fontane di piazza Farnese.

https://www.laurabiagiotti.it/
http://www.turismoroma.it/it/campidoglio

2. TOD’S E IL RESTAURO DEL COLOSSEO

Diego Della Valle

La prima fase del restauro dei restauri, quello del Colosseo, si è conclusa nel 2016. Ci sono voluti 25 milioni di euro, tre sindaci e un procedimento giudiziario ancora in corso per far sì che Tod’s, la multinazionale di Diego Della Valle, portasse a termine la prima parte dei lavori che hanno restituito il monumento simbolo alla Capitale e all’Italia.

https://www.tods.com/it-it/stories/tods-for-colosseum.html
https://parcocolosseo.it/

3. FENDI: L’ALBA DELLA ROMANITA’

Alda Fendi. Photo © Lucilla Loiotile

Ai primi di agosto sono iniziati i restauri della Fontana del Mosè, nei pressi di piazza della Repubblica, finanziati da Fendi nell’ambito del “Fendi for fountains”, progetto che prevede lavori anche all’acquedotto Traiano Paolo (fontana dell’Acqua Paola al Gianicolo), l’acquedotto del Peschiera (fontana di piazzale degli Eroi) e l’acquedotto dell’Acqua Vergine (fontana del Ninfeo al Pincio). A luglio, nel Foro Romano, la storica casa di moda capitolina ha organizzato l’evento “The dawn of Romanity” (L’alba della Romanità), sfilata in occasione della quale Fendi ha annunciato il finanziamento del restauro del Tempio di Venere e Roma, nei pressi del Colosseo. Queste sono solo le ultime due operazioni legate alla città eterna.  Nel 2018, la Fondazione Alda Fendi si è impegnata a finanziare il restauro “a vista”, ovvero sotto gli occhi dei visitatori, del Sarcofago degli Sposi conservato al Museo Etrusco di Villa Giulia. Sempre nel 2018, la Fondazione aveva restaurato ed aperto il Rhinoceros, palazzo storico abbandonato e ora reso multifunzionale, situato fra il Palatino e la Bocca della Verità. Risale invece al 2015 il restauro della Fontana di Trevi. E così via, indietro nel tempo.

https://www.fendi.com/it/fendi-roma/fendi-is-rome/il-restauro-della-fontana-di-trevi
https://fondazionealdafendi-esperimenti.it/index.php/fondazione/
https://www.museoetru.it/capolavori/sarcofago-degli-sposi

4. BULGARI, FRA I GATTI E LA DOLCE VITA

La scalinata di Trinità dei Monti “adottata” da Bulgari

Negli ultimi anni Bulgari ha finanziato il restauro della scalinata di Trinità dei Monti; in seguito dei mosaici delle Terme di Caracalla. E, in ultimo, dell’area sacra di Largo Argentina: il sito godrà di un finanziamento di un milione di euro da parte della famosa casa di gioielleria. I lavori dovrebbero concludersi nel 2021; sarà salva anche la zona interna agli scavi dedicata alla cura dei gatti. Nel frattempo, a Castel Sant’Angelo e Palazzo Venezia, fino al prossimo 3 novembre si svolge la mostra “Bulgari, la storia, il sogno”. Tanti i richiami alla Dolce vita, con i monili indossati da Liz Taylor, Ava Gardner, Claudia Cardinale.

https://www.bulgari.com/it-ch/the-maison/about-bvlgari/art-and-exhibition/exhibitions/the-story-the-dream.html
http://www.sovraintendenzaroma.it/content/campidoglio-nuovo-atto-di-mecenatismo-culturale-della-maison-bvlgari-l%E2%80%99area-sacra-di-largo

5. I GIARDINI DI GUCCI

Line Up by Dan Lecca, Gucci Cruise Show 2020

Dopo il restauro in corso dei Giardini di Boboli a Firenze, anche Gucci approda a Roma. La multinazionale fiorentina ha deciso di finanziare (per 1,6 milioni di euro) il recupero della Rupe Tarpea, il lato della collina del Campidoglio dove sono presenti giardini chiusi da diversi anni; i lavori dovrebbero concludersi nel 2021. Complice il direttore creativo romano Alessandro Michele, lo scorso 28 maggio Gucci ha organizzato una sfilata all’interno dei Musei Capitolini.

https://www.gucci.com/it/it/st/stories/runway/article/cruise-2020-video
https://www.turismoroma.it/it/luoghi/rupe-tarpea

– Letizia Riccio

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Letizia Riccio
Giornalista dal 1997, laureata in Lingue e letterature straniere moderne a La Sapienza di Roma, inizia a scrivere a La Repubblica nel settore della televisione e prosegue, nello stesso campo, con Il Mattino di Napoli, L'Unione Sarda e Il Giornale dello Spettacolo dell'Agis. Collabora per diversi anni con L'Agenzia di Viaggi, quotidiano per operatori del turismo, scrivendo e viaggiando in Italia ma soprattutto all'estero. Lavora per sette anni presso il Ministero della Giustizia, collaborando con l'Ufficio Stampa e curando un convegno e un progetto europei. Appassionata di arte da sempre, frequenta per tre anni la Scuola d'arte e mestieri del comune di Roma e un corso per guide turistiche organizzato dalla Regione Lazio.