L’importanza dello storytelling per musei e teatri. Il project work della 24ORE Business School

Lo storytelling e le strategie di comunicazione digitale sono la prossima sfida degli studenti della 24ORE Business school chiamati a rispondere alle esigenze di case study d’eccellenza come il Museo MACRO ed il Teatro dell’Opera di Roma. Capofila le docenti di Melting Pro

PW Storytelling Culturale - Teatro dell'Opera di Roma
PW Storytelling Culturale - Teatro dell'Opera di Roma

Sull’importanza dello storytelling, e del comunicare non solo il contenuto ma anche il contenitore in forma esplicita, quasi visuale, non ci si interroga più da tempo, e sono poche le realtà culturali che sanno sfruttare il pieno potenziale di questo strumento. Che sia un linguaggio imprescindibile l’ha inquadrato chiaramente il nuovo project work iniziato dal Master in economia e Management della 24ORE Business School. Dal pensiero su carta a case study concreti, coinvolgendo partner di eccellenza come Melting Pro, il Museo MACRO ed il Teatro dell’Opera di Roma, il progetto mira a dotare i promotori culturali, dai musei ai teatri e biblioteche, di uno strumento che li aiuti a comunicare il proprio patrimonio e le attività dell’istituzione con un linguaggio che superi la semplice divulgazione e sconfini nelle emozioni, costruendo un racconto.

PW Storytelling Culturale - Museo MACRO
PW Storytelling Culturale – Museo MACRO

IL PROJECT WORK DELLA 24ORE BUSINESS SCHOOL 

Il Project work è strumento didattico sviluppato per creare un ponte tra la formazione accademica ed il mondo del lavoro”, spiega Elena Zarino, Group Content Manager della 24ORE Business School, “per il quale sono richiesti strumenti concreti. Lo storytelling si è confermato, con la pandemia, la tecnica principe per raccontare arte e cultura. Per i case study del Master sono state scelte due realtà diverse tra loro e con diversi gradi di complessità. I ragazzi creeranno una strategia di storytelling guidati dai docenti, incontreranno i direttori del MACRO e del Teatro dell’Opera di Roma, e da loro apprenderanno obiettivi e finalità da raggiungere. La scelta di coinvolgere Melting Pro come coordinatore didattico nasce dal forte apprezzamento per l’approccio pratico e concreto con cui il team affronta le tematiche inerenti ad arte e cultura”.

MACRO- Phanos Kyriacou, At this moment - Ph. Daniele Molajoli
MACRO- Phanos Kyriacou, At this moment – Ph. Daniele Molajoli

STORYTELLING E MUSEI. IL MACRO E IL TEATRO DELL’OPERA DI ROMA 

La sfida nella strutturazione di queste strategie è degli studenti quanto dei loro “case study”, come evidenzia Luca Lo Pinto, direttore Museo MACRO: “al MACRO questo è successo mentre partiva la nuova programmazione di Museo per l’Immaginazione Preventiva, in questi mesi abbiamo quindi sperimentato lo sviluppo di formati e spazi digitali che prendevano forma parallelamente a quelli fisici, lavorando sulla distinzione tra questi due piani ma anche sulla loro integrazione in un’identità molto precisa. Sarà quindi molto interessante poter analizzare questa prima parte del nostro percorso in una prospettiva più ampia, arricchita dal confronto con gli altri partner e con i partecipanti al Master.” Lo sviluppo di sinergie “non può che aiutarci ad affrontare le sfide presenti per guardare al futuro con un senso di rinnovata speranza e fiducia” ribadisce Paolo Petrocelli, Assistente del Sovrintendente del Teatro dell’Opera di Roma per lo Sviluppo Internazionale e le Relazioni Esterne. È dunque fondamentale coinvolgere il pubblico che utilizza i social come fonte di informazione oltre che di comunicazione, afferma Elena Zarino, ed: “identificare strategie che sfruttino lo storytelling e la sua capacità di veicolare sia le componenti emozionali che le iniziative culturali”.

