Takashi Murakami – Jellyfish Eyes

Milano - 23/07/2014 : 24/07/2014

Sarà presentata l’anteprima Italiana di Jellyfish Eyes, il primo lungometraggio live-action di Murakami. Il film, realizzato nel corso di questi ultimi dieci anni, utilizza sia l’azione dal vero che immagini generate al computer (CGI) proponendo un racconto sull’adolescenza nel Giappone contemporaneo di un ragazzo che confronta il proprio passato con il proprio futuro post - Fukushima.

Informazioni

  • Luogo: CINEMA APOLLO
  • Indirizzo: Galleria de Cristoforis 3 20122 - Milano - Lombardia
  • Quando: dal 23/07/2014 - al 24/07/2014
  • Vernissage: 23/07/2014 ore 18 Proiezione in anteprima solo su invito
  • Autori: Takashi Murakami
  • Generi: serata – evento, cinema
  • Orari: PROIEZIONE APERTA AL PUBBLICO: Giovedì 24 luglio, ore 20.00 (Apollo spazioCinema) Ingresso libero sino a esaurimento posti
  • Uffici stampa: PAOLA C. MANFREDI STUDIO

Comunicato stampa

Milano, luglio 2014 – Comune di Milano Cultura e Palazzo Reale presentano, nella splendida cornice della Sala delle Cariatidi, un’esposizione di opere di pittura e scultura di grandi dimensioni realizzate dall’artista contemporaneo Takashi Murakami. Curata da Francesco Bonami, organizzata da Blum & Poe e Kaikai Kiki Co. Ltd. in collaborazione con ALTOFRAGILE e grazie allo speciale supporto di yoox.com , è la prima mostra del grande artista giapponese in uno spazio espositivo pubblico italiano e rimarrà aperta ai visitatori da giovedì 24 luglio sino a domenica 7 settembre 2014



Dopo l’ampia mostra itinerante © MURAKAMI e la grande retrospettiva realizzata nei fastosi saloni della Reggia di Versailles, quella di Milano è una proposta inedita, che indaga le rinnovate modalità di pittura utilizzate dall’artista negli ultimi due anni e propone tecniche e stili sviluppati dall’artista a partire da Ego, la grande rassegna del 2012 tenutasi all’ Al Riwaq Hall di Doha nel Qatar.

Attraverso una selezione di lavori recenti, la mostra intende sottolineare l’abilità di Murakami nel fondere riferimenti storici, contemporanei e fantascientifici in una moltitudine di stili, metodologie, forme e tecniche che sono divenute nel tempo una sorta di marchio stilistico di un artista tra i più celebrati del nostro tempo.

All’ingresso della mostra i visitatori saranno accolti dagli argentei riflessi di luce della scultura Oval Buddha Silver (2008), capolavoro di tecnica sia per gli attraenti minuziosi dettagli, sia per l’imponente quanto inquietante presenza.
Il percorso espositivo prosegue con la presentazione di tre Arhat di grande formato, tra i 5 e i 10 metri di lunghezza, pensati in risposta al recente grande terremoto in Giappone nel 2011. Il termine Arhat deriva dal sanscrito e significa “essere che ha raggiunto l’illuminazione”. La fonte delle immagini rappresentate in questi dipinti è un antico racconto che narra le vicende dei monaci Buddisti che affrontano il declino e la morte, in cui mostri demoniaci e monaci decrepiti in tonache e paramenti tradizionali vagano percorrendo paesaggi psichedelici. Un legame forte con la splendida Sala delle Cariatidi, un tempo sala da ballo poi gravemente danneggiata dai bombardamenti: questo gioiello architettonico oggi rivive grazie ad interventi di restauro che tuttavia hanno lasciato volutamente visibili le ferite e le cicatrici provocate dal tragico evento.

In mostra sarà inoltre esposta una selezione di autoritratti dipinti dell’artista, che giocosamente rappresentano la continua ricerca che Murakami ha condotto sulla propria immagine e sulla percezione perennemente mutevole del proprio posto nell’universo.

Infine, una terza serie di dipinti, appositamente realizzati per l’esposizione, ritrae una costellazione di teschi che - quasi come in una cascata - si sovrappongono l’uno con l’altro, fondendosi insieme: colori e forme psichedeliche si pongono così in definitivo contrasto con l’aspetto macabro del soggetto.
L’intera immagine coordinata della mostra è il frutto della collaborazione con lo Studio R.A.D.L., sponsor tecnico della mostra Takashi Murakami Il ciclo di Arhat.

