Wolfango illustratore

Bologna - 25/03/2013 : 05/05/2013

In occasione del 50esimo anniversario della Fiera del Libro per Ragazzi, la Fondazione Carisbo e BolognaFiere, in collaborazione con Biblioteca Salaborsa Ragazzi, promuovono Wolfango illustratore, la mostra che riunisce splendide e rare opere su carta dell’artista, esponendole al pubblico per la prima volta.

Informazioni

  • Luogo: COMPLESSO MONUMENTALE DI SANTA MARIA DELLA VITA
  • Indirizzo: Via Clavature 8 - Bologna - Emilia-Romagna
  • Quando: dal 25/03/2013 - al 05/05/2013
  • Vernissage: 25/03/2013 ore 18
  • Autori: Wolfango
  • Generi: personale, disegno e grafica
  • Orari: Martedì-domenica ore 10-13 e 15-19
  • Patrocini: promossa da Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna, BolognaFiere in collaborazione con Biblioteca Salaborsa Ragazzi

Comunicato stampa

In occasione del 50esimo anniversario della Fiera del Libro per Ragazzi, la Fondazione Carisbo e BolognaFiere, in collaborazione con Biblioteca Salaborsa Ragazzi, promuovono Wolfango illustratore, la mostra che riunisce splendide e rare opere su carta dell’artista, esponendole al pubblico per la prima volta.

Wolfango è pittore, conosciuto principalmente per quelle sue grandi tele improntate al naturalismo che lo rendono così unico. Se il suo lavoro di illustratore è passato in secondo piano, quasi nel silenzio per almeno cinquanta anni, è perché lo stesso Wolfango ha voluto mimetizzarsi con degli pseudonimi

Non uno, che avrebbe semplicemente dichiarato la separazione tra il pittore e l’illustratore, ma una serie di pseudonimi, così da far proprio perdere le tracce: mentre Wolfango firmava la pittura, “Golpe”, “Wolf”, “Anonimo Bolognese”, “Lupambolo”, “Golpetto”, “Vulpes” andavano firmando la vastissima produzione di immagini realizzate su commissione degli editori. Così diventava impossibile seguire il filo del suo disegnare, ancor più perché i fili erano tanti e conducevano in molte direzioni, dalla Commedia di Dante alle pubblicazioni scientifiche per i medici, dai libri per ragazzi al Corriere dei Piccoli, dalle figurine Panini ai rotocalchi, dai burattini alle carte dei tarocchi. Una quantità di immagini apparentemente riconducibili a diversi autori e invece tutte frutto della stessa mano.

Ecco perché la mostra Wolfango illustratore, nell’ambito specifico della Fiera del Libro per Ragazzi, è un’occasione davvero speciale per ritrovare, o per scoprire, il lato più misterioso e silenzioso di Wolfango, quello delle opere su carta, espressamente circoscritto all’editoria per ragazzi. Sono quindi incluse nell’esposizione non la Comedia e il Parini, ma Pinocchio, Alice, le fiabe di Perrault e dei fratelli Grimm, Salgari, Le donne nel Risorgimento, Olga Visentini, Re Enzo, l’illustrazione scientifica per la Zanichelli... E Gesù oggi (testo di Emilio Radius, Rizzoli, Milano 1966), trasposizione in chiave moderna dei testi evangelici, tavole in quadricromia e bicromia realizzate in stile naturalistico con una complessa tecnica di tempera e spatola (Qui ho dato qualche tocco di pennello ma la base è la spatola, che ha bisogno di spazio, per questo sono lavori grandi, racconta Wolfango).

Come è ormai tradizione, ancora una volta il cuore della città di Bologna si anima durante la Fiera del Libro per Ragazzi con mostre dedicate all’illustrazione. Nel suo ruolo di principale appuntamento mondiale per tutta la comunità del libro per ragazzi, e quindi di occasione di scambio, confronto e promozione culturale, la Fiera di Bologna cerca di proporre spunti di riflessione. In occasione del 50° Anniversario della Fiera, l’attenzione si volge verso la figura di un autore che ne ha segnato la storia: Wolfango, con lo pseudonimo di “Anonimo Bolognese” illustrò infatti il libro al quale venne assegnato nel 1966 il primo Premio Grafico “Fiera di Bologna”. Abbiamo voluto così riscoprire un importante protagonista dell’illustrazione italiana, rivolta a grandi e piccoli, lettori di oggi e di ieri, professionisti di settore ma anche semplici appassionati di illustrazione. Ci piace pensare che questo catalogo e questa mostra possano non solo costituire un passo nella diffusione dell’editoria di qualità per l’infanzia, ma anche richiamare l’attenzione sul valore di alcuni capolavori, come queste illustrazioni di Wolfango, che con la loro capacità di far riflettere mantengono inalterata la propria attualità. Un sincero ringraziamento va alla Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna e a Genus Bononiae, per avere reso possibile questa mostra, che si inserisce in una ormai felice tradizione di collaborazione.
Duccio Campagnoli
Presidente di BolognaFiere

La mostra e il catalogo sono a cura di Tiziana Roversi.
Pubblicato da Minerva Edizioni, il catalogo è una profonda e dotta riflessione sul lavoro di Wolfango, illustratore nell’editoria per ragazzi, e contiene un’importante saggio da parte di Antonio Faeti, il massimo studioso del settore.

Biografia
Wolfango è nato nel 1926 a Bologna, dove abita. Disegna e dipinge da sempre. È il notissimo pittore che tanto ammiriamo, mentre Wolfango illustratore si è spesso nascosto dietro gli pseudonimi, che ha voluto utilizzare proprio per tenere separati i due mondi della pittura e dell’illustrazione. Wolfango ha firmato le tele. “Golpe” ha firmato il Corriere dei Piccoli, Salgari, Pinocchio, le fiabe di Perrault e dei fratelli Grimm, le Donne del Risorgimento Italiano e tante altre illustrazioni a partire dai primi anni sessanta del Novecento. “Anonimo Bolognese”, il più misterioso degli pseudonimi di Wolfango, ha firmato un libro dal titolo Gesù oggi che è stato il primo vincitore del Premio Grafico della Fiera del Libro per Ragazzi di Bologna (e a tutt’oggi l’unico italiano ad averlo vinto).

Visite guidate gratuite rivolte a bambini e famiglie in collaborazione con Biblioteca Salaborsa Ragazzi (ritrovo in biblioteca): sabato 30 marzo 2013 ore 11, martedì 2 aprile ore 11, venerdì 5 ore 17, sabato 6 ore 11, venerdì 12 ore 17, sabato 13 ore 11.
Per ulteriori informazioni: 051 219 4411.

Giovedì 11 aprile ore 17.30 conversazione con Antonio Faeti e Wolfango