Milano da Vinci: il bando per giovani creativi celebra Leonardo. Premio di 25mila euro

Fondazione Italiana Accenture lancia il concorso Milano da Vinci: il premio sarà destinato al team under 35 in grado di presentare il miglior progetto che intrecci la figura leonardesca con le nuove tecnologie

Leonardo da Vinci
Leonardo da Vinci

Si avvicina il 2019, che segnerà l’anno del cinquecentenario dalla morte di Leonardo da Vinci. Così Fondazione italiana Accenture, in collaborazione con il Comune di Milano e in partnership con Fondazione Milano – Civica Scuola di Cinema Luchino Visconti, promuove Milano da Vinci, un bando rivolto ai team under 35, chiamati a ispirarsi al genio vinciano e a promuovere il capoluogo lombardo tramite l’utilizzo dei new media.

IL CONCORSO

Milano da Vinci costituisce, più che un semplice concorso, una sfida alla creatività e alla capacità di approcciare i new media, con un occhio vigile alle istituzioni della città. Interactive e video art, light design, media performance e installazioni, tutto potrà essere inerente alla finalità del progetto, a patto di inserirsi e valorizzare i luoghi di Milano che sono state toccate dal genio vinciano, come la Sala delle Asse del Castello Sforzesco, la Biblioteca Ambrosiana, il Cenacolo o il Museo della Scienza e della Tecnologia che promuove le intuizioni e le invenzioni del Maestro. “I nove mesi di celebrazioni di Leonardo Da Vinci rappresenteranno una straordinaria opportunità per Milano per rafforzare la sua vocazione di città turistica”, ha dichiarato Roberta Guaineri, assessore al Turismo del Comune di Milano. “Per questo il concorso ideato da Fondazione Italiana Accenture s’inserisce perfettamente nell’ampio piano di promozione che coinvolge istituzioni e soggetti privati per questo storico appuntamento: chi infatti se non gli studenti e i giovani creativi possono incarnare l’eredità di Leonardo, e trovare un modo nuovo per promuovere Milano come la città di Leonardo Da Vinci, attrattiva, turistica, tecnologica, sostenibile, aperta”?

REQUISITI E SCADENZE

Le idee progettuali dovranno essere presentate infatti da team di 5 persone con un’età compresa tra i 18 e i 35 anni. Gli obiettivi delle proposte dovranno rispecchiare: la valorizzazione delle opere e degli itinerari leonardeschi, promuovendo una Milano attrattiva e innovativa. Il tutto dovrà avvenire tramite l’utilizzo dei nuovi media e una comunicazione ad hoc per gli spazi e i canali online del Comune di Milano. L’obiettivo è quello di reintrepretare l’eredità del maestro con progetti che valorizzino spazi come la Sala dell’Asse del Castello Sforzesco, la Biblioteca Ambrosiana, il Cenacolo, il Museo della Scienza e della Tecnologia tra gli altri. Saranno selezionati due team vincitori, a ognuno dei quali verrà assegnato un premio di 12.500 euro, oltre a una formazione, articolata in e-learning, workshop e mentorship con i docenti della Scuola Luchino Visconti, che precederà la fase di realizzazione dei progetti. Fino al 4 febbraio 2019, è possibile partecipare al concorso, consultando la piattaforma digitale di Fondazione Italiana Accenture.

– Giulia Ronchi

Milano da Vinci
Fino al 4 febbraio 2019
Per Info e partecipazioni:
www.milanodavinci.ideatre60.it

 

Dati correlati
AutoreLeonardo da Vinci
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giulia Ronchi
Giulia Ronchi è nata a Pesaro nel 1991. È laureata in Scienze dei Beni Culturali all’Università Cattolica di Milano e in Visual Cultures e Pratiche curatoriali presso l’Accademia di Brera. È stata tra i fondatori del gruppo curatoriale OUT44, organizzando mostre e workshop con artisti emergenti del panorama milanese. Ha curato il progetto Dissuasori Mobili, presso il festival di video arte “XXXFuoriFestival” di Pesaro. Ha collaborato con le riviste Exibart e Artslife, recensendo mostre e intervistando personalità di spicco dell’arte. Attualmente collabora con le testate femminili Elle, Elle Decor, Marie Claire e il maschile Esquire scrivendo di arte, cultura, lifestyle, femminismo e storie di donne. Cura la rubrica “Le curatrici donne più influenti nel mondo” per Marie Claire e “Storie d’amore nella storia dell’arte” per Elle.