I talenti del design si mettono in mostra a Roma

A Cantiere Galli Design una doppia installazione indaga il legame dei talenti creativi con il territorio.

Manufatto
Manufatto

Due allestimenti di oggetti di design, due studi aperti al dialogo con le realtà locali e l’opportunità di scoprire, interpretare le tradizioni e confrontarsi con culture diverse. Territori è l’appuntamento svoltosi a Roma il 3 luglio, seconda tappa di Osservatorio, la rassegna romana che mira a portare alla ribalta fermenti creativi altrimenti destinati, nel caso della Capitale, a rimanere sottotraccia. Promotore dell’iniziativa l’interior design center Cantiere Galli Design, che da più di un anno affianca all’attività commerciale progetti di ricerca come Una stanza tutta per sé, la project room in cui un protagonista del design viene invitato a realizzare un’installazione site specific.
Territori riporta al centro, già dal titolo, l’importanza dell’identità culturale del luogo in cui un oggetto viene prodotto, perché, per dirla con le parole della curatrice Domitilla Dardi, “quando gli oggetti nascono da un incontro tra persone, dal vissuto di chi le progetta e chi le realizza, allora la storia che narrano è sempre quella dei loro territori”.
Protagonisti dell’incontro due studi romani, entrambi legati alla cultura, alla manifattura del luogo nel quale operano e che con queste si sono confrontati, reinterpretando, in un caso, oggetti di una cultura lontana trapiantata nella nostra e, nell’altro caso, mettendo a confronto il know how dell’artigiano locale con la capacità del designer di guardare oltre il manufatto dato e di tradurlo in nuovo progetto.

I DESIGNER

Per Studio Lunik, nel duo di Federica Vezzana e Domenico Paparelli, il confronto con il territorio si traduce in programma multiculturale, che unisce le tradizioni, le tecniche e i materiali del Bangladesh al design contemporaneo. Più che comprensibile dal momento che il territorio in esame è un quartiere con una forte presenza straniera com’è quello di Torpignattara, dove lo studio ha sede. La brocca Kolshi, che mantiene l’acqua fresca senza bisogno di refrigerazione ma solo grazie a una combinazione sapiente di materiali, viene proprio dall’antica tradizione bengalese e così anche i tessili a scacchi, che all’occorrenza possono diventare asciugamani, tovaglie o teli per il mare.
Se al centro di questa ricerca c’è il confronto con una cultura diversa, dimostrazione concreta che l’integrazione fra popoli non solo è possibile, ma è già in atto e con notevole proficuità, lo studio protagonista della seconda installazione – Manufatto, fondato da Ilaria Aprile e Davide Gallina – ragiona sull’interazione del designer con i maestri artigiani locali.
Dai ceramisti di Tarquinia agli artigiani del vetro di Nettuno, fino ai mastri cestai di Anghiari, l’esplorazione dei distretti artigianali italiani porta i due progettisti nelle botteghe locali, per osservare in prima persona le tecniche e i procedimenti che fanno la qualità dell’alta manifattura italiana.

Studio Lunik, Kolshi
Studio Lunik, Kolshi

I PROGETTI

Da questo studio attento delle loro tecniche, insieme all’artigiano e grazie alla sua “intelligenza delle mani”, danno vita a un progetto che è frutto dell’uso sapiente di materiali e tecniche dell’eccellenza locale. È il caso del vetro borosilicato prodotto per le aziende farmaceutiche pontine e lavorato per realizzare uno shaker e del vaso in ceramica nera, che proviene dalle terre ferrose della Tuscia, erede della tradizione etrusca.
Osservatorio prosegue nell’attività di esplorazione e analisi della creatività del progetto con un’esplicita vocazione per quello che gli è più vicino e che è geograficamente racchiuso nel territorio di Roma e del Lazio, ma con l’obiettivo dichiarato, a breve, di ampliare il raggio d’azione al sud d’Italia. Il prossimo incontro è atteso per il 14 dicembre, mentre Una stanza tutta per sé continuerà sul tema Lasciare tracce con l’installazione di Matilde Cassani, prevista per il 21 novembre.

Isabella Clara Sciacca

Dati correlati
Spazio espositivoCANTIERE GALLI DESIGN
Indirizzovia Pacinotti 63 - Roma - Lazio
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Isabella Clara Sciacca
Nasce a Catania, dove si laurea in letteratura e storia dell’arte. Nel 2002 si trasferisce a Roma e lavora con produzioni cinematografiche e televisive italiane e estere. Dal 2015 lavora con Cieloterradesign, agenzia di comunicazione. Nel 2018 fonda Sign Press, agenzia di comunicazione e ufficio stampa, che promuove iniziative volte a diffondere e valorizzare il progetto architettonico e il design. Scrive per la carta e per il web, collaborando con varie testate su argomenti che riguardano il mondo della progettazione. Vive e lavora a Roma. Svolge attività di ufficio stampa e consulenza nella comunicazione, con un’attenzione particolare all’arte, all’architettura e al design.

1 COMMENT

LEAVE A REPLY