Silvia Reichenbach – Autoritratti

Torino - 30/10/2018 : 04/11/2018

I nuovi lavori in esposizione in occasione di Artissima e Flashback.

Informazioni

  • Luogo: GALLERIA STUDIO REICHENBACH
  • Indirizzo: Via Sant’Anselmo 34/E - Torino - Piemonte
  • Quando: dal 30/10/2018 - al 04/11/2018
  • Vernissage: 30/10/2018 ore 18
  • Autori: Silvia Reichenbach
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: da mercoledì 31 ottobre a domenica 4 novembre, ore 10-12 e 18-22

Comunicato stampa

In occasione di Artissima e Flashback, dopo più di trent’anni di lavoro con la fotografia, Silvia Reichenbach, fedele alla continua ricerca sul tema dell’autoritratto e sui metodi di esposizione, presenta le sue ultime creazioni, in cui sperimenta nuovi supporti e tecniche fotografiche.

L’artista, con la sua attenta e paziente cura verso i materiali, si è cimentata in fototrasposizioni su ceramica e interventi manuali su fotografie utilizzando ossidi di manganese



Silvia Reichenbach si è immersa nelle diverse fasi di lavorazione, con momenti di attesa assimilabili a quelli di un archeologo che scopre poco per volta la forma di un reperto proveniente da altre epoche. Le misteriose trasformazioni determinate dalla cottura in forno, ricordano la magia della camera oscura.

La Reichenbach è tornata a esporre il suo viso, lo sguardo spesso rivolto altrove a sottolineare quanto il nascosto sia più importante del rivelato. Alludendo a ciò che è lontano dalla realtà materiale, ci offre un istante rubato all’eternità.

In riferimento a queste serie, che rispecchiano eleganza e senso del sacro, cita le parole di Sri Ramana Maharshi: “Non più sognare di essere separati / ma rifiutare tutte le forme forzate / che ancora recano il segno d’una creatura / e mantenersi nell’abbandono al suo Essere.”

A queste opere si aggiungono i lavori del 2013 che hanno confermato la Reichenbach tra gli artisti contemporanei di fotografia più originali e innovativi: le opere “mandala”, realizzate artigianalmente con la sabbia, in cui l’artista lascia cadere granelli di sabbia colorata sul supporto fotografico per ricreare l’immagine e per darle una nuova anima.

“L’autoritratto non documenta un tempo o una biografia. Guardando all’interno di se stessi, ascoltando il paesaggio interiore, stando in contatto con la propria intimità, seguendo un processo di trasformazione e spogliazione, si può intravedere il mondo della coscienza e della conoscenza”. Per l’artista è questo il modo più diretto e veritiero per percepire l’essenza, attraverso la fragile situazione in cui oggetto e soggetto diventano unità.

Scrive Daniel Girardin nel catalogo della GAM - Galleria Civica d'Arte Moderna e Contemporanea: “La grande forza delle fotografie di Silvia Reichenbach è di superare qualsiasi idea di voyeurismo e di esibizionismo assumendo la presenza vigile di una forma di bellezza originaria che impone rispetto ed emozione. E silenzio”.





Nel 2015 uno dei suoi lavori ha riguardato, su incarico del MiBACT – Direzione Generale Arte e Architettura contemporanee e Periferie urbane del Ministero per i beni e le attività culturali, Segretariato regionale per il Piemonte –, la cura della fotografia del libro dedicato al quartiere torinese di San Salvario. Sabato 3 novembre Silvia Reichenbach interverrà all’incontro dove sarà presentato il libro e, per la prima volta al pubblico, un video realizzato per completare il progetto.