L’evento che inaugura il nuovo spazio palermitano mette insieme un gruppo di artisti che nella loro specificità raccontano luoghi, territori e dissacrazioni, che si dipanano come “stanze e istanze dell’anima”.

Informazioni

Comunicato stampa

Start Art è la mostra che inaugura lo “Spazio Alloro”, un Atelier d’Arte e Cultura che sorge nel
contesto di un palazzo storico in via Alloro, una delle antiche direttrici della vecchia Palermo.
L’evento mette insieme un gruppo di artisti che nella loro specificità raccontano luoghi, territori
e dissacrazioni, che si dipanano come “stanze e istanze dell’anima”

Così Igor Scalisi Palminteri
visionario e mistico rivive immagini parossistiche e ironiche, Barbara Arrigo nel segno grafico
di acqueforti condensa visioni e stati d’animo inafferrabili, la fotografia di Fabio Sgroi guarda al
“nostro” mondo, alla sua continua e irreversibile immutabilità e le musiche di Francesco Mannarino
ricostruiscono l’emporio sonoro di queste antiche e stupefacenti stanze. Non ultimo il vintage che
rievoca un passato prossimo ancora legato fortemente a noi.
Spazio Alloro dal 16 Marzo diviene così luogo d’incontro dove il contemporaneo si scaglia e si
fonde tra mura antiche, connubio tra passato e contemporaneo dove l'Arte, nel suo significato più
ampio, si presenta in varie forme dalla pittura alla poesia alle arti visive, all’artigianato; dando la
possibilità ad artisti, artigiani e fabbricanti d’idee di esporre in loco creando un circuito che generi
sinergia tra valorizzazione e promozione con lo scopo di implementare il capitale artistico della
città. “Spazio Alloro” diviene così un contenitore poliedrico che vuole anche essere un punto di
aggregazione, nelle forme sia del boudoir e del salotto culturale che dell’officina d’arte, luogo
d’incontro e confronto per addetti ai lavori e appassionati, dove proporre idee, produrre iniziative
e spunti di discussione, creando altresì laboratori didattici (su pittura, scrittura, poesia, fotografia
e altro) rivolti a diverse fasce d'utenza offrendo l'opportunità di comprendere e approfondire i
linguaggi dell'arte attraverso lo svolgimento di attività pratiche.

Era una ragazza semplice, di quelle che sognano dietro ai libri e alle poesie, e se la vita è carogna
non importa, una ragione buona per sorridere la trovi comunque. Era un tipo così. Ed era carina,
questo bisogna dirlo. Non del genere vistoso, quelle che ti giri a guardarle. Più semplice. Ma
aveva qualcosa che ti accalappiava, niente da dire, ce l’aveva. Come una specie di limpidezza, di
trasparenza. Era quel tipo di donna che quando ce l’hai tra le braccia, sai che lei è lì, proprio tra le
tue braccia e da nessuna altra parte. Non so se avete presente. Ma è una cosa rara. E bellissima, nel
suo genere.
Alessandro Baricco

Astucci, scatole, casse, armadi, stufe corrispondono al grembo femminile, come
del resto caverne, navi e tutti i tipi di recipienti. Le stanze nel sogno rappresentano
generalmente donne e proprio la descrizione delle loro diverse entrate e uscite conferma
quest'interpretazione.

Sigmund Freud, L'interpretazione dei sogni, 1900

Il segreto della vita sta nel trovarsi nella stanza giusta!

Linus, in Charles Monroe Schulz, Peanuts, 1950-2000