Simon Perathoner – Black box

Merano - 07/10/2016 : 16/10/2016

Nessun apparecchio fotografico ben programmato può essere interamente compreso da un fotografo, per questo secondo Vilélm Flusser è un "Black box".

Informazioni

  • Luogo: 00A GALLERY
  • Indirizzo: Via Ortenstein 2, 39012 - Merano - Trentino Alto Adige
  • Quando: dal 07/10/2016 - al 16/10/2016
  • Vernissage: 07/10/2016 ore 19,30
  • Autori: Simon Perathoner
  • Curatori: Camilla Martinelli
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: dal venerdì alla domenica, ore 14.00 - 21.00. Sabato 15/10 (Giornata del contemporaneo AMACI) alle ore 16.30 si terrà una visita in compagnia dell'artista, entrata gratuita.
  • Biglietti: ingresso libero

Comunicato stampa

Nessun apparecchio fotografico ben programmato può essere interamente compreso da un fotografo, per questo secondo Vilélm Flusser è un "Black box".
Il gesto del fotografo è mosso in questo senso da una conoscenza parziale, dall'infinita possibilità intrinseca a un'intelligenza artificiale che genera la possibilità di produrre stati di cose mai esistiti prima.

Il lavoro di Simon Perathoner (1984, Ortisei) si serve della sperimentazione tecnica per riflettere in senso filosofico sulla natura del medium fotografico


La poetica dell'artista parte dal presupposto che uomo e macchina comunichino attraverso il codice e che l'utensile impiegato in fotografia per realizzare le immagini,
ovvero la macchina fotografica, sia da intendere come dispositivo reso possibile dall'ingegno collettivo e conseguentemente operante come generatore di immagini che non possono essere ascritte ad un'autorialità unitaria.
La mostra riflette sulla codifica a transcodifica delle immagini, sul rapporto tra fotografia e scrittura e sull'enorme quantità di dati che vengono conservati su hardware sempre più piccoli.