Ceramiche Cedit. Il design in una lastra

Florim, industria leader nella produzione ceramica, ha rilanciato il marchio Cedit. Invitando Giorgio Griffa, Franco Guerzoni e una nutrita schiera di designer a interpretare una materia prima dalle innumerevoli sfumature.

Giorgio Griffa per Cedit
Giorgio Griffa per Cedit

Grandi lastre, come tele su cui gli artisti possono esprimere la propria creatività”. Claudio Lucchese, presidente di Florim SpA, rilancia Cedit, la produzione delle ceramiche d’alta gamma, rigorosamente made in Italy, che negli anni si è sviluppata dalla visione di designer e artisti del calibro dei fratelli Castiglioni, Ettore Sottsass, Enzo Mari, Mimmo Rotella e Gino Marotta. Nel 2016, in occasione della Milano Design Week, Cedit reinventa l’attività del marchio con una nuova produzione che chiama in gioco due artisti visivi, Giorgio Griffa, tra i protagonisti della prossima Biennale d’Arte veneziana, e Franco Guerzoni, e i designer Barbara Brondi & Marco Rainò | BRH+, Marco Casamonti | Archea Associati, Matteo Nunziati, Giorgia Zanellato & Daniele Bortotto | Studio Zanellato Bortotto.

Franco Guerzoni
Franco Guerzoni

L’ARTE INCONTRA LA CERAMICA

Liberi da costrizioni di formato e avendo a disposizione materie prime di qualità eccelsa, nonché lavorazioni che hanno permesso grandi avanzamenti nel campo della ricerca materica e stilistica, agli artisti e designer viene chiesto di sintetizzare in un prodotto, e dunque materializzare, il proprio lavoro, la propria poetica, il proprio know-how che ne definisce l’originalità e l’unicità. Il risultato ha le connotazioni di un viaggio intimo e sincero nelle pieghe della creatività di questi autori che, per identificare un segno che li rappresentasse, hanno esplorato colori, texture, riportato i segni del tempo sulla superficie ceramica ritrovando la sapienza della tradizione italiana che ricorda innovandosi.
Cedit ha ricevuto meritati riconoscimenti internazionali, dal NYCxDESIGN Award, nella categoria building products alla fiera ICFF per celebrare i migliori talenti nei principali settori del design, ricordandoci che il made in Italy, quello vero, deve continuare a essere un grande incentivo all’investimento per le nostre aziende.

Flavia Chiavaroli

www.ceditceramiche.it

Articolo pubblicato su Artribune Magazine #34

Abbonati ad Artribune Magazine
Acquista la tua 
inserzione sul prossimo Artribune

Dati correlati
AutoriGiorgio Griffa, Franco Guerzoni
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Flavia ChiavarolI
Architetto, exhibition designer e critico freelance. Osservatrice attenta e grande appassionata di architettura ed arte moderna e contemporanea riporta la sua esperienza nell’organizzazione di workshop, collabora con artisti e fotografi e aggiornando i principali social network. Dal 2012 si occupa di progettazione di mostre ed eventi.