Walking. Arte in cammino

Tolmezzo - 05/08/2016 : 05/09/2016

Walking. Arte in cammino è un progetto curatoriale e di ricerca, pensato per la Carnia, zona montuosa del Friuli Venezia Giulia al confine con la Carinzia e il Veneto.

Informazioni

Comunicato stampa

WALKING. ARTE IN CAMMINO
SUI SENTIERI DELLA GRANDE GUERRA


Walking. Arte in cammino è un progetto curatoriale e di ricerca, pensato per la Carnia, zona montuosa del Friuli Venezia Giulia al confine con la Carinzia e il Veneto. Ideato da Giuseppe Favi e Michela Lupieri, Walking si propone come un progetto a lungo termine che nasce dal desiderio di portare gli approcci e gli interventi propri delle arti visive contemporanee in alta montagna, attraverso una pratica solo apparentemente semplice, eppure capace di unire due mondi spesso distanti: il camminare


Il camminare caratterizza infatti profondamente la storia della Carnia, dal passato fino ai giorni nostri, attraversando la ricchezza di storie, attività e percorsi che si intrecciano sul territorio, dalle portatrici carniche al mondo degli alpeggi; dagli antichi valichi romani ai moderni rifugi.
Walking è pensato come un contenitore che ogni anno si modificherà spostandosi in luoghi diversi e incontrando stimoli sempre nuovi, nel tentativo di riattivare il territorio e di ripensare la realtà della montagna.

La prima edizione di Walking. Arte in cammino – Sui sentieri della grande guerra si svolgerà in due luoghi diversi: il sentiero CAI 401 che sale sul Pal Piccolo, in Comune di Paluzza e di Mauthen; e la Torre Reytembergher in Comune di Tolmezzo; avrà come obiettivo la rivisitazione dei luoghi della Grande Guerra.
Dato il tema trattato, Walking quest'anno rientra nel progetto più vasto Grande Guerra in Carnia. Focus sull’anno 1915, coordinato dalla Comunità Montana della Carnia e finanziato dalla Regione autonoma Friuli Venezia Giulia, nel quadro delle attività culturali legate alle celebrazioni del centenario del conflitto.

Il sentiero CAI 401 del Pal Piccolo si sviluppa a partire dal Passo Monte Croce Carnico – antica via per raggiungere il Norico, nonché confine di Stato con l’Austria. Si tratta di un percorso unico, sia dal punto di vista storico sia da quello naturalistico, ed è uno dei luoghi più significativi e meglio conservati del fronte della Carnia. Lungo il percorso, dalla base fino alla cima (1866 metri di altitudine), sono ancora ben visibili le trincee, i camminamenti e i ricoveri della Grande Guerra. Il sentiero forma un anello che attraversa il confine tra Italia e Austria: alla sua base è ancora presente l’ex dogana di Stato (ora in disuso).
La medievale Torre Reytembergher è invece uno spazio espositivo unico per l’architettura e per i materiali con cui è realizzata; sorge in Comune di Tolmezzo che sarà il centro del progetto negli anni a venire.

Operando in un luogo decentrato come la Carnia, Walking si propone di riflettere sui concetti di centralità e periferia, annullando la separazione tra il mondo dell’arte e la comunità locale e proponendosi come un progetto artistico partecipativo.

La mostra temporanea Sui sentieri della grande guerra vede coinvolti 7 artisti di fama internazionale – Andreco, Pablo Chiereghin, Leone Contini, Filippo Minelli, Caterina Rossato, Michele Spanghero, Michele Tajariol – invitati a trascorrere un periodo di residenza sul territorio per realizzare, per il sentiero e per la Torre, due lavori site-specific ciascuno, che dialogano in una sorta di doppio sguardo parallelo. Entrambe le mostre, eterogenee per i linguaggi utilizzati e per le tematiche approfondite dai singoli artisti, forniscono nuove chiavi di lettura con cui rileggere il conflitto passato e il luogo in cui questo è avvenuto, in relazione alla contemporaneità e alle più urgenti questioni politiche.
Pur non volendo lavorare sull’analogia o sulla ricostruzione dell’esperienza di guerra, alcuni artisti come Pablo Chiereghin, Leone Contini e Michele Tajariol hanno stabilito una connessione con storie, figure ed eventi realmente accaduti. Altri, invece, hanno approfondito la tematica del confine: Andreco dal punto di vista naturale, Filippo Minelli e Michele Spanghero dal punto di vista strettamente politico. Infine, si accompagna alla mostra un progetto che proseguirà nelle prossime edizioni, legato alla consuetudine dei diari di vetta: piccoli quaderni, posti in cima alle montagne o nei punti più panoramici, a cui i camminatori affidano una traccia del loro percorso o un pensiero ispirato al paesaggio e al sentiero che hanno percorso. Il compito di creare un libro d’artista che si richiami ai diari di vetta è affidato quest’anno a Caterina Rossato, che rileggerà e interpreterà l’ambiente naturale del Pal Piccolo e la storia che lo caratterizza. Il suo diario rimarrà sulla cima della montagna in maniera permanente.
I singoli interventi saranno calati nel passato ma riemergeranno nel presente attraverso il racconto, in parte immaginato e in parte reale, costituendosi come indizi, tracce più o meno visibili e più o meno permanenti.









Programma

Venerdì 5 agosto h. 18
Torre Reytembergher, Tolmezzo (Ud)
Inaugurazione della mostra Sui sentieri della Grande Guerra
Via Cascina n. 12/16, Tolmezzo (Ud).
Mostra visitabile dal 6 agosto al 5 settembre
Orari di apertura: 10 – 13 e 15 – 18 o su appuntamento (3886064932 / [email protected])
Chiusa il martedì
Ingresso libero.

Sabato 6 agosto h. 9
Sentiero Pal Piccolo – CAI 401, Paluzza (Ud)
Ritrovo nel piazzale di Passo Monte Croce Carnico
h. 9.30 Presentazione del progetto
h. 10 Camminata sul sentiero insieme ai curatori del progetto e agli artisti.
Mostra visitabile dal 6 agosto fino a fine settembre, tutti i giorni e a qualsiasi ora
Ingresso libero.

Per il mese di agosto sono previste alcune visite guidate e particolari eventi che saranno comunicati di volta in volta, sul sito (www.walkingartproject.com) e sulla pagina facebook (Walking. Arte in cammino).



°

Walking. Arte in cammino
è un progetto di Giuseppe Favi e Michela Lupieri
in collaborazione con Giovanni Polo e Carlo Londero.

La prima edizione di Walking. Arte in cammino - Sui sentieri della Grande Guerra
è realizzata nell’ambito del progetto Grande Guerra in Carnia. Focus sull’anno 1915 coordinato dalla Comunità Montana della Carnia e finanziato della Regione autonoma Friuli Venezia Giulia ai sensi del L.R. 11/2013 per le attività culturali legate al centenario della Grande Guerra.

Artisti: Andreco, Pablo Chiereghin, Leone Contini, Filippo Minelli, Caterina Rossato, Michele Spanghero, Michele Tajariol.

In collaborazione con il CAI - Friuli Venezia Giulia e Planet Mountain.

Partner: Comune di Tolmezzo, Comune di Paluzza, Carnia Welcome, Amici delle Alpi Carniche, Comune di Cavazzo Carnico, Comune di Comeglians, Comune di Forni Avoltri, Comune di Ravascletto.