Stefano Arienti

Venezia - 25/05/2013 : 21/09/2013

La mostra raccoglie alcuni lavori recenti di Arienti che sviluppano riflessioni e permanenze formali presenti nella sua ricerca artistica degli ultimi anni.

Informazioni

  • Luogo: MARIGNANA ARTE
  • Indirizzo: Dorsoduro 141, 30123 - Venezia - Veneto
  • Quando: dal 25/05/2013 - al 21/09/2013
  • Vernissage: 25/05/2013
  • Autori: Stefano Arienti
  • Generi: arte contemporanea, inaugurazione, personale

Comunicato stampa

Apre un nuovo spazio per l'arte contemporanea a Venezia, sabato 25 maggio, qualche giorno prima che per tutta la città esploda il grande girotondo della Biennale, Marignana/arte inaugura con una mostra di Stefano Arienti.
La mostra raccoglie alcuni lavori recenti di Arienti che sviluppano riflessioni e permanenze formali presenti nella sua ricerca artistica degli ultimi anni. Copertine, una collezione di immagini che rivelano graficamente, riattivandone geometrie e modalità percettive, le immagini dei volumi di una ideale “biblioteca”, in una installazione ambientale costituita da 230 fogli di carta traforata

Allo steso modo il lavoro di foratura su dischi di vinile e nuove esperienze dell’artista su formelle di terracotta - opere in bilico tra pittura, disegno, scultura – che invitano a scoprire, come in una quinta teatrale, i segreti, la complessità, la vitalità di semplici oggetti e immagini che circondano ognuno di noi quotidianamente.
Inaugurazione e vernice sabato 25 maggio
Marignana/arte
La nascita di un nuovo spazio dedicato all’arte contemporanea a Venezia costituisce per molte ragioni una novità e insieme un segno di continuità con una storia che ha proprio a Venezia, e in Dorsoduro, origini lontane. Dal secondo dopoguerra e con l’insediamento della collezione di Peggy Guggenheim il sestiere diventa infatti il motore di quella “officina del contemporaneo” che ha dato origine alle migliori espressioni delle avanguardie artistiche della città, con dialoghi e conseguenze importanti con gli altri movimenti italiani e internazionali. Emilio Vedova, Armando Pizzinato, Tancredi Parmeggiani, Edmondo Bacci, Léon Gischia e la stessa Peggy Guggenheim sono solo alcuni dei grandi protagonisti di quella stagione. La recente apertura al pubblico degli spazi di Punta della Dogana e della Fondazione Vedova completano l’identificazione di questi luoghi come un vero e proprio “cuneo” delle arti contemporanee rivolto verso i Giardini della Biennale, aprendo così un nuovo varco al ruolo di Venezia come protagonista nelle arti del nostro tempo. La galleria Marignana/arte si inserisce in questo contesto con un programma di mostre che siano espressione delle più recenti ricerche e un “archivio” per la documentazione, attraverso libri, cataloghi, opere grafiche, di quanto accade nel circuito internazionale dell’arte.