Le aste di Cambi: l’arte di ‘800 e ‘900 a Genova e un’iniziativa benefica per l’Ucraina a Milano

Giovanni Fattori, Federico Zandomeneghi e Pompeo Mariani tra i protagonisti del catalogo di maggio a Genova. Mentre a Milano l’Ucraina è protagonista, con opere messe all’incanto da Lia Rumma assieme a viaggi ed esperienze culturali

Ettore Tito Figure con cavalli Firmato in basso a destra Stima: 12.000 - 15.000 €
Ettore Tito Figure con cavalli Firmato in basso a destra Stima: 12.000 - 15.000 €

A distanza di un anno dall’ultima sessione, Cambi Casa d’Aste torna agli incanti al Castello Mackenzie di Genova il prossimo mercoledì 4 maggio 2022 con la nuova vendita dedicata a Dipinti e Sculture del XIX e XX secolo. Nel catalogo di oltre 200 lotti spiccano, tra i nomi più consolidati dell’Ottocento e del Novecento italiani, Giovanni Fattori, Guglielmo Ciardi, Vincenzo Irolli, Federico Zandomeneghi, Oscar Ghiglia, Pompeo Mariani, insieme ad alcune esperienze internazionali.  

Federico Zandomeneghi L’attesa firmato Zandomeneghi in basso a destra, sul retro reca etichetta della Galleria Narciso, Torino Stima: 150.000 - 200.000 €

Federico Zandomeneghi
L’attesa
firmato Zandomeneghi in basso a destra, sul retro reca etichetta della Galleria Narciso, Torino Stima: 150.000 – 200.000 €

CAMBI: L’ASTA DI 800 E 900 A GENOVA 

Il top lot della sessione è L’attesa di Federico Zandomeneghi, “l’Italiano di Parigi”, con Boldini e De Nittis, che arriva in asta con una stima di € 150.000-200.000. Tra le opere più attese poi anche Pattuglia di Giovanni Fattori (stima: 20.000-30.000 €), Vaso di Fiori di Oscar Ghiglia (stima: 15.000-20.000 €), Ritratto di donna di Antonio Mancini (stima: 12.000-18.000 €) e L’ottava di Francesco Paolo Michetti (stima: 50.000-70.000 €), eseguita per la casa reale nel 1878 e da allora mai più presentata sul mercato. 

Banner Cambi, Ucraina
Banner Cambi, Ucraina

CAMBI: L’INIZIATIVA IN FAVORE DELL’UCRAINA A MILANO 

Nella sede di Milano, invece, il 9 maggio 2022 sarà il turno di Un’Arca per l’Ucraina, asta benefica organizzata da Cambi insieme alla Fondazione Progetto Arca onlus, un’iniziativa speciale il cui ricavato sarà destinato a sostenere gli aiuti per l’emergenza in Ucraina. Per quest’incanto non saranno in offerta solo opere d’arte, da André Derain a Lorenzo Mattotti e Luca Monterastelli, provenienti dalla Galleria Lia Rumma, ma anche oggetti di design, soggiorni in hotel e località turistiche italiane e internazionali e altre esperienze rese possibili dal contributo di importanti donatori, tra cui Canali, FAI – Fondo per l’Ambiente Italiano, Ermenegildo Zegna, Baglioni Hotels & Resorts e The Barefoot Eco Hotel.  

 

– Cristina Masturzo  

https://www.cambiaste.com/it/index.asp  

 

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Cristina Masturzo
Cristina Masturzo è storica e critica d’arte, esperta di mercato dell’arte contemporanea, art writer e docente. Dal 2017 insegna Economia e Mercato dell'Arte e Comunicazione e Valorizzazione delle Collezioni al Master in Contemporary Art Markets di NABA, Nuova Accademia di Belle Arti a Milano. È responsabile e contributor dell’area di mercato dell’arte di Artribune Magazine. Nel 2020 è stata tra i coordinatori del Forum dell'arte contemporanea italiana. Collabora con il Dipartimento di Arti Visive di NABA (Milano, Roma) e con FM Centro per l’Arte Contemporanea (Milano) e segue come freelance progetti di ricerca sul sistema dell’arte e progetti editoriali indipendenti. Suoi testi sono stati pubblicati in magazine e cataloghi.