Veronica Paretta – Spaghetti e Cornacchie

Cagliari - 11/12/2016 : 30/12/2016

La rassegna Arte in tavola, che propone interventi site specific che indaghino il rapporto tra arte e cibo, co-curata da Anna Oggiano e Roberta Vanali, inaugura “Spaghetti e Cornacchie” di Veronica Paretta, secondo appuntamento con il nuovo partnership Grains. In mostra 10 illustrazioni originali accompagnate da stampe e diversi gadget.

Informazioni

  • Luogo: GRAINS
  • Indirizzo: Scalette Santa Chiara 15 - Cagliari - Sardegna
  • Quando: dal 11/12/2016 - al 30/12/2016
  • Vernissage: 11/12/2016 ore 17,30
  • Autori: Veronica Paretta
  • Curatori: Roberta Vanali, Anna Oggiano
  • Generi: arte contemporanea, personale, disegno e grafica
  • Orari: ore 12.30 - 15; 19.30 - 2.00

Comunicato stampa

La rassegna Arte in tavola, che propone interventi site specific che indaghino il rapporto tra arte e cibo, co-curata da Anna Oggiano e Roberta Vanali, inaugura domenica 11 dicembre alle ore 17.30 “Spaghetti e Cornacchie” di Veronica Paretta, secondo appuntamento con il nuovo partnership Grains. In mostra 10 illustrazioni originali accompagnate da stampe e diversi gadget, fino al 30 dicembre 2016. Di seguito i testi delle curatrici.



“Spaghetti e Cornacchie è un racconto sul degrado. Una triste storia di regresso scaturito dal progresso scientifico che sta compromettendo l’equilibrio dell’ecosistema e mettendo in grave pericolo l’esistenza umana

Quel degrado, che tra le altre, che ha fatto sì che gli animali selvatici si avvicinassero a noi sia per la scarsità di cibo, sia per la spazzatura, fonte di sopravvivenza per molti, soprattutto per gli uccelli. In particolar modo per le cornacchie che, attratte dai cassonetti aperti, dai rifiuti nei mercati o dai cestini stracolmi, colonizzano gli ambienti urbani minacciando seriamente la biodiversità.

Come nel pasoliniano Uccellaci Uccellini la cornacchia diventa protagonista del racconto. Tra i volatili meglio adattati all’urbanizzazione è abituata alla presenza dell’uomo, vive appollaiata sugli alberi in città mangiando i nostri scarti e riproducendosi a dismisura. Per Veronica Paretta il corvide gracchiante diventa pretesto per riflettere sul progresso e sui danni da esso causati. Il mezzo per una disamina di quello che è il lato oscuro dello sviluppo tecnologico ed economico da cui deriva tutta una serie di problematiche che dall’inquinamento giunge all’impoverimento delle materie prime, passando per gli alimenti contaminati e confluire in un ecosistema sempre più compromesso che si avvia sull’orlo del baratro. E lo fa con l’illustrazione e un linguaggio volutamente infantile che attinge a piene mani all’Art brut, così come è stata definita da Dubuffet e ribattezzata Outsider art da Roger Cardinal. Ovvero quell’arte irregolare, ai margini della società, espressione del sottosuolo affidata all’urgenza di esprimersi, all’esigenza di liberare l’anima nell’esternare la propria soggettività. Senza l’utilizzo di filtri alcuni e dove la spontaneità emerge prepotentemente. Al di là di qualunque schema prestabilito e di ogni compiacimento estetico con uno spirito semplice, spesso primitivo, quando non incline all’aspetto più selvaggio. In perfetta antitesi con tutto ciò che è di ascendenza decorativa, l’artista procede per tinte piatte e linee distorte, riducendo i cromatismi al solo bianco e nero e occupando quasi ossessivamente tutta la superficie disponibile, per dare luogo ad un horror vacui al limite del claustrofobico.

Spaghetti e Cornacchie non a caso è il racconto di una realtà spietata abitata da personaggi inquietanti - i cui volti alieni e brutali diventano maschere - e da grottesche creature antropomorfe costellate di elementi geometrici a sottolineare, tra gli altri, la natura primordiale della rappresentazione. Di un mondo ostile da cui scaturiscono il disagio, il malessere e l’aggressività di un’umanità sopraffatta da se stessa. Ostaggio degli effetti devastanti di un mondo manipolato. E’ il racconto di un’umanità degenerata, diventata ibrida, invasa da stormi di cornacchie che sguazzano tra i rifiuti in mezzo a strade tortuose, lastricate di oggetti di scarto. Tra alberi divelti dalle fronde oscure e dai rami scheletrici. In una realtà ora vicina più che mai.” (Roberta Vanali)



“In un secolo in cui l'industria alimentare produce gelato alle fragole senza fragole, crocchette di tacchino senza carne, polpa di granchio senza crostacei, la mozzarella senza il latte perché non dovrebbe esistere un uomo asfalto e non dovrebbe essere idilliaco un picnic con le cornacchie?” (Anna Oggiano)



Veronica Paretta é nata nel 1986 a Cagliari, città nella quale ha studiato presso il Liceo Artistico diplomandosi nel 2005. Preosegue gli studi all'Accademia delle Belle Arti di Bologna laureandosi nel 2011. Sempre nel 2011 espone la sua prima personale alla Galleria Capitol Arte Contemporanea di Cagliari, una mostra antologica con opere eseguite dal 2005 al 2011. Nello stesso anno partecipa alla 54a edizione della Biennale di Venezia, Padiglione Italia nella Sala Nervi di Torino. Nel 2013 partecipa al workshop di incisione nell'Atelier di Casa Falconieri a Serdiana e partecipa alla collettiva "GEOGRAFIE DEL SEGNO" Museo Nivola, Orani. A Maggio del 2016 espone una mostra personale dal titolo "ESERCIZI DI DISEGNO LIBERO" a cura di Ilaria Medda. Tra le mostre collettive: Saatchi Gallery, Londra; Libr/Art, leggere e guardare, d'Art di Dolianova; Set Up, Bologna; Paratissima onde d'Arte, Cagliari; Apparati sotterranei, circola la marina T.Sankara, Cagliari. Attualmente vive e lavora a Cagliari.