Torna a Torino la decima edizione di Urbanpromo per svolgersi parallelamente nelle due sedi del Circolo dei lettori e del Museo nazionale del Risorgimento italiano.

Informazioni

Comunicato stampa

Urbanpromo, rigenerazione urbana e social housing
A Torino la decima edizione

Urbanpromo sceglie Torino. Dopo nove edizioni svolte tra Venezia e Bologna, per la prima volta la manifestazione nazionale di riferimento per i temi del marketing urbano e territoriale avrà luogo interamente nel capoluogo piemontese, che negli ultimi due anni ha ospitato una preview concentrata sulle tematiche del social housing. Quest'anno, oltre che del focus di incontri e convegni incentrati sull'edilizia residenziale sociale, da domani a venerdì (6 - 8 novembre) Torino sarà la sede delle discussioni e della mostra sulla rigenerazione urbana

Al Circolo dei lettori avranno luogo i convegni, mentre nei prestigiosi spazi del Museo nazionale del Risorgimento italiano ci sarà l'esposizione dei progetti.

Urbanpromo, organizzato dall'Istituto Nazionale di Urbanistica e da Urbit, è un luogo di aggiornamento avanzato per amministratori, operatori economici, professionisti, studiosi e ricercatori. A Urbanpromo espongono e promuovono i loro progetti gli attori impegnati nei processi di rigenerazione urbana, pubblici e privati. A Urbanpromo, nella sezione della manifestazione dedicata al social housing, un ampio partenariato di enti e organizzazioni discute con l'obiettivo di costruire una visione di sistema per l'abitare sociale. Oltre ad Ance, Acri, Cassa depositi e prestiti Investimenti, Fondazione Housing Sociale, Legacoop Abitanti, Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo e Federcasa ci sono la Compagnia di San Paolo e la Fondazione Cassa di Risparmio di Torino che hanno contribuito a rendere Torino la "capitale" della rigenerazione urbana, dopo due anni in cui è stata la sede privilegiata delle attività più avanzate di housing sociale. Il doppio ruolo ormai si addice a Torino, in virtù delle eccellenze che la città vanta a livello di Istituti universitari come il suo prestigioso Politecnico, che nel 2009 ha celebrato il 150° anno accademico dalla sua fondazione, e i suoi corsi di scienze architettoniche. Un ruolo di avanguardia che si collega a quello che, nei medesimi giorni di Urbanpromo, Torino riveste quale ospite di una ampia serie di iniziative internazionali nell'arte contemporanea.

Il programma della manifestazione riserva al capoluogo e al territorio piemontese ruoli da protagonista. Nella giornata inaugurale di domani la Compagnia di San Paolo e la Fondazione Cassa di Risparmio di Torino presenteranno lo stato dell'arte dei progetti di rigenerazione urbana di Porta Palazzo e delle Officine Grandi Riparazioni. Rappresentanti dei medesimi enti (Patrizia Poliotto e Antonio Fassone), assieme alla vicesindaco del Comune di Torino Elide Tisi, all'assessore all'Urbanistica della Regione Piemonte Giovanna Quaglia, al presidente di Federcasa Piemonte Carlo Sansottera, al presidente di Casa Depositi e prestiti Investimenti Matteo Del Fante, al direttore della Direzione Politiche abitative del Ministero delle Infrastrutture Costanza Pera, al presidente di Legacoop abitanti Luciano Caffini, al consigliere delegato di Fondazione Housing Sociale Marco Gerevini e al vicepresidente per l'Edilizia e Territorio di Ance Alessandro Cherio forniranno il loro contributo pubblico nel convegno decisivo di giovedì, dove si farà il punto sulle buone pratiche e le proposte in materia di social housing. Nella stessa giornata Compagnia di San Paolo, Fondazione Cassa di Risparmio di Torino, Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo e Comune si confronteranno sui piani e i progetti per prevenire l'emergenza abitativa. Il Comune, in particolare, presenterà lo stato di avanzamento del progetto "Salvasfratti"; si presenterà il progetto di housing sociale di Falchera da realizzare nell'ambito dei finanziamenti del piano città. Venerdì la vicesindaco Tisi interverrà in un incontro sulle connessioni tra rigenerazione urbana e social housing.

Molti altri saranno i temi e gli incontri di interesse. A proseguire il lavoro intrapreso nell'edizione dello scorso anno, l'Agenzia del Demanio nella giornata di domani curerà una sessione di approfondimento sulla gestione dei patrimoni immobiliari, con particolare attenzione a quello pubblico. Assieme ai sottosegretari alla Difesa e all'Economia Gioacchino Alfano e Pier Paolo Baretta e al direttore dell'Agenzia del Demanio Stefano Scalera interverrà anche il sindaco di Torino Piero Fassino. Il convegno vuole rappresentare un laboratorio per fornire strumenti concreti in una fase cruciale del processo di valorizzazione degli immobili di proprietà dello Stato. Sempre domani il sindaco di Torino sarà inoltre tra i relatori di un convegno organizzato dal Dipartimento per lo sviluppo della Economie territoriali e delle aree urbane della Presidenza del Consiglio in collaborazione con il Ministero delle Infrastrutture, dove si farà il punto sui modelli di sviluppo delle aree interne del Paese, che saranno al centro della programmazione dei fondi comunitari 2014 - 2020. Il Ministero delle Infrastrutture organizza inoltre un convegno giovedì dove, nell'ambito della presentazione di una nuova piattaforma per lo sviluppo delle città e dei territori e sempre in vista della programmazione 2014 - 2020, verranno esposti casi concreti. A entrambi i convegni parteciperanno Aldo Mancurti e Paolo Signorini, rispettivamente Capo del Dipartimento per lo sviluppo delle Economie territoriali e delle aree urbane della Presidenza del Consiglio e Capo del Dipartimento per le Infrastrutture del Mit.
La Cassa depositi e prestiti Investimenti curerà una serie di approfondimenti nelle giornate di giovedì e venerdì. Tra questi, una sessione che punta a definire le migliori procedure per selezionare le Sgr chiamate a istituire e gestire fondi locali di social housing e un'altra che concentrerà lo sguardo sulle modalità di investimento dei fondi immobiliari che operano nel Sud Italia.

L'Ance, Unioncamere, Confcommercio e il Consiglio nazionale degli architetti esporranno domani i casi e lo stato di avanzamento del progetto "UrbanPro", un piano che dà sostegno ai centri urbani per un utilizzo ottimale dei fondi dedicati alla rigenerazione urbana, in particolar modo nell'ambito del piano città. Domani tra le altre iniziative c'è inoltre una sessione a cura di Urbit incentrata sulla selezione della città che sarà capitale europea della cultura nel 2019. A Urbanpromo le città candidate esporranno i loro progetti e indicheranno le strategie messe in atto per ottenere il prestigioso riconoscimento. Sempre nella giornata di domani in un incontro organizzato dall'associazione Città del Vino verrà discussa da amministratori pubblici e operatori economici la candidatura del territorio delle "Langhe - Roero - Monferrato" per essere riconosciuto quale Patrimonio dell'Umanità da parte dell'Unesco.

Urbanpromo avrà un piacevole strascico nella giornata di sabato. Compagnia di San Paolo e Fondazione Cassa di Risparmio di Torino organizzano per i partecipanti visite guidate alla residenza temporanea di San Pio V e alle Officine Grandi Riparazioni. Un opportunità per assistere dal vivo alla realizzazione concreta, sul campo, delle iniziative di social housing e rigenerazione urbana.