Stalker – La Zattera lo stato dell’arte

Roma - 21/12/2021 : 31/12/2021

Stalker nell'ambito del progetto “La Zattera. Alla deriva tra storie e immaginari della città invisibile (Roma 1870-2020)” presenta i risultati del percorso collettivo di ricerca, azione e riflessioni sui territori attraversati e su e con le comunità migranti e locali incontrate e coinvolte.

Informazioni

Comunicato stampa

Esposizione a conclusione della seconda annualità del progetto LA ZATTERA: una presentazione dei risultati del percorso collettivo di ricerca, azione e riflessioni sui territori attraversati e su e con le comunità migranti e locali incontrate e coinvolte, la Scuola di Urbanesimo Nomade, gli studenti del corso di Arte Pubblica - Naba, Nuova Accademia di Belle Arti e gli artisti nordici Premio Roma - Retake a place, reuse the space in collaborazione con Circolo Scandinavo a Roma con il sostegno del Kulturkontakt Nord. I risultati dell'esperienza artistica collettiva saranno il “carico” della Zattera che si realizzerà il prossimo anno

Nell’ambito dell’esposizione sarà presentato il video LA ZATTERA Circostanza 1 | 31.1.2021 - regia Myrice Tansini e Pierre Kattar, riprese e montaggio Pierre Kattar. La mostra sarà visitabile su appuntamento [email protected] fino al 31 dicembre 2021



—————————————————


LA ZATTERA. Alla deriva tra storie e immaginari della città invisibile (Roma 1870-2020) per la 2° annualità è un progetto di Stalker di coinvolgimento pubblico (Civic Engagement) tra ricerca artistica ed esplorazione urbana e sociale per la realizzazione in tre anni di un’opera artistica. La Zattera vuole essere un dispositivo mobile, un archivio per raccogliere le memorie disperse e rimosse di quanti, invisibili, hanno abitato informalmente la città nei 150 anni di Roma capitale, di chi ne ha documentato e testimoniato la realtà e di quelle esperienze di innovazione artistica, culturale e sociale che ne sono nate.


Il progetto, promosso da Roma Culture, è vincitore dell'Avviso Pubblico Contemporaneamente Roma 2020 – 2021 –2022 curato dal Dipartimento Attività Culturali.