Yesenia Trobbiani – La casa che si attraversa

Bologna - 24/01/2015 : 31/01/2015

Mappare per trovare la dinamicità nella “posizione del dormire”. La Casa, attraverso la residenza, si apre, analizzando i rituali personali e le necessità di ogni microcosmo.

Informazioni

  • Luogo: LA MAISON22
  • Indirizzo: Via Dell'Indipendenza 22 (40121) - Bologna - Emilia-Romagna
  • Quando: dal 24/01/2015 - al 31/01/2015
  • Vernissage: 24/01/2015 ore 21
  • Autori: Yesenia Trobbiani
  • Generi: performance – happening

Comunicato stampa

cura di Maison Ventidue

consulenza drammaturgica di Antonio Rinaldi

consulenza artistica e documentazione ufficiale di
Stefano Teodori (video) e Alice Rasetti (foto)
in collaborazione con Enrico Pitozzi
traduzioni a cura di Alessandra Tesei


CIVILE è una persona/yesenia/unità, da sola e non sola, che si accorge di essere cellula ed ecosistema allo stesso tempo e mai in modo uguale. Un Corpo politico e autobiografico attraversato da racconti/rituali/memoria/oggetti/gesti dei luoghi da cui ha preso o a cui ha lasciato un’eredità


Intriso della cultura Sud Americana, Mediterranea e dell’Est Europa, il corpo di donna articola “movimenti” in un percorso che cerca nell’arcaico, sempre al limite con il rito, il gesto universale e necessario.
CIVILE indaga i rituali personali da cui si creano quelli collettivi e le conseguenti contraddizioni sociali.

Per ArteFiera 2015 e all'interno del ciclo di residenze artistiche HOMEMADE curate da Maison Ventidue, CIVILE articola il suo secondo movimento diventando HOMEMADE2.


la residenza.
19-22 gennaio 2015
Casa come Huaca (termine quechua con cui gli inca definivano luoghi, oggetti o esseri animati ritenuti sacri).
Studio di 4spazi di maison ventidue: Cucina. Bagno. Camera da letto. Salotto /spazio comune.
“vita - morte - vita” in una mappatura che attraversa la Casa avvalendosi della Chacana (croce andina simbolo antico delle Ande, rappresentazione della costellazione conosciuta anche come “Costellazione Madre dei Popoli Originari Andini” , “Cruz del Sur” o “Croce del Sud”, e simbolo dei tre livelli di vita).
Chakay (“attraversare”) e na (“che si deve”): “ciò che si deve attraversare”. Il Ponte. Un corpo sdraiato. Il confine.



la performance.
UNA CASA CHE SI ATTRAVERSA
24 gennaio 2015 ore21
Mappare per trovare la dinamicità nella “posizione del dormire”.
La Casa, attraverso la residenza, si apre, analizzando i rituali personali e le necessità di ogni microcosmo. Il quotidiano come purificazione, per ritrovare un pezzo di sé nella “perdita”, per far parte di una “Comunità”.
Per articolare una performance dove il corpo è un confine politico tra il suolo e il cielo, tra il suo spazio interno ed esterno.




calendario ▝▝ ▘▝▝ ▘▝▝ ▘▝▝ ▘▝▝ ▘▝▝ ▘▝▝



19 - 22 Gennaio 2015 residenza creativa di Yesenia Trobbiani
apertura critica con Serena Terranova_Altrevelocità, Silvia Petronici, Massimo Marino.

24 Gennaio 2015 > ARTCITYWhiteNight _ performance aperta al pubblico ore 21
UNA CASA CHE SI ATTRAVERSA [prenotazione a [email protected]]

25 -31 Gennaio 2015 installazione di Yesenia Trobbiani
TRACCE di CIVILE.secondo movimento [prenotazione a [email protected]]



▝▝ ▘▝▝ ▘▝▝ ▘▝▝ ▘▝▝ ▘▝▝ ▘▝▝ ▘



CIVILE.secondo movimento

HOMEMADE2 raccoglierà l'esperienza di Yesenia Trobbiani in Maison Ventidue con la produzione del secondo libro HOMEMADE2 con il contributo critico di Serena Terranova_Altrevelocità, Silvia Petronici, Massimo Marino, la documentazione fotografica di Alice Rasetti, la documentazione video di Stefano Teodori.


info e prenotazioni
[email protected]
lamaison22.it
✆ 389.1872729
340.7978066
________________

M a i s o n V e n t i d u e
Via dell' Indipendenza,22
Bologna
M a i s o n V e n t i d u e



spazio intimo e domestico che a Bologna ospita artisti che intendono lavorare, collaborare e presentare il proprio lavoro in un ambiente non deputato e protetto. Qui l’artista sperimenta modi altri di creazione, definendo una nuova semantica dello spazio il cui fine è la condivisione e l'incontro critico e autentico con il pubblico

se le canzoni si indossano
e gli abiti si interpretano
la nostra casa, si attraversa