TACT Festival 2021

Trieste - 20/08/2021 : 21/08/2021

TACT Festival, in collaborazione con l'associazione culturale DayDreaming Project e la Comunità Greco Orientale di Trieste, presenta la mostra “Racconti di superficie: il Viaggio”.

Informazioni

  • Luogo: SALA XENIA
  • Indirizzo: via Mazzini angolo Riva III novembre, 7 - Trieste - Friuli-Venezia Giulia
  • Quando: dal 20/08/2021 - al 21/08/2021
  • Vernissage: 20/08/2021 ore 18
  • Generi: festival
  • Sito web: http://www.tactfestival.org

Comunicato stampa

TACT Festival, in collaborazione con l'associazione culturale DayDreaming Project e la Comunità Greco Orientale di Trieste, presenta la mostra “Racconti di superficie: il Viaggio”. Inaugurazione venerdì 20 agosto alle ore 18.00 e alle ore 20.00 presso la Sala Xenia in Riva III Novembre, 9 e sabato 21 agosto ore 19.00 Bar Knulp.

La mostra coinvolge 27 artisti, nazionali e internazionali, ai quali è stato chiesto di analizzare, attraverso l’arte, il periodo della cosiddetta “riapertura” post lockdown, da maggio 2020 fino ad oggi

L’evento inoltre cade nei 700 anni dalla morte di Dante, tema centrale della mostra è infatti “il viaggio di superficie”. Questo riferimento alla Divina Commedia pertanto ha spronato gli artisti ad analizzare questo periodo come appunto un viaggio dalle viscere dell’inferno fino al paradiso. È emerso un grande senso di smarrimento, di disagio e di profonda precarietà in cui il mondo dell’arte è precipitato durante l’emergenza sanitaria. La manifestazione vuole mostrare come i teatri, i cinema, i musei e i locali, intesi alcuni non solo come luoghi di ritrovo, ma come autentici produttori di cultura, siano stati fortemente danneggiati e impossibilitati nel proseguire nelle loro preziose attività.
La mostra offre un’esposizione multidisciplinare a 360° gradi, raccogliendo diverse forme di espressione artistica: dalla pittura, alla fotografia, alla multimedialità, alla scultura, fino alle illustrazioni, con l’obiettivo di suscitare l’interesse di diverse fasce di pubblico.

Dalle parole di Nanni Spano, ideatore e curatore della mostra, “il grande uso di termini come “pandemia” e “distanziamento sociale” hanno causato una serie di traumi emotivi molto dannosi per l’essere umano in quanto animale sociale. Ciò ha portato ad una profonda riflessione sullo stato dell’arte. Perché dietro ad ogni associazione ci sono persone che hanno reso l’arte uno strumento di socialità e di condivisione, esigenze primarie di ogni artista. La mostra ha permesso agli artisti coinvolti di potersi esprimere attraverso i loro strumenti, per raccontare cosa è stato e cos’è questo periodo di ripresa.”

Nanni Spano ha voluto nuovamente affiancarsi della preziosa collaborazione di due figure già note nel panorama del TACT Festival quali: Roberta Pastore, che si è occupata della selezione fotografica in qualità di Presidente del progetto “Street Photography in the World”, con più di 197000 iscritti provenienti da tutto il mondo, e il critico d’arte Giada Caliendo, la quale ha selezionato una serie di artisti con i quali collabora da diversi anni. I curatori hanno così voluto continuare il percorso di ricerca sociale riguardo questo periodo, iniziato lo scorso anno con la mostra “Memorie dal sottosuolo: cronache di una pandemia”. L’evento, sempre organizzato dal TACT Festival, in collaborazione con l'associazione culturale DayDreaming Project e la Comunità Greco Orientale di Trieste, aveva coinvolto oltre 80 artisti da tutto il mondo, chiamati a raccontare, attraverso diverse discipline artistiche, il duro periodo del lockdown.

Anche quest’anno non mancheranno le performance. La prima dal titolo “Te lucis ante” si terrà venerdì 20 agosto durante l’inaugurazione della mostra: l’artista Enne Effe con ago e filo affronterà il tempo dell’espiazione come nell’ VIII canto del purgatorio dantesco.
L’altra performance dal titolo “Forme invisibili” si terrà venerdì 27 agosto in tre tranche alle ore 19.00, 20.00 e 21.00 sempre presso la Sala Xenia, a cura di Tullia Alborghetti con Marco Palazzoni, Elena Delithanassis, Ilaria Santostefano e Marina Calcagno, attraverso le poesie e i canti danteschi il pubblico potrà scoprire la potenza e le forme del suono. L’ingresso è gratuito con prenotazione obbligatoria su www.eventbrite.com.

Per il secondo anno consecutivo la Comunità Greco Orientale di Trieste ha messo a disposizione gli spazi della Sala Xenia per l’esposizione della mostra, che durerà fino al 18 settembre. Gli orari di visita verranno indicati sul sito tactfestival.org.

Per evitare affollamenti, durante l’inaugurazione, sono stati previsti due turni: uno alle ore 18.00, l’altro alle ore 20.00. L’ingresso è gratuito con prenotazione obbligatoria su www.eventbrite.com.
La mostra proseguirà negli spazi espositivi del Bar Knulp con l’inaugurazione sabato 21 agosto alle ore 19.00.

L’8° Edizione del TACT Festival, che si terrà dal 30 agosto al 4 settembre, porterà nel rione di San Giacomo il teatro partecipato e il teatro site-specific. Il programma del Festival verrà comunicato sul sito tactfestival.org.

Il TACT Festival è organizzato dal CUT Trieste, in collaborazione con Hangar Teatri, grazie al sostegno di Regione Friuli Venezia Giulia e Giovani FVG, e con il contributo di Scena Unita - per i lavoratori della Musica e dello Spettacolo un fondo privato gestito da Fondazione Cesvi – organizzazione umanitaria italiana laica e indipendente, fondata a Bergamo nel 1985 – in collaborazione con La Musica Che Gira e Music Innovation Hub, dalla Regione Friuli Venezia Giulia e Giovani FVG.

Per maggiori informazioni: + 39 388 3980768 | [email protected] | tactfestival.org



La mostra “Racconti di superficie: il Viaggio” è organizzata da