Sounds Good To Me – Paolo Comuzzi

Udine - 11/04/2014 : 11/04/2014

Ultimo appuntamento della rassegna di screening video denominata SOUNDS GOOD TO ME _ ONE SHOW, succedersi di video d'arte.

Informazioni

  • Luogo: KOBO SHOP
  • Indirizzo: Via Andrea Palladio 7 - Udine - Friuli-Venezia Giulia
  • Quando: dal 11/04/2014 - al 11/04/2014
  • Vernissage: 11/04/2014 ore 18,30
  • Autori: Paolo Comuzzi
  • Curatori: Chiara Moro, Stefano Monti
  • Generi: arte contemporanea, personale

Comunicato stampa

Ultra è lieto di annunciare l'ultimo appuntamento della rassegna di screening video denominata SOUNDS GOOD TO ME _ ONE SHOW, succedersi di video d'arte che ha avuto vita da novembre 2013 attraverso una programmazione di sei eventi a cura di Chiara Moro e Stefano Monti, con la partecipazione di BridA, collettivo sloveno formato da Sendi Mango, Jurij Pavlica e Tom Kersevan, l'artista cileno Matias Guerra, Matthias Fritsch, artista mediale con sede a Berlino e Atene, il compositore e musicista Massimiliano Viel in collaborazione con il collettivo milanese Otolab, e il pluripremiato Marco Mendeni

La rassegna si chiude con la presenza dell'artista udinese Paolo Comuzzi con il video inedito "Lo scarto". L’appuntamento avrà luogo a Udine presso Kobo, venerdì 11 aprile 2014 alle 18.30, come per i precedenti eventi.


Paolo Comuzzi, come i precedenti artisti che hanno preso parte al progetto Sounds Good To Me, sostiene la scelta dei curatori che “costringono” il pubblico a una “forzata attenzione”, ovvero un’unica possibilità di visione ad un orario prestabilito, dall'inizio alla fine senza interruzioni. Questa modalità di fruizione è stata vincolo per l’artista e per gli spettatori, più in linea con le modalità degli spettacoli cinematografici rispetto a quelle standard della video arte, quest'ultima utilizzata spesso, se non solo ed esclusivamente, in quanto allestimento all’interno di mostre, fiere e biennali. L’immagine in movimento è parte integrante della nostra vita quotidiana, la sua relazione con il suono è fondamentale per andare oltre l’immagine, l’attenzione e la modalità di visione sono necessarie per andare in fondo alla percezione dell’opera. Sounds Good To Me riappropria lo spettatore del tempo di godersi la visione ed evita l’abituale frammentarietà, molto superficiale e prettamente casuale, che è causa spesso di giudizi sintetici e approssimativi.






Il video "Lo scarto" è una narrazione audio-visuale nata dalla sovrapposizione di pezzi dimenticati, suggestioni scartate, ricordi spezzettati, ma la cui resa omogenea annulla la frammentarietà originale creando un flusso ininterrotto di pensieri e sensazioni. Il progetto di Paolo Comuzzi si delinea sin dai primi attimi, attraverso le parole "Il pensiero sorregge le parole e le parole viaggiano per la stanza secondo un destino che non sappiamo più comprendere", sostenendo una linea di ricerca antropologica già affrontata nei precedenti lavori. Il racconto non lineare nato dal confluire di materiale inedito ed eterogeneo accumulato in anni di attività di riprese video, fotografica e sonora, le diverse sensazioni di persone lontane tra loro seppur unite dallo stesso sentimento, una voce narrante che torna attraverso il rileggere collage di testi, posti come somma e collettore di più soggetti e di più sguardi. In questo magma le immagini affiorano da finestre nette, poste come punti di affaccio in nuovi mondi e in cui l'intorno perde importanza nel donarla al soggetto rappresentato.




Paolo Comuzzi, nato nel 1966, vive e lavora a Udine e lavora nel campo dell’arte visiva utilizzando il video, la fotografia e le installazioni multimediali come mezzi privilegiati di ricerca. Ha partecipato a numerose esposizioni in spazi pubblici e privati, in Italia e all’estero. Come video-maker e regista ha svolto negli ultimi anni un intenso lavoro anche in ambito documentaristico su tematiche di interesse artistico, sociale e antropologico.