An Enquiring Mind, alla Wallace Collection di Londra in mostra le scarpe di Manolo Blahnik

Il celebre stilista spagnolo inaugura a Londra una mostra che mette in relazione le sue scarpe con le opere custodite alla Wallace Collection. Le immagini

An Enquiring Mind: Manolo Blahnik at the Wallace Collection è il titolo dell’esposizione dedicata allo stilista e designer Manolo Blahnik (Santa Cruz de la Palma, 1942) che inaugurerà il prossimo 10 giugno alla Wallace Collection di Londra. In mostra una selezione di modelli di scarpe – accessori che hanno reso Blahnik celebre in tutto il mondo, anche grazie al personaggio di Carrie Bradshaw in Sex and the City – scelti dallo stesso stilista, che verranno “incastonati” tra i dipinti, le sculture e i mobili della Collezione. Un dialogo, quello tra l’arte antica e il design di Blahnik, che mette in evidenza le fonti cui si è ispirato lo stilista: la Commedia dell’arte, la moda spagnola, lo stile Rococò, l’arte inglese. “La Wallace Collection è stata per me un punto di riferimento sin dai miei primi giorni a Londra”, ha dichiarato Blahnik. “Era e rimane uno dei miei musei preferiti con la più raffinata selezione d’arte. Sono onorato di esporre il mio lavoro al museo”. Tra le opere esposte, il modello di scarpe realizzato dallo stilista per la Marie Antoinette di Sofia Coppola, messo in dialogo con la Madame de Pompadour dipinta da Fragonard. Ecco in anteprima alcune immagini della mostra.

– Desirée Maida

Londra // dal 10 giugno all’1 settembre 2019
An Enquiring Mind: Manolo Blahnik at the Wallace Collection
The Wallace Collection
Hertford House
Manchester Square
www.wallacecollection.org

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.