Silvia Mei

Cremona - 12/02/2015 : 29/03/2015

Una natura scura che tenta il sopravvento attraverso fronde mutate da verdi a nere, per poi ricambiare di nuovo in colore, attraverso fiori vivaci, foglie rosse e ancora verdi, come elemento salvifico per quell’essere umano che nelle opere di Silvia Mei prevale su tutto.

Informazioni

  • Luogo: INTERNO18
  • Indirizzo: via Beltrami 18 - 26100 - Cremona - Lombardia
  • Quando: dal 12/02/2015 - al 29/03/2015
  • Vernissage: 12/02/2015 ore 18
  • Autori: Silvia Mei
  • Generi: arte contemporanea, personale

Comunicato stampa

INTERNO18 arte contemporanea ospiterà dal 12 febbraio al 29 marzo la mostra personale di Silvia Mei.
Nata a Cagliari nel 1985, vive e lavora a Milano. Vincitrice del Premio Art Gallery, in occasione del quale ha esposto al Palazzo delle Stelline (Milano) con una personale dal titolo Pensieri ruvidi, nel 2013 ha esordito con un solo show anche a New York (Molly Krom Gallery)



“Una natura scura che tenta il sopravvento attraverso fronde mutate da verdi a nere, per poi ricambiare di nuovo in colore, attraverso fiori vivaci, foglie rosse e ancora verdi, come elemento salvifico per quell’essere umano che nelle opere di Silvia Mei prevale su tutto. L’umano e il suo doppio che domina rispetto al gruppo familiare a cui l’artista sarda spesso faceva riferimento in passato. Quell’individuo molteplice, di cui parla Frida Khalo, l’artista messicana a cui aderiscono molti elementi della poetica della Mei. Una poetica inconfondibilmente femminile unita a uno stile brutale, che ha dei codici chiari, che riprendo da un mio testo dedicato alla pittrice sarda di poco tempo fa: impatto grezzo, quasi primitivo, un richiamo forte a quell’Art brut di un Dubuffet, che già ricordava gli antichi segni delle caverne, o ai disegni infantili del nordico Gruppo Cobra, ma sopra cui la Mei elabora infiniti dettagli minuziosi e femminili, magari leziosi, da osservare pian piano sopra i grandi fogli bianchi su cui dipinge.
L’evoluzione: ora le sue donne sono solitarie, ma spesso in coppia, unite da un elemento fondante della sua poetica: i capelli. Capelli come unione, capelli come applicazione sui grandi fogli di carta elaborati dall’artista, capelli come proseguimento di sé. E poi gli abiti colorati, non definiti nella forma e nella fantasia, ma più evanescenti ed elaborati. Quegli stessi abiti che coprono un corpo che la Mei ha devastato con i suoi difetti arcigni, estremi, che tengono l’opera in bilico tra quel piacevole sguardo di rimando dall’impatto del colore e della materia, ma dove sopravviene l’altra sensazione: quella dell’angoscia, della paura di queste figure umane allungate e spigolose, dai volti rettangolari e primitivi, e dal naso più spesso e materico, di un colore diverso come a sottolineare che non appartiene a quel contesto. Un’evoluzione dunque più forte: il volto diventa maschera – un rimando alla cultura dell’isola d’origine di Silvia Mei, la Sardegna – ed è attorniato da elementi floreali, spille, orecchini, corolle, macchie di colore. Il corpo è invaso da peli e elementi che, come radici, scorrono su gambe, braccia e petto, come a cercare un rifugio tra i seni nudi, e forse il grembo materno, luogo di pace. E poi quegli elementi che incombono: i corvi neri, gli scarafaggi, le minuscole faccine che, come tanti pensieri che si moltiplicano, rimangono sempre li, a scrutare. Un vocabolario complesso e faticoso che rende l’impatto non semplice, ma unico”.

Rossella Farinotti

PERSONALI
2014 “Silvia Mei” Studio d’Arte Cannaviello, Milano
2013 “Singing Hair”, a cura di A. Merson, Gallery Molly Krom, New York / “Pensieri Ruvidi”, a cura di R. Farinotti, Palazzo delle Stelline, Istitut francais, Milano
2012 “Ad Mirabilia”, a cura di R. Vanali, EXMà, Cagliari / “Reincarnati in natura”, a cura di C. Lio, Underdogstudio, Modena / “Different identities”, a cura di L. Russo, Le Scimmie, Milano
2010 “SSIILLVVIIAA”, acura di S. Angelini, Laboratorio di Estetica Moderna LEM, Sassari

