Ursus – la seconda vita degli orsi della luna

Genova - 11/12/2015 : 10/01/2016

Una mostra di pittura e fotografia dedicata a questi animali un tempo torturati per l'estrazione della bile.

Informazioni

  • Luogo: MUSEO CIVICO DI STORIA NATURALE G. DORIA
  • Indirizzo: Via Brigata Liguria 9 - Genova - Liguria
  • Quando: dal 11/12/2015 - al 10/01/2016
  • Vernissage: 11/12/2015 ore 17
  • Generi: fotografia, arte contemporanea
  • Orari: dal martedì alla domenica: 10-18 lunedì chiuso

Comunicato stampa

Una mostra di pittura e fotografia dedicata a questi animali un tempo torturati per l'estrazione della bile

La mostra, che si compone di 16 pitture a olio dell'artista genovese Elena Sanna e di 30 fotografie degli orsi salvati da Animals Asia, sarà visitabile fino a domenica 10 gennaio 2016 con il normale biglietto d’ingresso del Museo. Le opere sono in vendita e parte del ricavato sosterrà il lavoro di Animals Asia in Cina e in Vietnam



L'evento, nato con l'intenzione di documentare il recupero di esemplari di Ursus thibetanus, una specie di orso indicata come “vulnerabile” nella Lista Rossa dell’IUCN (International Union for Conservation of Nature), comunemente nota come orso della luna, è stato ideato dall'organizzazione internazionale Animals Asia in collaborazione con il Museo Civico di Storia Naturale "G. Doria".

Tra Cina e Vietnam più di 10.000 orsi della luna, ma anche orsi bruni (Ursus arctos) e orsi del sole (Helarctos malayanus), sono imprigionati e torturati a vita per l’estrazione della bile, sostanza impiegata dalla medicina tradizionale cinese.

Rinchiusi in gabbie grandi quanto il loro corpo, gli animali vengono munti con tecniche invasive e dolorose che generano gravi infezioni croniche e svariate patologie che in ultimo li condurranno alla morte.

Animals Asia lavora da anni per la chiusura delle fattorie della bile, riscattando gli orsi, curandoli e ospitandoli per il resto della loro vita nelle sue riserve naturali in Cina e in Vietnam, diventate modello internazionale di eccellenza.

Lo scopo dell'iniziativa è quello di mostrare che il cambiamento è possibile, aiutando gli esemplari di questa specie, oggetto per anni e talvolta fino alla morte di abusi e barbarie inaudite, a ritrovare una nuova vita.

Animals Asia ha già liberato più di 550 esemplari vittime dell'industria della bile.

"Un anno fa il Museo Civico di Storia Naturale di Genova ha ospitato una mostra sul bracconaggio dei rinoceronti, adesso è allestita una mostra sugli orsi della luna: due temi fortemente connessi tra loro. Il Museo infatti, oltre ad essere un centro di ricerca e di conservazione di importanti collezioni scientifiche, svolge significative attività per la promozione e la divulgazione della cultura naturalistica; viene rivolta particolare attenzione alla tutela, senza limiti spaziali, degli animali per cui la proposta di Animals Asia per l’allestimento della mostra URSUS presso il Museo è stata subito approvata dalla nostra Amministrazione, attenta e sensibile alla conservazione del patrimonio naturalistico mondiale." Carla Sibilla, Assessore Cultura e Turismo del Comune di Genova

"Gli orsi (Classe Mammiferi, Ordine Carnivori, Famiglia Ursidi) sono diffusi nelle Americhe, in Europa e Asia con 8 specie: di queste, 1 è considerata in pericolo e 5 vulnerabili. Il dato è drammatico e le cause principali, dovute ad azioni dell’Uomo, sono la distruzione degli habitat e la caccia e, in particolare per Ursus thibetanus, l’esistenza delle "fabbriche della bile". E’ quanto mai necessario promuovere la conoscenza di queste situazioni per evitare la perdita di biodiversità del nostro pianeta." Giuliano Doria, Direttore del Museo di Storia Naturale

"Per Animals Asia è un momento molto importante. In Vietnam, dove abbiamo appena liberato 33 orsi, abbiamo siglato un accordo con l’Associazione di Medicina Tradizionale per mettere fine all’industria della bile entro il 2020; mentre in Cina la più grande azienda farmaceutica del paese ha avviato la produzione di un preparato alternativo alla bile di orso che potrebbe rivoluzionare il mercato. Con URSUS vogliamo celebrare questi successi raccontando il viaggio verso la libertà di questi maestosi esemplari e la loro seconda vita nelle nostre riserve naturali dopo anni di prigionia negli allevamenti. La consapevolezza è il primo importante passo per creare cambiamento, alimentare il dibattito e stimolare la cultura dell’empatia e del rispetto: siamo onorati di poterlo fare in una cornice così prestigiosa come quella del Museo "G. Doria". Adesso contiamo sull’impegno e il supporto dei genovesi." Irene de Vitti, Responsabile per l'Italia di Animals Asia