Surface (New Life)

Milano - 19/11/2014 : 17/01/2015

Surface (New Life) coinvolge cinque giovani artisti internazionali che si confrontano con la superficie dell’opera d’arte per sperimentare nuovi processi di costruzione di significato.

Informazioni

Comunicato stampa

Surface (New Life) coinvolge cinque giovani artisti internazionali che si confrontano con la superficie dell’opera d’arte per sperimentare nuovi processi di costruzione di significato.
Surface (superficie) è lo spazio su cui - fenomenologicamente parlando - l’opera d’arte si manifesta, e implica un riferimento sia al materiale o supporto dell’opera, sia al suo aspetto formale ed estetico

Spesso nell’arte contemporanea le superfici sono anche, come esprime il termine inglese, “superficiali”, nel senso che mascherano una complessità di attività e processi artistici che solo compresi nella loro totalità, insieme alle superfici, rivelano i reali significati e i contenuti di un lavoro artistico.
Oggi l’interesse speculativo per la circolazione di oggetti e jpeg attraverso la rete, la serialità, la riproduzione virale, le crescenti interrogazioni sugli effetti culturali del nostro rapporto di dipendenza da una tecnologia in rapidissimo processo di evoluzione e obsolescenza, e la nascita di nuove forme di “comunità” fisiche e virtuali, hanno indotto molti artisti della generazione Y (nati dai primi anni ottanta alla fine degli anni novanta) a confrontarsi con le immagini.
Non tradizionali fotografie, come saremmo ancora oggi abituati a chiamarle riconoscendovi processi di appropriazione meccanica e stampa: il processo è spurio e contaminato, non riconducibile alla fotografia se non per un’apparenza, un colpo d’occhio. Le superfici di queste opere sono un aspetto, ma il più evidente, di un processo di conoscenza, sintesi, sottrazione, appiattimento e analisi degli input sensoriali che riceviamo da ciò che ci circonda, e riflettono in modo critico le nostre aspirazioni estetiche nel quotidiano e l’approccio consumistico e sociale insito nella visione nell’era del web 2.0.

_
Chris Cornish (nasce nel 1979, vive e lavora a Londra, UK). Mostre personali recenti: 2014, TBC, SCHLEICHER/LANGE (Berlino, DE); 2012, Local Horizon, SCHLEICHER/LANGE (Berlino, DE). Mostre collettive recenti: 2014, Surface (New Life), Fluxia (Milano, IT), curata da Sara Dolfi Agostini, Time-Based Media, UCL Art Museum (Londra, UK); 2013, Motlys, OSL Contemporary (Oslo, NO); 2012, Minimal Myth, Museum Boijmans Van Beuningen (Rotterdam, NL); 2011, Archivision #2, Le Parvis (Pau, FR), A Circular Play of Light and Sound, Lautom Contemporary (Oslo, NO), The Wonders of the Invisible World, NGCA (Sunderland, UK); 2010, For Real, (Maastricht / Hasselt, NL/BE); 2007, Tank.tv: I Am Future Melancholic, Tate Modern (Londra, UK).
Sara Cwynar (nasce nel 1985, vive e lavora a Brooklyn, New York, USA). Mostre personali recenti: 2014, FLAT DEATH, Foxy Production (New York, USA); 2013, FLAT DEATH, Cooper Cole Gallery (Toronto, CA), Everything in the Studio (Destroyed), Foam Photography Museum (Amsterdam, NL). Mostre collettive recenti: 2014, Surface (New Life), Fluxia (Milano, IT), curata da Sara Dolfi Agostini, Never Enough: Recent Acquisitions in Contemporary Art, Dallas Museum of Art (Dallas, USA), 2013, MAD Library with Limited Time Only, ICI (New York, USA), What You Want, The Camera Club of New York (New York, USA); 2012, Great Point, Real Fine Arts (New York, USA); 2011, Talk to Me, MOMA Museum of Modern Art (New York, USA).
Calla Henkel and Max Pitegoff (nascono nel 1988 e nel 1987, vivono e lavorano a Berlino, DE). Mostre personali recenti: 2014, Photography and Eating, VI, VII (Oslo, NO); 2013, Nudes in Tanya Leighton’s Storage, New Theater Prototypes, Tanya Leighton Gallery (Berlino, DE); 2012, Start a Magazine, Tomorrow (Toronto, CA). Mostre collettive recenti: 2014, Surface (New Life), Fluxia (Milano, IT), curata da Sara Dolfi Agostini, Significant Others (I am small, it’s the pictures that got big), High Art (Parigi, FR), Art Post-Internet, UCCA Ullens Center for Contemporary Art (Beijing, CN); 2013, Love Of Technology, MOCA Museum of Contemporary Art North Miami (Miami, USA), Unstable Media, Galerie Martin van Zomeren (Amsterdam, NL); 2012, Stars!, Stedelijk Museum (Amsterdam, NL), LLL, hcr 1, Kunsthalle Bern (Berna, CH).
Hanne Lillee (nasce nel 1988, vive e lavora a Londra, UK). Mostre personali recenti: 2014, Spoiled Milk, Grünerløkka Kunsthall (Oslo, NO); 2013, Hanne Lillee, 53 Beck Road (Londra, UK), The Studio Series, Chapter 1. Hanne Lillee, Foodface (Londra, UK). Mostre collettive recenti: 2014, Surface, Fluxia (Milano, IT), curata da Sara Dolfi Agostini; 2013, Each Evening We See The Sunset, Spazio Morris (Milano, IT), Postgraduate Printmaking Exhibition, Clifford Chance (Londra, UK); 2012, Novemberutstillingen, Drammens Museum (Drammen, NO), Kill the Lollipop, Lewisham ArtHouse (London, UK).