Stefano Cagol – Works 1995-2015

Trento - 24/03/2016 : 12/06/2016

La Galleria CIVICA fa il punto sulla ventennale attività di Stefano Cagol.

Informazioni

  • Luogo: GALLERIA CIVICA
  • Indirizzo: via Belenzani, 44 38122 - Trento - Trentino Alto Adige
  • Quando: dal 24/03/2016 - al 12/06/2016
  • Vernissage: 24/03/2016 ore 18,30
  • Autori: Stefano Cagol
  • Curatori: Denis Isaia, Margherita de Pilati
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: Mar / Dom 10.00 - 13.00 / 14.00-18.00 Lunedì chiuso
  • Biglietti: Intero: 2 € Gratuito: Mart Membership bambini fino a 14 anni Ingresso gratuito ogni prima domenica del mese

Comunicato stampa

A sedici anni dalla prima personale in un museo, organizzata dal Mart presso l’allora storica sede di Palazzo delle Albere, le opere di Stefano Cagol tornano a Trento in una personale curata da Margherita de Pilati e Denis Isaia.
Il percorso offre uno sguardo d’insieme sui numerosi progetti con i quali Stefano Cagol ha sviluppato una riflessione sull’attualità e sui fenomeni socio-culturali dandone una lettura ironica, controversa e graffiante.

Cagol recupera le sperimentazioni che hanno attraversato il ’900 e le aggiorna con strumenti nuovi, affidandosi alla tecnologia ed ai linguaggi della comunicazione

Attraverso l’ibridazione di mezzi, strumenti e messaggi, realizza veri e propri progetti, incarnando la figura di artista-progettista.
L’indagine è principalmente focalizzata sull’immaterialità della creazione del sapere e sui processi di formazione dell’opinione pubblica. Inoltre, tra i temi cari all’artista sono fondamentali l’interesse per gli scenari globali e la ricerca sul quotidiano.

In una dimensione emotiva dell’immagine, con leggera critica e acuta ironia, vengono rilette le questioni che stanno plasmando il nuovo millennio: la digitalizzazione delle informazioni, la fluidità dei contenuti, i virus dell’informazione pubblica. In reazione a una società che è sempre più spesso “evento”, Cagol gioca con i limiti materiali ed immateriali del nostro mondo, siano essi geografici, sociali, politici, mediatici. Protagonista assoluto dei progetti che realizza, l’artista incarna il proprio lavoro mescolando l’immaginario personale a quello mediatico.


WORKS 1995|2015
In un allestimento cronologico, vengono illustrate le tappe della carriera dell’artista,
dalle prime sperimentazioni sul linguaggio del video, sino ai progetti più recenti come “The Body of Energy (of the mind)” prodotto dalla Fondazione tedesca RWE e presentato in un’esposizione personale a Berlino e in una decina di musei europei.
In mostra circa 40 opere, tra le quali i progetti itineranti che da anni caratterizzano la ricerca di Cagol, i progetti partecipativi, come quello realizzato all’Ilva di Taranto, e il lavoro presentato nel Padiglione Maldive durante la 55. Biennale di Venezia: “The ice monolith”.


Stefano Cagol
(Trento, 1969) Si forma all’Accademia di Brera e alla Ryerson University di Toronto. Tra il 1995 e il 2015 ha partecipato a numerose residenze d’artista e ricevuto borse di studio fra le quali: International Center of Photography a New York; International Studio and Curatorial Program ISCP a New York; BAR International a Kirkenes, nell’Artico. Ha esposto in Italia e all’estero, ha partecipato a Manifesta7 nel 2008, alla 54. Biennale di Venezia con un evento collaterale e alla 55. Biennale di Venezia nel 2013 invitato dal Padiglione Maldive. Nel 2009 ha vinto il Premio Terna per l’Arte contemporanea e nel 2014 il premio Visit della fondazione tedesca RWE. Nel 2015 il progetto “The Body of Energy (of the mind)” è stato presentato al Maxxi di Roma, al Madre di Napoli, al Maga di Gallarate, a Museion di Bolzano, alla Kunsthalle di San Gallo, allo ZKM di Karlsruhe e al Museum Folkwang di Essen.