Tommaso Correale – Il poeta oracolo

Milano - 19/09/2013 : 22/09/2013

L’installazione prodotta da Eclettica&Media, gioca con le parole coinvolgendo il pubblico in nuove esperienze sensoriali, sperimentandone la partecipazione e le reazioni ai contenuti di immagine, sonori e tecnologici con alti livelli di interazione.

Informazioni

Comunicato stampa

Il Poeta Oracolo
Installazione di Tommaso Correale Santacroce
produzione Eclettica&Media


Nell’ambito della XIII edizione del festival Tramedautore - Milano, dal 13 al 22 settembre

Dopo il successo all'interno del progetto Visionica di VisionLab Triennale, ripensato per il festival Tramedautore di Outis – Centro Nazionale di Drammaturgia Contemporanea, torna a Milano “Il poeta Oracolo”, l’installazione di Tommaso Correale Santacroce prodotta da Eclettica&Media, che gioca con le parole coinvolgendo il pubblico in nuove esperienze sensoriali, sperimentandone la partecipazione e le reazioni ai contenuti di immagine, sonori e tecnologici con alti livelli di interazione



L’installazione, allestita nel Chiostro Nina Vinchi di via Rovello a Milano, dal 19 al 22 settembre 2013 (ingresso gratuito) è presentata nell’ambito delle giornate dedicate alla sezione “La giovine Italia al tempo della crisi”. Il Poeta Oracolo si dota così di un nuovo vocabolario che si rifà all'attualità e riflette la difficile situazione di crisi che stiamo vivendo, i timori per un futuro che si prospetta pieno di incertezze, ma anche le speranze che animano le nuove generazioni, le ambizioni e la voglia di continuare a coltivare i propri sogni a dispetto delle difficoltà.

Il Poeta Oracolo
L’installazione propone una macchina di scrittura automatica agita e interagita dal visitatore.
La scrittura automatica è il processo di scrivere frasi che non arrivano dal pensiero cosciente dello scrittore. Lo scrittore/poeta in questo caso è il pubblico che nell’installazione agisce. In base a tale agire la macchina produce per il poeta una composizione simile al dire oracolare. Ne “Il Poeta Oracolo” questa composizione viene “declamata” da un video che reagisce in tempo reale ai movimenti di chi partecipa.

La narrazione drammatica perciò è fatta di testi, immagini e suoni strutturati in modo che la “casualità” segua linee ben definite attivando alte variabili ma al contempo dando un carattere narrativo distinguibile.

L’installazione inoltre cresce via via che viene vissuta: i visitatori/poeti potranno dare il loro contributo per la crescita del vocabolario del Poeta Oracolo, portando così anche ad un adattamento all’ambiente della macchina; nell’ambito della sezione “La Giovine Italia al tempo della crisi” in cui l’installazione è inserita, non stupirà sentir ritornare termini come “giovane” “indipendente” ma anche “rischio” “crisi” …

Call per creare il vocabolario di frasi e parole del Poeta Oracolo
Nel periodo precedente all’evento è stata lanciata una Call in modo da costruire per coinvolgimento il vocabolario che il Poeta Oracolo utilizzerà nelle giornate del Festival. Le parole o le frasi scelte dovranno avere attinenza con il tema de “La giovine Italia al tempo della crisi” e possono essere inviate via mail all’indirizzo [email protected] oppure postate all’interno della pagina fan di facebook dedicata all’installazione (www.facebook.com/poetaoracolo).
Gli autori delle parole del vocabolario del Poeta Oracolo hanno registrato di persona indossando la maschera del Poeta Oracolo (come dai video nel canale YouTube a lui dedicato http://www.youtube.com/channel/UC17Rg4mje_hwR4el_AsSFDQ), e di fatto sono diventati parte dell'installazione.
Le migliori 49 parole saranno inserite il primo giorno! Le altre verranno utilizzate nei giorni successivi.




Tommaso Correale Santacroce è un autore, regista teatrale e digitale. Nel corso della sua carriera si è occupato della realizzazione di spettacoli ( “Un cielo nuovo”; “Approdo” e un’altra ventina), installazioni (come Parole Mobili; Incontro; Poeta Oracolo), progetti di intermedia e organizzazione di eventi (MalagAtelier). Si occupa di comunicazione on-line per la Fondazione Giannino Bassetti e, con Eclettica&Media, si dedica a progetti intermediali, con vocazione sociale ed etica, a favore di una visione della conoscenza aperta e condivisa. E' stato anche docente e autore (“Trampoli. Immaginario e Tecniche”; “Quando la vita ti sorprende” con Beniamino Sidoti).