Vadim Stein – The Floating Grace

Napoli - 19/12/2018 : 19/12/2018

L'eclettico artista ucraino protagonista del nuovo appuntamento performativo del Madre. Per il Madre Stein firma la performance originale The Floating Grace, presentata in prima assoluta al museo, con coreografia di Anna Gerus.

Informazioni

Comunicato stampa



Il cartellone performativo di Coreografia per una mostra prosegue con una creazione originale di Vadim Stein, commissionata e prodotta per il Madre dal fotografo e video maker ucraino, che sarà presentata mercoledì 19 dicembre alle ore 19.00 (terzo piano).

In The Floating Grace l’eleganza e la potenza del flusso accompagnano lo spettatore in viaggio attraverso la bellezza, rivelando l’eco di due grandi artisti del XX secolo. Da una parte Martha Graham, celeberrima coreografa e danzatrice statunitense, che ha reso il movimento la massima forma di espressione del corpo umano

E dall’altra Robert Mapplethorpe, la cui celebre serie fotografica White Gauze (1984), in mostra al Madre, sembra prendere vita attraverso i corpi dei performer, avvolti e ridisegnati dal tessuto.

Biografia:

Vadim Stein, fotografo e video maker, ha un passato nei teatri, lì dove il corpo diventa protagonista, dove si esplicita e si trasforma in parola tramite la danza. È anche un uomo con un’ossessione, una fede anzi: la ricerca della bellezza.

Nato a Kiev nel 1967, Vadim Stein, nome d’arte di Vadim Protsko, si forma nel settore della scultura e del restauro. Dal 1985 al 1992 lavora presso il Theatre of Plastic Drama come attore e light designer, dedicandosi al contempo alla scultura e alla grafica. Dagli anni Novanta la fotografia assume sempre maggiore importanza nella sua ricerca, e il corpo e la danza diventano i temi centrali della sua produzione.

Alla prima celebre serie di scatti, realizzata nel 2011 con protagonista Nina Zmievets, Prima ballerina del Boris Eifman Ballet Theatre, seguono numerose produzioni di successo con étoiles dei maggiori teatri russi, come Alla Bocharova del Jacobson Ballet. Dal 2017 si dedica al video con il progetto Hidden Echo, approfondendo ulteriormente il tema della relazione tra forma, materia, luce e ombra.

Per il Madre Stein firma The Floating Grace, performance originale ispirata alla vita ed al lavoro di una leggenda della danza del XX secolo, Martha Graham, con coreografia di Anna Gerus, fondatrice e direttrice artistica dell’Ukrainian Dance Theatre.