St-Art. L’artista del mese – Tomoko Nagao

Milano - 04/10/2016 : 06/11/2016

Nell’ambito del nuovo ciclo St-Art, l’artista del mese - sarà inaugurata la personale dell’artista giapponese Tomoko Nagao, The new wave of Tomoko, ONDA POP, a cura di Christian Gangitano, in collaborazione con la galleria Deodato Arte.

Informazioni

  • Luogo: MONDADORI MULTICENTER
  • Indirizzo: Via Marghera 28 - Milano - Lombardia
  • Quando: dal 04/10/2016 - al 06/11/2016
  • Vernissage: 04/10/2016 ore 19
  • Autori: Tomoko Nagao
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: ore 9 - 23
  • Biglietti: ingresso libero
  • Uffici stampa: MARIA GRAZIA VERNUCCIO

Comunicato stampa

Martedì 4 ottobre, alle ore 19.00, presso il Mondadori Megastore di Piazza Duomo a Milano - nell’ambito del nuovo ciclo St-Art, l’artista del mese - sarà inaugurata la personale dell’artista giapponese Tomoko Nagao, The new wave of Tomoko, ONDA POP, a cura di Christian Gangitano, in collaborazione con la galleria Deodato Arte. La mostra è parte importante di “Splendido Sol Levante” il progetto realizzato da Mondadori Store in occasione del 150° anniversario delle relazioni tra Giappone e Italia, che coinvolge artisti, scrittori ed esperti in un ricco calendario di attività che porteranno il pubblico alla scoperta della cultura giapponese

Dalla pittura pop di Tomoko Nagao, ai quartieri di Tokyo protagonisti del romanzo di Mario Vattani; dalle lezioni di disegno manga al rito del sakè fino alla filosofia zen: le città, il cibo, l’arte, la contemporaneità e le tradizioni del Giappone saranno oggetto di un ciclo di appuntamenti che avrà luogo nel Mondadori Megastore di Piazza Duomo a Milano e nelle principali città italiane, dal 22 settembre al 31 ottobre, con il patrocinio della Fondazione Italia Giappone. Inoltre, per tutto il mese di ottobre più di 70 store Mondadori in tutta Italia dedicheranno al Paese del Sol Levante una selezione tematica di libri, con una proposta che spazia dai best seller ai titoli di nicchia (cs con iniziative in allegato).
La mostra
Nata a Nagoya, nel 1976, Tomoko Nagao assimila l’eredità dei grandi Nara Yoshitomo e Takashi Murakami, fondatori e teorizzatori dello stile Superflat, per sviluppare un suo particolare e personale linguaggio artistico che esplora, cita e rilegge l’arte classica per interpretare la contemporaneità. È oggi considerata la più importante esponente del MicroPop e del Superflat in Italia, dove attualmente vive. ONDA POP è un omaggio all’opera storica di Hokusai, protagonista della grande mostra in corso a Palazzo Reale di Milano "Hokusai, Hiroshige, Utamaro. Luoghi e volti del Giappone". L’esposizione di Tomoko Nagao sarà aperta al pubblico fino a domenica 6 novembre, nell’ambito del ciclo "St-Art: l'artista del mese. I maestri di oggi e di domani si mettono in mostra", il progetto culturale ideato e promosso da Mondadori Store in collaborazione con Art Relation di Milo Goj.

Presentazione della mostra a cura di Christian Gangitano
Nell’immaginario occidentale contemporaneo, molta parte di quello che consideriamo “gusto giapponese” rimanda al mondo visivo del periodo Edo. Un periodo caratterizzato da una straordinaria esperienza artistica nata dalle esigenze di un nuovo pubblico per le arti, composto da artigiani, mercanti, lavoratori di ogni tipo e reddito che sviluppò gusti propri e nuove forme di divertimento che andarono a costituire una vera e propria cultura, dai caratteri eminentemente urbani e popolari. Questa cultura nasce da una mentalità pragmatica che poggia su un edonismo diffuso riassumibile dall’idea di ukiyo, termine che indicò nel periodo Edo (l’attuale Tokyo) il mondo fluttuante, moderno, alla moda, sensuale, sempre transitorio ed effimero e da godere nel più breve spazio di tempo possibile. Questo mondo si rappresenta attraverso l’arte dell’ukiyo-e, la stampa dell’estetica fluttuante, il cui principale esponente è Hokusai, l’artista che con la sua esigenza di catturare “l’immagine in movimento” e nella quotidianità ha realizzato i primi Manga intorno alla fine del 1700 e l’inizio del 1800, precedendo di oltre 200 anni la cultura delle stampe, dell’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica teorizzata da Benjamin e della Pop Art più nota e blasonata nata in Europa e negli States tra gli anni ’50 e ’60 e del suo più noto esponente Andy Warhol.
A quasi due secoli dall’influenza estetica subita dalla generazione degli artisti europei di fine Ottocento e inizio Novecento da parte dell’arte ukiyo-e, l’arte giapponese ritorna ad avere un forte impatto visivo sulle nuove generazioni di artisti del nuovo millennio, attraverso i Manga e le Anime. In questo modo, si è creato, tra Europa, America e Asia, un “fil rouge” ideale che lega i Manga di Hokusai alle ninfee di Monet, gli straordinari disegni di Osamu Tezuka (il padre delle anime e cartoons giapponesi come li conosciamo oggi) e l’invenzione di Goldrake di Go Nagai alle borse Louis Vuitton di Murakami e Kusama, passando da Hello Kitty fino alle ultime tendenze micropop giapponesi per arrivare a tutte quelle forme d’arte variegate ispirate alle famose serie di fumetti e animazioni europee e americane.
L’idea della mostra “The new wawe of Tomoko, ONDA POP” è dunque quella di mostrare, con i differenti linguaggi di matrice giapponese, utilizzati dall’artista Tomoko Nagao, l’influenza determinante che l’estetica manga e “Edo Pop” rinnovata e attualizzata ha avuto sull’arte contemporanea internazionale in questi anni. La mostra metterà dunque a confronto le influenze europee e la rappresentazione dell’allegoria della società globalizzata e dei consumi di massa, principale caratteristica e cifra stilistica delle opere di Tomoko Nagao, con il rapporto tra società della megalopoli Tokyo e le tante tendenze estetiche, di costume, di linguaggio che ne sono derivate, grazie anche ai social media, declinate spesso in un connubio tra tradizione e iper contemporaneità. Un’analisi che, partendo dalla grande influenza provocata da artisti ormai ampiamente storicizzati come Murakami e Nara, arriva fino alle ultime tendenze “Superflat” e neopop giapponesi, fino a contaminazioni con la nuova figurazione internazionale più ironica e giocosa e a contaminazioni con l’estetica dell’advertising e della street art.

Tomoko Nagao nasce a Nagoya (JAPAN) nel 1976 e risiede attualmente a Milano. Diplomatasi dapprima presso il SAGA Art College di Kyoto, prosegue la sua formazione all’interno del prestigioso Chelsea College of Art and Design di Londra. In Giappone, nel 1999 le viene conferito l'excellence award Canon-The New Cosmos of Photography.
Viene profondamente influenzata dalle figure stilizzate di Nara Yoshimoto (suo maestro a Nagoya) e dal movimento artistico postmoderno del “superflat” definito da Murakami Takahashi. In effetti, all’interno delle opere di Tomoko Nagao i confini tra arte classica e nuovi valori della cultura pop contemporanea si assottigliano a tal punto da creare una profonda contaminazione.