Unexpected windows

Firenze - 26/04/2014 : 13/05/2014

La mostra Unexpected Windows è un invito a considerare la finestra come un’apertura sull’imprevedibile, sugli aspetti inattesi che affiorano dalla realtà o dalla trasfigurazione fantastica del reale.

Informazioni

  • Luogo: SIMULTANEA SPAZI D'ARTE
  • Indirizzo: Via San Zanobi, 45 r - Firenze - Toscana
  • Quando: dal 26/04/2014 - al 13/05/2014
  • Vernissage: 26/04/2014 ore 17,30
  • Generi: arte contemporanea, collettiva
  • Orari: lun/ven 16.00-19.00

Comunicato stampa

"Il quadro è un'apertura d’irrealtà che avviene magicamente nel nostro ambito reale […]
la cornice ha qualcosa della finestra, così come la finestra ha molto della cornice.
Le tele dipinte sono…brecce d’inverosimiglianza a cui ci affacciamo attraverso la finestra benefica della cornice. [...] Dal reale all'irreale, lo spirito fa un salto, come dalla veglia al sonno.
L'opera d'arte è un'isola immaginaria che fluttua, circondata dalla realtà da ogni parte"


(José Ortega y Gasset)


Nell’arte occidentale la finestra è entrata a far parte della rappresentazione pittorica non solo come ‘dettaglio’ utile per definire le coordinate spaziali e luministiche del dipinto ma anche come forma simbolica. Se il quadro, unitamente alla cornice, è una finestra che isola un frammento di realtà e gli permette a sua volta di proporsi come una nuova totalità, allo stesso modo la finestra che diventa oggetto della rappresentazione è un elemento che divide o mette in comunicazione il dentro e il fuori, lo spazio esterno e lo spazio interno, la realtà e la finzione. Il discorso non cambia se consideriamo non solo altri ambiti artistici, quali la fotografia e il cinema, ma anche il linguaggio informatico, che usa la parola ‘window’ per indicare l’interfaccia grafica dei computer: attraverso queste finestre entriamo in contatto con realtà lontanissime dalla nostra, realtà esistenti o virtuali. La mostra Unexpected Windows è un invito a considerare la finestra come un’apertura sull’imprevedibile, sugli aspetti inattesi che affiorano dalla realtà o dalla trasfigurazione fantastica del reale. Non sappiamo cosa ci aspetta dietro la finestra, quali sogni, quali paure, quali visioni il nostro sguardo andrà a scoprire. Sono gli artisti a dircelo, pittori e fotografi, senza limiti sul piano formale e stilistico: Giuseppe Alesiani, Michele Berlot, Elena Bottari, Alessandro Brunelli, Anna Maria Calamandrei, Roberto Celli, Giuseppe D'Auria, Annapaola Gorozpe, Francesca Guetta, Willy Pontin, Andrea Simoncini, Giovanna Sparapani, Luigi Tosti.