Tarshito – Carezze all’Anima

Corato - 09/05/2014 : 28/06/2014

Il rapporto di Tarshito con l’altrove, l’amore per un altro continente attraverso l’esplorazione, frequentazione e permanenza in India, si lascia contaminare da una ricerca della spiritualità (Tarshito - in sanscrito sete di dio) raccoglie, sintetizza col suo linguaggio e crea un collegamento con l’oriente, in un nomadismo geografico e culturale.

Informazioni

  • Luogo: COART GALLERY
  • Indirizzo: Vico San Francesco 4/6 - Corato - Puglia
  • Quando: dal 09/05/2014 - al 28/06/2014
  • Vernissage: 09/05/2014 ore 20
  • Autori: Tarshito
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: dal lunedì al sabato: h.10:00-12:00; 18:00-21:00

Comunicato stampa

Venerdì 9 maggio alle ore 20:00, presso le sale della CoArt Gallery di Corato, Vico S.Francesco 4/6 (P.zza Di Vagno), prende avvio la mostra personale di Tarshito a cura di Alexander Larrarte, visitabile fino al 28 giugno 2014.
Maggio è un mese intenso per Tarshito, appuntamenti che lo vedranno impegnato in un’asta per la Sotheby’s a Milano, ed un percorso dal MAXXI di Roma (14/16 maggio) fino al MAMbo e MAST di Bologna. Tra questi appuntamenti si profila “Carezze all’Anima”, una mostra curata da Alexander Larrarte, e vedrà il ritorno dell’artista nella sua terra natale


Il rapporto di Tarshito con l’altrove, l’amore per un altro continente attraverso l’esplorazione, frequentazione e permanenza in India, si lascia contaminare da una ricerca della spiritualità (Tarshito - in sanscrito sete di dio) raccoglie, sintetizza col suo linguaggio e crea un collegamento con l’oriente, in un nomadismo geografico e culturale.
La mostra è il risultato di un workshop iniziato da febbraio presso Speciale Tarshito, appuntamenti settimanali con un gruppo di persone e con la guida di maestri spirituali, attraverso video, per aumentare la consapevolezza del proprio spazio interiore. Durante gli incontri, sempre più intensi e silenziosi, ognuno ha cercato e creato un “gesto di offerta”, espressione naturale che parte dallo spazio interno per manifestarsi all’esterno. Un lavoro dello spazio interiore/esteriore sul gesto dedicato, in un’architettura dell’anima definita da stringhe rosse, un fil rouge che muove e riconduce l’uomo al suo essere, spazio interiore e azione esterna. Gesto di offerta che attraverso fili e carrucole farà suonare singing bowls, azione mossa da dentro che materializza suoni e offerte in una sperimentazione di unione tra silenzio e suono, unione tra forma d’arte performativa e ricerca spirituale. Il silenzio interiore provoca un gesto e, con la sua presenza, tra il tempo dell’ osservazione e quello della meditazione, il fruitore completerà il senso della perfomance. Un gesto ordinario, una carezza, diviene un gesto straordinario. La struttura di stringhe, carrucole e singing bowls servirà da veicolo verso il trascendente. Il “guerriero d’amore” donerà carezze all’anima insieme ai performer: Marika Morelli, Michele Pappalardi, Stefano Quagliarella, Maria Sciannimanico, Rosa Simone, Nataly Torres