Stefano Di Stasio – Verdi e altri colori

Roma - 18/12/2012 : 31/01/2013

La mostra è dedicata al mondo del teatro d’opera, e i dipinti che l’artista ha per l’occasione realizzato fanno ciascuno riferimento a un particolare momento e a un particolare personaggio di un’opera lirica.

Informazioni

Comunicato stampa

La mostra di Stefano Di Stasio che martedì 18 dicembre si inaugura alla Nuova Pesa, “Verdi, e altri colori”, è dedicata al mondo del teatro d’opera, e i dipinti che l’artista ha per l’occasione realizzato fanno ciascuno riferimento a un particolare momento e a un particolare personaggio di un’opera lirica

Quello della musica, a partire dalla sua personale formazione di pianista e dalla consuetudine dei suoi familiari, per alcuni anche professionale, al canto lirico, è il grande interesse che ha percorso l’intera biografia di Di Stasio, ancor prima della sua definizione di artista visivo e, successivamente, della scelta della pittura figurativa come linguaggio privilegiato.

Ci sono voluti molti decenni perché, complice il bicentenario della nascita di Verdi, Stefano Di Stasio tributasse il suo personale omaggio alle opere liriche che lo hanno da sempre accompagnato: ecco allora emergere, su tutti, dalle opere che in questa mostra si presentano, i personaggi che abitano le opere di Verdi (“Rigoletto) e, quasi fossero la scansione o la giustapposizione di altri colori e tonalità, quelli di Wagner (“Parsifal”), di Bellini (“I Puritani”), di Donizetti (“Lucia di Lammermor”), di Mozart (“Don Giovanni”).

Ma non si tratta, per l’artista, di un esercizio meramente illustrativo e didascalico, piuttosto di tradurre attraverso le immagini, allo stesso modo che la musica in funzione del libretto d’opera, le suggestioni del canto e della musica. Si tratta, cioè, di un’operazione obbligatoriamente anti-naturalistica, tanto più quando a muovere sono i temi costitutivi del melodramma che ci parlano dal fondo oscuro delle passioni.