Kim Kardashian lancia linea di intimo fotografata da Vanessa Beecroft. Ma sui social è polemica

La celebre star televisiva e imprenditrice statunitense, sposata con il rapper Kanye West, ha lanciato una nuova linea di lingerie, la cui campagna d’immagine è curata dall’artista Vanessa Beecroft. Ma i fan sembra proprio non abbiano apprezzato il nome dato alla collezione di intimo, ovvero “Kimono”

Credit image by Kim Kardashian via Instagram

Squadra che vince non si cambia, soprattutto se a fare parte della squadra sono la regina dei reality e l’imprenditrice Kim Kardashian (Los Angeles, 1980) e Vanessa Beecroft (Genova, 1969). L’artista di origini italiane celebre per i suoi tableau vivant ha infatti curato l’art direction del matrimonio tra la star americana e il rapper Kanye West; di quest’ultimo, inoltre, ha diretto la campagna d’immagine di Yeezy, le sneakers Adidas firmate proprio dal musicista. Nelle ultime ore invece i media internazionali non fanno altro che parlare della nuova linea di biancheria intima lanciata da Kim Kardashian, e anche in questo caso l’immagine è curata da Beecroft: è stata la stessa imprenditrice a pubblicare, sul proprio profilo Instagram, gli scatti realizzati dall’artista che ritraggono un gruppo di modelle in lingerie. Peccato però che i milioni e milioni di follower di Kim non abbiano molto apprezzato la novità. Il motivo? Il nome dato alla linea di intimo, ovvero Kimono.

 

View this post on Instagram

Finally I can share with you guys this project that I have been developing for the last year. I’ve been passionate about this for 15 years. Kimono is my take on shapewear and solutions for women that actually work. I would always cut up my shapewear to make my own styles, and there have also been so many times I couldn’t find a shapeware color that blended with my skin tone so we needed a solution for all of this. The third pic is the solution short. I developed this style for all of those times I wanted to wear a dress or skirt with a slit and still needed the support. Introducing Kimono Solutionwear™ for every body. Coming Soon in sizes XXS – 4XL in 9 shades. I can’t wait for you to feel this fabric!#KimonoBody @kimono Photos by Vanessa Beecroft

A post shared by Kim Kardashian West (@kimkardashian) on

LA LINEA DI INTIMO DI KIM KARDASHIAN FOTOGRAFATA DA VANESSA BEECROFT

“Finalmente posso condividere con voi questo progetto che ho sviluppato nell’ultimo anno. Questo tema mi appassiona da 15 anni. Kimono è la mia interpretazione di shapewear per le donne, una soluzione che funziona davvero. Ho sempre tagliato il mio shapewear per creare i miei stili, tante volte non sono riuscita a trovare un colore shapeware che si adattasse al tono della mia pelle, quindi avevamo bisogno di una soluzione per tutto questo. La terza foto è la soluzione short: ho sviluppato questo stile per tutte quelle volte che volevo indossare un vestito o una gonna con spacco. Vi presento Kimono Solutionwear ™ adatto a ogni corpo. Disponibile a breve nelle taglie XXS – 4XL in 9 tonalità. Non vedo l’ora che possiate provare questo tessuto!”, scrive Kim Kardashian sul proprio profilo Instagram, sottolineando poi che le foto pubblicate sono state realizzate da Vanessa Beecroft. Gli scatti sono in linea con lo stile già noto dell’artista e ricorda molto quello della campagna pubblicitaria della sneakers Yeezy di Kanye West: un gruppo di modelli posti davanti all’obiettivo in maniera asimmetrica e con uno sguardo impassibile. Nel caso di Kimono, naturalmente, le modelle sono seminude, aspetto questo che avvicina la serie di scatti ai noti tableau vivant della Beecroft.

LA LINEA DI INTIMO “KIMONO” DI KIM KARDASHIAN. DA INSTAGRAM ALLE POLEMICHE

“Cambia il nome” è tra i commenti più ripetuti dai follower sul post pubblicato da Kim Kardashian, riferendosi al nome dato al nuovo modello di lingerie, ovvero Kimono. In effetti (qualora il riferimento fosse realmente questo), cosa avrebbe in comune una linea di biancheria intima contenitiva con l’abito tradizionale giapponese? A livello formale (e non solo) nulla. “Sai cos’è un kimono?”, scrive qualcuno, mentre un altro utente sentenzia: “Ora quando su Google cerchi Kimono, vedrai Kim Kardashian. Questo è il modo in cui cancellano determinate popolazioni dalla storia”. Risponde persino una giapponese: “per favore cambia il nome! Il kimono non è un intimo! Il kimono è quello che sto indossando nella mia foto profilo. Kim, sei una persona influente, per favore non diffondere l’idea sbagliata di Kimono al mondo”. Intanto sui social infuria l’hashtag #KimOhNo, utilizzato da tutti coloro che non hanno apprezzato il nome dato dalla Kardashian al suo intimo.

– Desirée Maida

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.