COLLETTIVE (selezione)
2013 “LAST YOUNG”, Under 35 in Italia, a cura di A.Baldoni, R.Farinotti, L.Respi, Villa Brivio, Nova Milanese / “Premio Babel”, A cura di R. Vanali, I. S. Fenu, E.Carbone, C.Deplano, Pinacoteca Comunale “Carlo Contini”, Oristano / “Nuova Pittura Italiana”, a cura di E.Cannaviello, Galleria Opere Scelte, Torino / “Nuova Pittura Italiana”, a cura di E. Cannaviello, Spazio Aquadro, Roma / “Leap and Land”, a cura di S.Usai e P.Marras, Museo d’Arte Contemporanea Masedu, Sassari / “Beyond the Nature”, a cura di A. Lacarpia, Galleria Spazio Orlandi, Milano / “Arte in Sarpi”, a cura di R. Farinotti, Galleria Spazio Annunciata, Milano / “Il piacere dissoluto”, a cura di P. Di Lecce, Art Kitchen, Milano
2012 “L’isola dei morti”, a cura di R. Vanali, Exmà, Cagliari / “All I desire”, a cura di A. Lacarpia, Galleria Spazio Orlandi, Milano / “SOMETHING ELSE!!!!”, a cura di R.Fantoni, Antonio Colombo, Milano / “Collective Thinking 2”, a cura di C. Lio, Galérie Saint Jacques, Mentone , Francia / “Caleidoscopio”, a cura di A.Lacarpia, Galleria delle Battaglie, Brescia / “Collective ThinKing 1”, Galérie le Deux Frères, Roquebrune, Francia / “Desiderata exquisita”, a cura di P.Marras, Microgalleria, l’Aquila / “Non rompete le scatole”, Villa Arconati, Milano / “Racconti selvatici”, a cura di A.Lacarpia, Galleria delle Battaglie, Brescia
2011 “Give me 5”, MLAC Museo della Sapienza, Roma / “Branchi”, Meme arte contemporanea e prossima, Cagliari / “Sto disegnando!”, Circoloquadro, progetto di M.Rotondi, Milano / “In to the wild”, Meme arte contemporanea e prossima, Cagliari / “Cantiere”, Assab One, a cura di Remo Salvadori, Milano / “Habemus Ego”, collaterale al padiglione regionale Sardegna della Biennale di Venezia, Museo Masedu, Sassari / “Monumenti Aperti”, a cura di G.Cattani, Alghero / “Della e morte e dell’illuminazione”, Chiesa di Sant’Ambrogio della Vittoria, Parabiago / “Roundabout”, Spazio biblioteca Piazza della Vetra, Milano / “A che santo votarsi”, ex chiesa di San Carpoforo, Milano / “I gusti dell’Arte”, a cura di Andrea B. Del Guercio, Rimini, Milano, Altedo, Firenze / “Fruit of the Room”, Laboratorio 168, Cagliari / “Pesce d’aprile”, Meme galleria d’arte contemporanea e prossima, Cagliari
2010 "Poupèes”, Blublauerspazioarte, Alghero / “Arti Primaverili”, Cantoneria Santu Miali, Villanova Monteleone / “Tessere”, Laboratorio di Estetica Moderna LEM, Sassari / “OpenShow”, in occasione di “Public”, spazi urbani, Sassari
Abracadabra, convento S.Tecla, Nulvi (SS) / “Figurativismi”, grafica Oldoni, Milano
2009 “Pesciolini rossi”, Molineddu, Sassari / “Spazi d'utopia”, ex circolo dei marinai,a cura di M. Cosseddu, Alghero / “Se potessi avere un lavoro al mese”, per "Work invasion", palazzo della Provincia, Sassari / “Lezioni di volo”, in occasione di "Public”. Metamorfosi urbane", Accademia di Belle Arti, Sassari / “Say What”, Museo Sanna, a cura di M.Cinque, Sassari

PREMI
2013 “Premio Babel”, a cura di R.Vanali, C.Deplano, E.Carbone, Fondazione Stazione dell’Arte Ulassai-Museo di Maria Lai, Ulassai / “Premio Michetti”, Museo d'Arte Contemporanea e Moderna della Fondazione Michetti, Palazzo S. Domenico, Francavilla al Mare,CH / “Premio CO.CO.CO”, finalista, S. Pietro in Atrio, Como / “Premio Art Gallery”, vincitrice, Palazzo delle Stelline, Istitut francais , Milano
2012 “Premio Celeste”, secondo premio, Spazio Ex GIL, Roma / “Premio Raffaele de Grada (Menotrenta)”, finalista, Istituto C. Cattaneo, Milano / “Premio Paolo Parati”, finalista, Coop. Edificatrice Rinascita, Sedriano (Mi)
2011 “Premio O.R.A”, vincitrice, Underdogstudio, Modena / “Premio Patrizia Barlettani”, finalista, Fabbrica Borroni, Bollate
2010 “Premio Italian Factory”, finalista, First Gallery, Roma
2009 “Premio Nazionale delle Arti 2008-2009”, finalista, galleria d’arte contemporanea “Le ciminiere”, Catania
2008 “Premio primavera in Arte ERSU”, secondo premio, Sassari