VideoRemakes – topologies

Venezia - 07/08/2015 : 07/09/2015

La mappatura di un linguaggio espressivo, quello della videoarte, ricco di possibilità e di sorprese.

Informazioni

Comunicato stampa

Videoremakes-Topologies
La mappatura di un linguaggio espressivo, quello della
videoarte, ricco di possibilità e di sorprese. Non è un
neologismo VIDEOREMAKES, ma sta cominciando a diventare
la garanzia per un momento di riflessione. Sulla qualità sempre
più alta della gestione informatica delle immagini che apre a
continui nuovi scenari. Ma anche sulla continuità che le lega ad
un passato pionieristico ricco di inventiva e voglia di trasgredire.
E’ quindi corretto uscir di sede, per rimeditare

Ritrovarsi non
tanto in una FABBRICA (quella del VEDERE ovviamente) quanto
in un luogo definitivo nella filiera della partecipazione, una galleria,
che, per fortuna, nel suo nome conserva la garanzia
della volontà di sperimentazione: Caos Art Gallery. Così il
primo anno di eventi Videoremakes alla Fabbrica del Vedere,
curati da Daniele Capra, con la consulenza storica di Carlo
Montanaro, diventa Videoremakes-Topologies, con le opere
di Filippo Berta, Manuel Fanni Canelles, l’antologia Re-Cycling
Project curata da Paola Bristot con le immagini disegnate o graffite
direttamente sulla pellicola cinematografica.
Sullo sfondo, Maya Deren, Emile Cohl, Lech Majewsky, Lucien
Nonguent e Fedinand Zecca, Norman McLaren, Len Lye.
All’inaugurazione venerdì 7 agosto alle 19.00 un concerto di
musica acusmatica in quadrifonia con opere di Michele Del
Prete e Davide Gagliardi (regia del suono: Michele Del Prete),
si approprierà degli spazi della Caos Art Gallery così com’era
avvenuto alla Fabbrica del Vedere. Lasciandone un eco in
della mostra.