Sotheby’s aggiudicata! La potente casa d’aste ha ora un nuovo proprietario

Il magnate delle telecomunicazioni Patrick Drahi acquisisce la casa d’aste per 3.7 miliardi di dollari.

L'asta Sotheby's
L'asta Sotheby's

La notizia è fresca e di dominio pubblico: accordo raggiunto tra la più celebre casa d’aste del Regno Unito e BidFair USA. Sotheby’s cambia proprietà e viene acquisita dall’imprenditore, finanziere e collezionista d’arte Patrick Drahi. 3 miliardi e 700mila dollari è la cifra kolossal prevista dall’agreement (57 dollari per azione, con un premio del 61% rispetto alla chiusura in Borsa del 14 giugno scorso), con un passaggio di rilievo che segna il ritorno di Sotheby’s al regno delle private company e il “delisting” dal New York Stock Exchange.

PATRICK DRAHI

Colosso dei media, delle telecomunicazioni e del digital, imprenditore e finanziere, Patrick Drahi è anche un collezionista d’arte e mecenate. 55 anni, di nazionalità franco-israeliana (nato a Casablanca da famiglia ebraica, è cresciuto e ha studiato in Francia e ora risiede in Svizzera), fondatore e azionista di controllo del colosso delle telecomunicazioni Altice, questo businessman di fortuna globale è stato in grado di produrre “la migliore offerta” da consegnare al Board of Directors di Sotheby’s.

I COMMENTI IN SOTHEBY’S

A dargli il benvenuto Tad Smith, CEO di Sotheby’s, che lo definisce come “uno dei più rispettati imprenditori al mondo”, e Domenico De Sole, presidente del consiglio di amministrazione, certo che “dopo più di trent’anni come public company [quotata in Borsa, N.d.R.] è il momento giusto per Sotheby’s per tornare a una proprietà privata per continuare un percorso di crescita e successo”. Le transazioni dovrebbero essere definite e completate nel quarto trimestre 2019, intanto Mr. Drahi si è detto onorato dell’accoglienza riservatagli dalla casa d’aste, di cui è cliente di lunga data, e pronto a guardare al futuro di uno dei brand “più eleganti e ambiziosi al mondo”.

– Cristina Masturzo

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Cristina Masturzo
Cristina Masturzo è nata a Salerno e vive a Milano. Ha studiato Economia dei beni culturali all'Università di Napoli e Storia dell'arte e della critica d'arte all'Università di Salerno, trascorrendo un periodo di ricerca all'Archivio Luciano Caruso a Firenze. Dopo anni di esperienza professionale in una galleria d'arte contemporanea, ha conseguito il diploma di master in Contemporary Art Markets alla NABA di Milano e trascorso un periodo di internship in Sotheby's Italia. Attualmente collabora con il dipartimento di Arti Visive di NABA e con FM Centro per l’Arte Contemporanea. Particolarmente interessata alle dinamiche del mercato dell'arte contemporanea, segue come freelance progetti di ricerca sul sistema dell'arte e progetti editoriali indipendenti.