Yuri Ancarani – Ricordi per moderni

Roma - 16/11/2013 : 17/11/2013

Ricordi per moderni propone, attraverso 13 cortometraggi presentati per la prima volta insieme, un ritratto molto originale di Ravenna e della Romagna: in circa 60 minuti, Ancarani « traccia un percorso sui cambiamenti che hanno segnato la Riviera Romagnola negli ultimi decenni, tra immigrazione, industria del petrolchimico e paesaggi ancestrali. »

Informazioni

Comunicato stampa

RAVENNA, 11 NOVEMBRE 2013 – C'è anche un po' di Ravenna al “Festival internazionale del film di Roma”, in corso in questi giorni: una presenza doppia, con il regista ravennate Yuri Ancarani in giuria, e con la proiezione fuori concorso del suo film Ricordi per moderni, co-prodotto da Ravenna2019, il prossimo fine-settimana nella sezione “CinemaXXI”.
L'appuntamento è nel MAXXI, il Museo nazionale delle arti del XXI secolo, sabato 16 novembre alle ore 17, con replica il giorno seguente, domenica 17 alle 14


Ricordi per moderni propone, attraverso 13 cortometraggi presentati per la prima volta insieme, un ritratto molto originale di Ravenna e della Romagna: in circa 60 minuti, Ancarani « traccia un percorso sui cambiamenti che hanno segnato la Riviera Romagnola negli ultimi decenni, tra immigrazione, industria del petrolchimico e paesaggi ancestrali. »
I video sono stati girati fra il 2000 e il 2009 e partendo dalle pagine di Pier Vittorio Tondelli sono « permeati da atmosfere fantastiche e surreali che vedono zone industriali e immagini della vacanziera riviera romagnola convivere con luoghi e paesaggi testimoni di quotidianità nascoste, restituendo un’esperienza di viaggio verso un ignoto e ambiguo paesaggio umano e geografico. Yuri Ancarani – si legge ancora nella presentazione ufficiale - riesce, rimanendo dentro, a fuoriuscire da questo paesaggio, a mostrare ciò che non si vede ma che sappiamo bene esistere. »
Fra i titoli che compongono questo mosaico per immagini, ci sono Ip Op e Made in Italy, riflessione sulla « nascosta presenza multiculturale » che abita la Romagna; poi La questione romagnola, dove « tradizione balneare e cultura “rossa” della regione trovano una inaspettata quanto efficace sintesi visiva »; Parcheggi a pagamento, dove il riferimento al commercio sessuale si trasforma « in una poetica danza sull’acqua », e Vicino al cuore, « sogno di magica e romantica evasione tra atmosfere e visioni industriali. »
Dichiara il regista: « Penso sia possibile ragionare su grandi temi universali attraverso il racconto di una piccola realtà di periferia. »
Ricordi per moderni è stato prodotto dallo Studio Ancarani con il supporto del museo “Marino Marini” di Firenze, dell'Osservatorio per le Arti Contemporanee, del Ring Film e di Ravenna 2019, città candidata capitale della cultura europea: le due proiezioni avvengono proprio all'indomani dell'audizione del Comitato promotore al Mibac per il percorso di candidatura.