Vivere di paesaggio

Brescia - 12/03/2021 : 25/04/2021

Mostra collettiva.

Informazioni

  • Luogo: A PALAZZO GALLERY
  • Indirizzo: Piazza Tebaldo Brusato 35 - Brescia - Lombardia
  • Quando: dal 12/03/2021 - al 25/04/2021
  • Vernissage: 12/03/2021 no
  • Curatori: Mirta d’Argenzio
  • Generi: arte contemporanea, collettiva
  • Orari: Martedì - Venerdì, 10 - 17 Sabato su appuntamento Tuesday - Friday, 10 - 17 Saturday by appointment

Comunicato stampa

APALAZZOGALLERY è orgogliosa di annunciare l'inaugurazione venerdì 12 marzo della mostra VIVERE DI PAESAGGIO, a cura di Mirta d'Argenzio.
Ormai da un po ' di tempo, le condizioni che ci vengono imposte stanno modellando la nostra vita. Che sia il coprifuoco serale, la minaccia del virus o le restrizioni dirette alla nostra libertà personale, non sappiamo cosa accadrà o quando ne usciremo. Ne usciremo

Ma siamo costantemente messi a dura prova mentre cerchiamo di ridefinire la nostra posizione e di regolare i confini della nostra identità, in uno scenario in cui è difficile immaginare quale paesaggio troveremo quando riaccenderemo la luce.
In tali condizioni di incertezza, VIVERE DI PAESAGGIO (′′ Vivere dal paesaggio ′′) è il grido inarrestabile per portare a una nuova forma di libertà. Quale sarà il nuovo modo di vivere del paesaggio? Quale cambiamento radicale subirà il nostro stile di vita e, di conseguenza, quale punto di vista riusciremo a recuperare per quanto riguarda il paesaggio? Gli artisti rispondono alla vulnerabilità e alla confusione generati da una simile condizione. L ' incertezza e l'instabilità che sperimentiamo nella nostra vita quotidiana si esprimono nelle loro opere, ma in questo caso, il loro invito è invece una via d'uscita gioiosa nel non pensare. Per troppo tempo, non abbiamo pensato al paesaggio in Europa.
In un mondo dove la somma degli oggetti prodotti dall'uomo ha superato la biomassa vivente (animali e piante), l'economia della biodiversità ci dice che bisogna urgentemente cambiare ora e investire nella rigenerazione dell'ambiente. Dobbiamo preservare il pianeta e proteggere il nostro paesaggio. Il ruolo chiave dell'albero, la sua centralità, dovrà diventare di nuovo preminente. Anche Mondrian ha notato questo. Procediamo con gioia ancora una volta su quella strada. Era ora.
La mostra è nata dopo un lungo periodo di dialogo con gli artisti sulla questione, e propone quattro modi per comprendere la nozione di ′′ paesaggio ′′ nella loro pratica artistica personale. Tutti gli artisti vivono e lavorano qui in Italia. Filippo Bisagni, Sergio Sarra, James Hillman e Giulia Mangoni appartengono a generazioni diverse, e quindi ognuno espone il proprio punto di vista, indicando ′′ nuove prospettive nel quadro, quelle che vengono presentate come nuovi strumenti attraverso cui pensarci e, soprattutto, attraverso cui riflettete." (F. Jullien, Vivre de paysage, Edizioni Gallimard, 2014).
Oggi, il raggio di sole riflesso dal prato in un prato vicino a Manoppello, in Abruzzo, è tanto prezioso quanto entra nello studio di Sergio Sarra. Non può che diventare dipinto, trasfigurato nelle linee enigmatiche delle sue delicate creature, che sembrano incarnare una forza naturale creativa, piuttosto indipendente dal giogo dell'uomo.
Altrettanto prezioso è la capra a quattro teste nativa della Ciociaria che, insieme ai cavalli a lungo, sono interpretati da Giulia Mangoni nel tentativo di salvarli dall'estinzione. E ancora di vitale importanza, come ci dimostra Filippo Bisagni, dall'interno della chiusura forzata dell'ambiente domestico, è la luce del sole che tramonta dipinto da Tiziano, Giorgione o dai fratelli Carracci, a cui ristabilisce la massima definizione nel digitale interni. Qui il paesaggio rurale, dipinto nel Rinascimento italiano e che rimane il fulcro e la nozione chiave della fuga ideale, ma allo stesso tempo reale, in un momento storico in cui si negano i rapporti interpersonali e la sessualità si riduce a pornografia sfuocata. Quella stessa inconfondibile luce italiana anima anche le meditazioni luminose di James Hillman; la osserva nel cambiamento delle stagioni all'Isola del Liri, e nelle sue intricate composizioni, la immagina come evocare spazi infiniti e silenzi sovrumani, eppure di stagioni vive e il presente, imminente primavera.