Tigre Torino 2014

Torino - 27/06/2014 : 12/07/2014

Sergio Cascavilla presenta il terzo appuntamento di Tigre, questa volta dopo la città siciliana di Sciacca si sposta a Torino in modo da far conoscere le notevoli realtà artistiche siciliane in un luogo estremamente diverso.

Informazioni

Comunicato stampa

Sergio Cascavilla presenta il terzo appuntamento di TIGRE, questa volta dopo la città siciliana di Sciacca si sposta a Torino in modo da far conoscere le notevoli realtà artistiche siciliane in un luogo estremamente diverso


Nove talentuosi artisti siciliani di varia provenienza ed esperienza, accompagnati da Virginia Glorioso attenta e dinamica critica e curatrice palermitana…
sostenuti da due realtà culturali come la catanese "Tribeart" elegante e precisa guida web e cartacea degli eventi d'arte in Sicilia, creata da Vanessa Viscogliosi e Alessandro Giacomo Fangano con le loro intriganti creazioni editoriali di "Latienda" dedicate agli artisti siciliani…
la straordinaria realtà della "Farm Cultural Park" creata a Favara da Florinda Saieva e Andrea Bartoli che gli inglesi di Purple Travel collocano al sesto posto al mondo come meta turistica per gli amanti dell'arte contemporanea.
Questo è molto altro nella mostra TIGRE !

Il fenomeno migratorio italiano nel mondo ha rappresentato, e rappresenta tuttora con le dovute differenze, uno dei tratti più peculiari della storia italiana contemporanea. A partire dal primo dopoguerra, infatti, Torino, capitale italiana dell’industria, è al centro del notevole flusso migratorio che da Sud si dirigeva verso Nord. Donne e uomini partivano nella speranza di trovare migliori condizioni di vita.
Cosa è cambiato oggi? E cosa c’entra l’arte contemporanea?
Forse concretamente nulla è cambiato nel continuo viaggio dal meridione verso il settentrione d’Italia. Quelli che di sicuro, però, si sono trasformati sono i protagonisti di questo flusso migratorio e i luoghi di partenza e arrivo qui coinvolti.
La Sicilia, con tutte le sue contraddizioni, oggi si presenza come un bacino sempre originale ed effervescente di artisti che però difficilmente si riconoscono esclusivamente nel sistema artistico – culturale dell’Isola, che spesso non riesce a seguire il dinamico fermento di questo fenomeno. Torino, invece, ormai, ha dismesso i panni di capitale italiana dell’industria per indossare la più qualificante e sfavillante veste di capitale italiana dell’arte contemporanea.
È proprio in questa trasformazione dei luoghi che scatta il corto circuito tra Nord e Sud. Rinasce dunque l’esigenza di muoversi, di migrare, per giungere posti in cui il proprio saper fare creativo possa trovare la dimensione più adatta.
Qui, presso lo Spazio Azimut, il Sud e il Nord si rincontrano dialogando equilibratamente attraverso l’arte. La Sicilia, rappresentata dalle diverse opere di Marcello Buffa, Andrea Buglisi, Angelo Crazyone, Martina Di Trapani, Miriam Iervolino, Salvo Lo Nobile, Cosimo Piediscalzi, Sara Rizzo e Vincenzo Todaro, ritorna a Torino non più con la valigia di cartone e la rassegnazione di chi lascia ciò che conosce e ama per un ignoto non accogliente, ma con la spregiudicata creatività, con l’arte di chi vive la propria perifericità come un valore aggiunto, con lo spirito artistico che da secoli anima l’Isola e che anche oggi torna a ruggire come la più fiera TIGRE della foresta.

Virginia Glorioso