In concomitanza con l’esposizione, mercoledì 23 luglio alle 18.00 e giovedì 24 luglio alle 20.00 presso l’Apollo spazioCinema sarà presentata l’anteprima Italiana di Jellyfish Eyes, il primo lungometraggio live-action di Murakami. Il film, realizzato nel corso di questi ultimi dieci anni, utilizza sia l’azione dal vero che immagini generate al computer (CGI) proponendo un racconto sull’adolescenza nel Giappone contemporaneo di un ragazzo che confronta il proprio passato con il proprio futuro post - Fukushima.


NOTE PER LA STAMPA

Jellyfish Eyes (100’, 2013) è il primo lungometraggio live-action di Takashi Murakami. Il film combina il marchio di ispirazione estetico-visiva proprio di Murakami ispirato all’animazione giapponese con i temi più ampi relativi al cambiamento sociale e all’auto-legittimizzazione. Unendo computer grafica e animazione, il film è un racconto sull’adolescenza. Ambientato in un mondo post -Fukushima, il lavoro ricorda i film di mostri giapponesi degli anni ’50 e allo stesso tempo rappresenta la promessa di una speranza generazionale. Jellyfish Eyes ha una durata di 100 minuti ed è presentato in giapponese con sottotitoli in inglese.
http://www.jellyfisheyesthemovie.com

PROIEZIONI A INGRESSO LIBERO (sino a esaurimento posti)
Mercoledì 23 Luglio 2014 – ore 18.00 – Apollo spazioCinema – Galleria De Cristoforis 3, Milano.
Giovedì 24 Luglio 2014 – ore 20.00 – Apollo spazioCinema – Galleria De Cristoforis 3, Milano.


La Sala delle Cariatidi di Palazzo Reale è al tempo stesso simbolo di fasto e cicatrice che segna la storia di Milano. Quel che oggi possiamo ammirare è il frutto di un restaurato a seguito dei bombardamenti che nel 1943 devastarono la città e colpirono gli ambienti di maggiore pregio del Palazzo. Voluta dal Piermarini, alla fine del XVIII secolo divenne teatro di fastosi balli di corte di quello che fu il Palazzo dei regnanti: da Maria Teresa a Napoleone, da Ferdinando I ai Savoia re d'Italia. La notte del 15 agosto 1943 un bombardamento incendiò la sala e fece crollare il tetto, lasciandola totalmente esposta degli agenti atmosferici. Nel 1947 iniziarono i lavori di restauro, che lasciarono però volutamente evidenti i segni del disastro. Nel 1953 Picasso la sceglierà per esporre Guernica, cogliendo il legame tra la tela a la drammatica storia del luogo. Oggi il Palazzo ha un ruolo centrale nella vita culturale di Milano. Sede di grandi mostre d’arte moderna e contemporanea, attrae più di un milione di visitatori l'anno con progetti di altissima qualità e opere di straordinario valore, provenienti dai maggiori musei nazionali e internazionali.

Takashi Murakami è nato nel 1962 a Tokyo e ha ottenuto il suo BFA, MFA, e dottorato di ricerca all’Università Nazionale di Tokyo di Belle Arti e Musica. Nel 1996 ha fondato a Tokyo la Hiropon Factory che successivamente è convogliata nella Kaikai Kiki Co., una società di produzione e art management su larga scala. Nel 2000 ha organizzato Superflat, un’esemplare mostra di arte che tratteggiava le origini della cultura contemporanea visual pop giapponese in rapporto all’arte giapponese storica. Il suo lavoro è stato esposto ampiamente in varie sedi in tutto il mondo, tra cui il Qatar Museum Authority; Palace of Versailles; Museum of Contemporary Art, Los Angeles; Brooklyn Museum; Museum für Moderne Kunst, Francoforte; Guggenheim Museum, Bilbao; Fondation Cartier pour l’art Contemporain, Parigi; Serpentine Gallery, Londra; Museum of Contemporary Art, Tokyo e Museum of Fine Arts, Boston.


yoox.com
Il coinvolgimento di yoox.com nella mostra è il risultato di una collaborazione con Takashi Murakami, che sarà visibile a partire da settembre 2014 su yoox.com.