Stefano Mirabella – DOM

Roma - 04/02/2022 : 25/02/2022

Un viaggio intimo e personale a Cieszęta, un remoto e minuscolo paesino nel nord della Polonia, un diario personale dove il tempo scorre lento, con un ritmo dettato esclusivamente dalla natura e dal lavoro dell'uomo.

Informazioni

  • Luogo: OFFICINE FOTOGRAFICHE
  • Indirizzo: Via Giuseppe Libetta 1 - Roma - Lazio
  • Quando: dal 04/02/2022 - al 25/02/2022
  • Vernissage: 04/02/2022 ore 19
  • Autori: Stefano Mirabella
  • Curatori: Emilio D’Itri
  • Generi: fotografia, personale
  • Orari: dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13.30 e dalle 15.30 alle 19

Comunicato stampa

Venerdì 4 febbraio alle 19 inauguriamo a Officine Fotografiche Roma la mostra DOM di Stefano Mirabella a cura di Emilio D’Itri.

L’abbaiare dei cani in lontananza, lo strano verso delle cicogne al sicuro nei loro grandissimi nidi, l’odore pungente dei campi e il rumore lontano di qualche vecchio trattore che fa ancora il proprio dovere, poi l’inconfondibile e rassicurante sibilo del vento che si fa strada tra le foglie degli alberi



E’ una giornata qualunque qui a Cieszęta, un remoto e minuscolo paesino nel nord della Polonia, da queste parti il tempo scorre lento, con un ritmo dettato esclusivamente dalla natura e dal lavoro dell’uomo, poi ci sono loro, i bambini, che crescono con le cose semplici di tutti i giorni e che regalano gioia e vitalità alle loro fattorie che altrimenti sarebbero calme e silenziose fino a sera.

L’ ultima fattoria del paesino, in fondo alla strada, è quella dove è nata e ha trascorso l’ infanzia la mia compagna e dove torniamo insieme a nostra figlia una volta l’anno. Per noi tutti un luogo magico, quasi onirico, dove rifugiarsi e dove veder crescere e rafforzarsi legami di famiglia destinati alla lontananza per tutto il resto del tempo.

Da queste parti le giornate si susseguono le une uguali alle altre, il tempo sembra essersi fermato e sarebbe davvero difficile percepirne i minimi cambiamenti se non vivessi con loro solo per un breve periodo dell’anno. Durante questo breve arco di tempo mi è naturale raccogliere frammenti, attimi e situazioni nel tentativo di scrivere un personalissimo diario di famiglia.