Stratificazioni

Milano - 15/02/2014 : 28/02/2014

Le stratificazioni di De Francesco e Patarini sono simili ma diverse al tempo stesso: stratificazioni di gesti e di colore quelle di De Francesco, di materiali e reminiscenze culturali quelle di Patarini.

Informazioni

  • Luogo: SPAZIO E.
  • Indirizzo: Alzaia Naviglio Grande 4 - Milano - Lombardia
  • Quando: dal 15/02/2014 - al 28/02/2014
  • Vernissage: 15/02/2014 ore 17
  • Autori: Virgilio Patarini, Raffaele De Francesco
  • Generi: arte contemporanea, doppia personale
  • Orari: dal martedì al sabato dalle ore 15.00 alle ore 19.00; domenica dalle ore 11.00 alle ore 19.00.

Comunicato stampa

Le stratificazioni di De Francesco e Patarini sono simili ma diverse al tempo stesso: stratificazioni di gesti e di colore quelle di De Francesco, di materiali e reminiscenze culturali quelle di Patarini


Scrive di Raffaele De Francesco lo stesso Patarini: “Ponendosi consapevolmente e criticamente sulla scia della Pittura Informale storica, con una particolare attenzione alla declinazione americana dell’Action Painting, Raffaele De Francesco costruisce le sue opere con un’esuberanza di colore e di gesto che non sconfina mai nell’eccesso e nel disequilibrio, ma al contrario va alla ricerca di un’armonia complessa fatta di pesi e contrappesi: un’armonia in ultima analisi “classicheggiante”. La forza esplosiva, moderna e dirompente viene temperata e bilanciata da una sorta di innato aureo equilibrio di antica ascendenza greca. Tale dialettica tra espressione diretta dell’emozione e controllo razionale emerge in maniera ancora più evidente nelle ultime opere, incardinandosi in un’altra dialettica che dipende in parte dagli strumenti utilizzati: ovvero la dialettica tra il mettere e il levare. Nella stratificazione del colore infatti l’uso della spatola o di altri strumenti come i rulli consente di mettere e togliere al tempo stesso: mentre si aggiunge un nuovo strato di colore se ne strappa via una parte di quello sottostante, mostrando come in una radiografia i diversi strati che si sovrappongono”.
Scrive Michele Govoni della pittura di Virgilio Patarini: “ Aspetti della realtà, istanti, epifanie (…), proiezioni mentali di fenomeni naturali, vengono plasmati nella materia e lì fissati. La materia viene accarezzata dalle mani e dal tempo, per originare avvallamenti, punti di magma cromatico, calme piatte simili a rena modellata dal mare. Tornando à rebours verso l’operazione immaginativa e tornando, quindi, a scavare archeologicamente la tela, ci si imbatterebbe in una nuova e vera sorpresa. Se la parte superficiale rivela, infatti, il volto imitativo delle conseguenze dell’ossidazione dei metalli (…), la parte più profonda rivela allo spettatore l’elemento chiave della visione: la luce. (…) uno spazio dedicato ad un intimismo della visione, in cui ambiente, luce e spazio interiore si confrontano per dare vita ad una poetica sottrazione di peso alle situazioni dell’esistenza. “ E ancora: “ Un senso che affiora come di foglie marcite in acque stagnanti, appena velato dalla superficie torbida eppure perfettamente intelligibile. Se la materia cromatica mescolata alle malte e agli ossidi assume posizioni in cui il caso è solo uno dei protagonisti, esaminando l’opera di Patarini emerge una volontà rappresentativa che può essere considerata, in termini di profondità e purezza, alla stregua di una dottrina filosofica”.