Territoria

Piacenza - 20/10/2017 : 05/11/2017

“Territoria” farà rivivere con la voce, le visioni e il messaggio di quattro artisti speciali l’ex officina dei tram di Piacenza, in viale Sant’Ambrogio, edificio di archeologia industriale datato inizi Novecento. Un luogo dismesso che ha avuto una storia e che aprirà le porte all’autunno con l’esposizione organizzata dalla Galleria Il Lepre di Sandra Bozzarelli Vegezzi.

Informazioni

  • Luogo: EX OFFICINA DEI TRAM
  • Indirizzo: viale Sant’Ambrogio, 17/21 - Piacenza - Emilia-Romagna
  • Quando: dal 20/10/2017 - al 05/11/2017
  • Vernissage: 20/10/2017
  • Generi: arte contemporanea, collettiva

Comunicato stampa

Dal 20 ottobre e per altri due fine settimana fino al 5 novembre “Territoria” farà rivivere con la voce, le visioni e il messaggio di quattro artisti speciali l’ex officina dei tram di Piacenza, in viale Sant’Ambrogio, edificio di archeologia industriale datato inizi Novecento. Un luogo dismesso che ha avuto una storia e che aprirà le porte all’autunno con l’esposizione organizzata dalla Galleria Il Lepre di Sandra Bozzarelli Vegezzi.

Pittura, scultura e fotografia: tre arti insieme

Tre arti tanto diverse tra loro che intersecandosi come in un incontro casuale trovano un terreno comune di comunicazione nel quale la parola d’ordine è tenere insieme l’interiorità dell’essere e l’esteriorità di un paesaggio che con tanti rimandi e citazioni raccoglie le forme, le vite, il sentire delle persone che lo vivono. Un doppio significato quello delle opere che saranno esposte e del luogo che le ospita.



Da una parte dunque i lavori degli artisti Roberto Boiardi, pittore piacentino attratto da paesaggi urbani segnati dalla marginalità; Brunivio Buttarelli, scultore cremonese che lavora sulle grandi dimensioni con ferro, carta e pietra, suo il “Taurus” che nel 2012 “emerse” dalle viscere di un campo di mais a Turro; Gianni Lucchesi, scultore e pittore pisano impegnato nella ricerca dell’interiorità dell’essere attraverso le tele e anche i materiali “scartati”; Marco Rigamonti, fotografo piacentino che dedica la sua attenzione al mare, alle spiagge e ad eterei orizzonti di acqua e cielo. Tecniche, stili e concept diversi tra loro, ma legati dalla ricerca di un’espressione post moderna che sia capace di far rinascere da quello che è stato una nuova forma, un nuovo utilizzo e soprattutto un nuovo messaggio che inneschi un viaggio della fantasia.

Dall’altra il luogo che ospiterà “Territoria”, l’ex officina dei tram di Piacenza, nel quale sono rimaste come fissate sulla pellicola di un fotografo del tempo gli strumenti di lavoro lasciati esattamente nella posizione in cui si trovavano l’ultimo giorno di lavoro. Da entrambi i componenti di “Territoria”, luogo e artisti, la Galleria “Il Lepre” apre la strada alla rivisitazione e, perché no, alla rivitalizzazione di luoghi urbani dimenticati, spinti nell’oblio, ma che nel terzo millennio possono avere molto da raccontarci ed emozionarci.