Rassegna artistica “Via Pasubio”, ideato da Marco Nereo Rotelli, che porterà decine di artisti nei luoghi della Grande Guerra, tra workshop e spettacoli.

Informazioni

Comunicato stampa

L’arte nei luoghi della Grande Guerra
“VIA PASUBIO”

www.viapasubio.it

QUATTRO GIORNI DI INCONTRI CON ARTE ARCHITETTURA LETTERATURA

GIORNO 9 SETTEMBRE
ARMANDO CUNEGATO, Sindaco di Valli del Pasubio MARCO NEREO ROTELLI, artista, CARLO COSTA, direttore Progetto VA.PO.RE

- PRESENTAZIONE DEL PROGETTO VIA PASUBIO
SALVATORE MARSIGLIONE, gallerista MAG Como - LUIGI RUSSOLO, LA GUERRA E IL FUTURISMO GIULIO MARTINI, editore del trimestre rivista AreaArte - ARTE E IMPRESA

GIORNO 10 SETTEMBRE
LUIGI MANSI, associazione culturale “Archivio Ravello Contemporanea” - PAUL KLEE E LA MONTAGNA MATTEO RAFFAELLI, regista cinematografico - FILMARE LA MONTAGNA

GIORNO 11 SETTEMBRE
THOMAS HASKELL SIMPSON , docente alla Northwestern University di Chicago e attore teatrale
RUMORE DI ACQUE - PIÈCE TEATRALE DI MARCO MARTINELLI

GIORNO 12 SETTEMBRE
FABIO GENOVESI, scrittore ed editoriaista de Il Corriere della Sera - RACCONTARE LA MONTAGNA ALBERTO BREGANI, fotografo di paesaggio - FOTOGRAFARE LA MONTAGNA

Sono inoltre previste visite d’ eccellenza con interventi di:
Giuliano D’Angiolo, presidente CoSMaVe, 10 settembre per un incontro sulla cultura della pietra; Adolfo Vannucci, RFK Centre for Justice and Human Rights, la mattina dell’11 settembre.

Dall’8 al 12 settembre presso la ex Colonia Marzotto si terranno i laboratori d’arte e d’architettura: giovani artisti e architetti coordinati da Virginia Monteverde, Margherita Zambelli e Elena Lombardi, lavorerranno contestualmente al tema “Paesaggio e memoria; la montagna, laboratorio per l’arte e per l’architettura”.




Da lunedì 8 settembre prendono il via i progetti dell’artista Marco Nereo Rotelli per il Comune di Valli del Pasubio in occasione del Centenario della Grande Guerra.

Un progetto ricco e articolato in varie forme di arte e culture in cui verranno realizzate istallazioni luminose all’interno delle buie gallerie che furono scavate all’epoca, lastre in pietra dolomitica collocate all'ingresso della Strada delle 52 Gallerie, la realizzazione di un docu-film in loco il cui attore protagonista sarà Peppe Servillo , film documentario del regista Matteo Raffaelli coadiuvato da Michele Pellegrini, che sarà girato lungo la strada delle gallerie che portano al rifugio Papa sul Pasubio.

A tal proposito verranno comunicate alcune anticipazioni già dal 9 al 12 settembre 2014, nell’ambito del medesimo progetto di valorizzazione del patrimonio storico, paesaggistico e culturale, con due workshops in loco, uno per l’arte e uno per l’architettura, intesi realmente come produzione culturale e inizio di un percorso per il territorio.

Il workshop d'arte dal titolo “Ars Pacis: dalla guerra di trincea all'Europa dei diritti”, vedrà sei giovani artisti di diverse nazionalità confrontarsi con la realtà visibile e invisibile di uno dei più significativi simboli della tragedia della Grande Guerra, il massiccio del Pasubio.

Il Laboratorio d’architettura dal titolo “Tra il borgo e la montagna. Un masterplan per Valli: ridefinire l’identità di un luogo progettando tra centro abitato e il paesaggio circostante”, si inserisce esplicitamente nell’ambito del progetto VA.PO.RE, in un’ottica cioè di adozione di linee guida che operino verso uno sviluppo turistico ed economico del comune, con la volontà di definire un masterplan di lettura critica e progettuale del territorio di Valli del Pasubio e del contesto paesaggistico naturale in cui si inserisce.

Gli artisti partecipanti al laboratorio sono nomi internazionali: Mihail Ivanov, Redi Ajazi, Zlatolin Donchev, Kristina Kostova, Shaghayegh Kashiloo, Malgorzata Maria Jagiello.

Un “filo” di luce proiettata, non una vera e propria illuminazione, ma un riferimento artistico e percettivo dedicato al linguaggio, comunicherà poesia di luce nelle cavità più oscure di alcune delle 52 gallerie del monte Paubio. Quest’installazione, che si realizzerà nel 2015, fa parte, insieme ad una serie di altre iniziative, del Progetto culturale Via Pasubio, che si inserisce a sua volta nel più vasto programma di recupero e valorizzazione territoriale VA.PO.RE. dove soldati di diverse nazioni hanno combattuto cento anni fa:.su tre lastre in pietra dolomitica collocate all'ingresso della Strada delle 52 Gallerie verranno scolpite le parole di tre grandi scrittori legati alla storia del Pasubio, Ernest Hemingway, Mario Rigoni Stern, Robert Musil, come rappresentazione delle differenti identità presenti in questo luogo.

Diverse le tecniche utilizzate dai sei artisti: dalla pittura alla fotografia, al video, al progetto per un'installazione.
Importante per il workshop l'incontro con i bambini, futuri custodi della memoria di Valli del Pasubio: una giornata sarà infatti dedicata ai piccoli del luogo, sei bambini lavoreranno ognuno al fianco di un giovane artista per creare l'opera collettiva “La Pace dei bambini” interpretando le parole dei grandi poeti dedicate alla Pace.


PROGRAMMA GENERALE

Nell’ambito del progetto VIA PASUBIO, valorizzazione del patrimonio storico, paesaggistico e culturale, REAL ARTE , incaricata dell’organizzazione, promuove la realizzazione di due workshop in loco, uno per l’arte e uno per l’architettura.
A tale scopo affida ad Art project il coordinamento generale di entrambi gli stage e di tutti gli eventi coesistenti nell’ambito del progetto stesso, e incarica nello specifico Margherita Zambelli e Virginia Monteverde nella gestione dei laboratori, rispettivamente nell’ambito dell’architettura e dell’arte.
Nello specifico si tratterà di lavorare contestualmente al tema “Paesaggio e memoria; la montagna, laboratorio per l’arte e per l’architettura”, durante uno stage che si svolgerà a Valli del Pasubio da lunedì 8 settembre a sabato 13 settembre 2014, in numero sei partecipanti per l’arte e sei per l’architettura.
I laboratori si alterneranno a comunicazione di carattere interdisciplinare e internazionale sul suddetto tema, con interventi di professionisti appartenenti a diverse aree di competenza: arte, architettura, letteratura, poesia.
Gli esiti progettuali prodotti e gli interventi saranno oggetto di pubblicazione presentata nell’ambito della mostra finale degli elaborati in data da destinarsi, coordinata e organizzata da Art Project.