Stefano Mayorca – Psicotropia rituale

Roma - 19/01/2013 : 05/02/2013

L’autore tocca il tema dello “Sciamanesimo cromatico”, interpretando celebri opere d’arte nel loro rimando alla simbologia, alle dottrine ermetiche, alle religioni antiche.

Informazioni

  • Luogo: ECOS GALLERY
  • Indirizzo: via Giulia 81/A, 00186 - Roma - Lazio
  • Quando: dal 19/01/2013 - al 05/02/2013
  • Vernissage: 19/01/2013 ore 18.30
  • Autori: Stefano Mayorca
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: martedì, mercoledì, giovedì, venerdì 13-19 sabato 11-13 e 17-20 domenica e lunedì chiuso

Comunicato stampa

In occasione dell’inaugurazione della mostra, la Ecos Gallery ospita una conferenza impegnata a esplorare il rapporto tra arti visive, antropologia, iconologia (a partire dalla componente cromatica).

L’autore, in particolare, tocca il tema dello “Sciamanesimo cromatico”, interpretando celebri opere d’arte nel loro rimando alla simbologia, alle dottrine ermetiche, alle religioni antiche


Info e contatti

Ecos Gallery
via Giulia 81/a – 00186 Roma
Orari di apertura
martedì, mercoledì, giovedì, venerdì 13-19
sabato 11-13 e 17-20
domenica e lunedì chiuso
06.68.80.38.86 - 349.85.26.319 – 392.05.19.674
[email protected]
www.ecosgallery.com

***
“Psicotropia rituale è un viaggio verso l’ignoto, oltre i confini della mente, al di là del tempo e dello spazio, nelle propaggini dell’Io. Un volo in luoghi che non possiedono forma e pur tuttavia riescono a essere tangibili ma non definiti, impalpabili e concreti al tempo stesso. Qui il colore esplode in una ridda di cromatismi, di immagini nelle immagini, vera rapsodia di cromaticità. Psicotropia rituale vuol dire consapevolezza sciamanica e iniziazione consapevole. Attraverso l’utilizzo di sostanze dosate con sapiente maestria dallo sciamano iniziatore, si perviene alla conoscenza di mondi e dimensioni, si trascende l’umano per penetrare nel macrocosmo, più in là del Divino, verso le regioni dell’Anima”. Stefano Mayorca

Stefano Mayorca è un artista composito e variegato: ha collaborato con Mario Schifano e Tano Festa e ha esposto le sue opere in gallerie italiane e straniere (tra le quali con il maestro Renato Guttuso). Unitamente alla sua attività pittorica, ha approfondito con originalità temi legati all’arte cinquecentesca, alla mitologia e alle religioni.