PW Storytelling Culturale - Melting Pro
PW Storytelling Culturale – Melting Pro

IL PROJECT WORK DELLA 24ORE BUSINESS SCHOOL. DA DOVE NASCE IL RACCONTO 

L’innovatività delle metodologie sperimentate da Melting Pro, azienda costituita nel 2011 da sette giovani imprenditrici, trae forza dal background e dalle competenze diverse delle sue fondatrici e trova applicazione nelle svariate possibilità di engagement culturale e creativo a livello aziendale quanto territoriale. Mediante corsi, workshop e consulenze il goal futuro, ci spiega Federica Pesce, Responsabile Area Storytelling Melting Pro, è “di fornire risposte rilevanti che producano impatti significativi e duraturi nel tempo. In altre parole, un luogo di incontro di energie differenti e di sperimentazione di nuove pratiche per rendere il settore culturale e creativo competitivo e favorire lo sviluppo di società coese, sostenibili e inclusive”. Nel workshop l’input didattico è di ragionare fuori dagli schemi tradizionali partendo da un assunto fondamentale: l’ascolto e comprensione della mission dell’Istituzione, dei suoi valori, e del ruolo che il MACRO ed il Teatro dell’Opera assumono oggi rispetto alla spinta digitale iniziata dalla pandemia. “Per noi”, continua Pesce, “l’Istituzione è agente di cambiamento, luogo di incontro, propulsore di valori. Utilizziamo nei nostri lavori strumenti mutuati dal design di servizio e per elaborare progetti capaci di individuare la sfida e rispondervi con una strategia. La possibilità che lo storytelling dà è di appartenere ad una comunità e di creare, al contempo, una comunità attorno a sé. La narrazione permette di abbattere frontiere: nel momento in cui il fruitore si sente partecipe diviene, automaticamente, parte attiva”.

MACRO - Ph. Luigi Filetici
MACRO – Ph. Luigi Filetici

AUDIENCE DEVELOPMENT E STORYTELLING DIGITALE 

In tutti i progetti che promuoviamo, il processo di storytelling si focalizza sulla possibilità di creare un senso di appartenenza, di dare voce alle singole persone e di sviluppare competenze trasversali quali l’ascolto, l’empatia, la collaborazione, la capacità di dare feedback costruttivi”, sottolinea Pesce. “A nostro avviso, queste competenze sono fondamentali per creare le condizioni che permettono a un’organizzazione di sviluppare al meglio il proprio potenziale e di essere rilevanti per la comunità di riferimento”. Al grande lavoro sulle competenze – soft skills – del settore culturale, Melting Pro affianca la più complessa elaborazione di progetti europei, con i quali ha avuto inizio il sodalizio delle socie fondatrici, estendendo alcune pratiche in essi esplorate su territorio nazionale. Un esempio è la redazione della rivista gratuita Conectando Audiencias Italia, che traduce in italiano molti lavori sul tema internazionali e nuovi articoli, oppure Eureka – European Urban REgenerators Knowledge Alliance – sulla definizione della figura professionale dell’innovatore/rigeneratore urbano. Nello stesso ambito il gruppo porta avanti da tempo un grande progetto, SPACE, un format di rigenerazione creativa ideato per intervenire sui patrimoni non valorizzati, sui territori marginalizzati o fragili. Che la concausa del degrado derivi dalla loro complessità, o perché colpiti da eventi che ne hanno compromesso la fruibilità, o per la dimensione antropologica e sociale, tali spazi in disuso o sotto-utilizzati divengono luoghi in cui convogliano proposte e nuovi slanci. 

– Flavia Chiavaroli

www.24orebs.com
https://meltingpro.org

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Flavia ChiavarolI
Architetto, exhibition designer e critico freelance. Osservatrice attenta e grande appassionata di architettura ed arte moderna e contemporanea riporta la sua esperienza nell’organizzazione di workshop, collabora con artisti e fotografi e aggiornando i principali social network. Dal 2012 si occupa di progettazione di mostre ed eventi.