S’nim Oh – Chindalecoht

Montecatini Val di Cecina - 13/07/2014 : 07/09/2014

Azioni che divengono opere di raffinata estetica sintesi di linguaggi orientali ed occidentali.

Informazioni

  • Luogo: CASTELLO GINORI
  • Indirizzo: Via del Borgo 1 - Montecatini Val di Cecina - Toscana
  • Quando: dal 13/07/2014 - al 07/09/2014
  • Vernissage: 13/07/2014 ore 18,30
  • Autori: S’nim Oh
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: da mercoledì a domenica 10-12 e 16-20.

Comunicato stampa

Progressiva, lenta, ma irrefrenabile, frammentazione e trasformazione dell'identità, alle prese col
determinismo incerto della cultura contemporanea.

Un viaggio visivo e itinerante attraverso gli equilibri precari e provvisori di “Chindalecoht”, la nuova personale del cartellone “Arte e Musica 2014”, che sarà inaugurata domenica 13 luglio 2014 ore 18.30, nell’incanto di storia e natura del Castello Ginori di Querceto (Montecatini Val di Cecina (PI).
La programmazione di Accademia Libera Natura e Cultura (Ass

Marco Polo), conferma il suo spirito internazionale, e la sua sperimentazione dei cortocircuiti fra arte contemporanea e location antichissime, con la raffinata estetica, sintesi di linguaggi orientali ed occidentali, dell’artista sud coreana, nazionalizzata tedesca, S`nim Oh, che, dopo le grandi ninfe del maestro Franco Mauro Franchi, contaminerà a sua volta i percorsi esterni dell’antico castello.

Sulle pietre possenti, l’impalpabile luce tenue che rimanda le gradazioni e temperature diverse dell'incedere “sintetico” del tempo, in una sincronia reiterata fra presente e memoria, dell’opera performativa, installativo-fotografica, e di video arte, elegante e pulita, di S’nim Oh, artista e performer, originaria della Corea del Sud, residente in Germania, a Monaco di Baviera.

Si sondano direttamente, nella continuità fra corpo e anima, e nella compresenza di esterno-interno, presenza-assenza, oggetto-soggetto, le oscillazioni del Sé e le sue auto-difese. Uno scenografico, ma gentile, disagio ricomposto e sublimato, di immedesimazione universale.
Azioni che divengono opere documentali e di raffinata estetica contemporanea, sintesi di linguaggi orientali ed occidentali, in valenza paritaria, dove l'oggetto inanimato sembra talvolta più vitale del corpo vivo ed epidermico del soggetto. Una condizione che edifica spazi “altri”, abitati da forme naturali o artefatte in continuità con la figura umana, manifestando presenze tacite, palesate nella provocazione sottile degli inganni gestaltici produttivi della percezione.

Domenica 13 luglio 2014 ore 19.30: possibilità di cena per soci Marco Polo (iscrizione possibile sul luogo), contattando i recapiti +39 366 1351567, +39 329 8826391, o presso il ristorante
Locanda del Sole: tel. 0588/37407.